-1°

Parma

La Fondazione Cariparma in campo per la città d'arte

La Fondazione Cariparma in campo per la città d'arte
Ricevi gratis le news
0

 Stefania Provinciali

Quattro progetti per Parma città d’arte: una postazione informatica per la visita virtuale del Battistero, l’acquisizione dei 429 scarabei sigillo egizi della collezione Magnarini, l’acquisizione della biblioteca d’arte di Roberto Tassi, le celebrazioni dei 250 anni della morte di Luisa Elisabetta di Borbone, la duchessa che fece di Parma una capitale europea. 
La Fondazione Cariparma ha rinnovato il proprio impegno in ambito culturale con alcuni precisi interventi legati alla storia monumentale, artistica ed umana della città, frutto di una progettualità a lungo termine portata avanti assieme ad istituzioni, enti locali e associazioni, affinché «Parma città d’arte» possa confrontarsi con gli standard italiani ed europei. Questi i significati dei progetti presentati ieri a Milano, nella sede del Touring Club Italiano, in una sala gremita. «In particolare il ruolo della Fondazione, oltre ad un impegno meramente economico ambisce ad essere volano culturale, facilitando e stimolando il rafforzamento di una identità artistica e turistica fatta di unicità e tradizioni» ha detto il presidente, Carlo Gabbi. L'incontro milanese realizzato in collaborazione con il Touring Club Italiano, è stato introdotto da Marco Berchi, direttore di Qui Touring. «Parma - ha sottolineato - è uno degli esempi più specifici della varia ed articolata civiltà italiana che lega tesori artistici e monumentali al gusto, al buon vivere, alla tavola». Don Alfredo Bianchi, direttore dei Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Parma, è entrato nei particolari dell’informatizzazione del percorso di visita del Battistero, che recupera anche un corpus di immagini storiche del restauro. «Un grande schermo ed un software appositamente progettato rendono consultabili dai visitatori nel vicino Museo Diocesano gli affreschi dell’interno in una visione impensabile e ricca di particolari». I 429 scarabei sigillo egizi della collezione Magnarini, nota a livello internazionale, acquistati dalla Fondazione e concessi in comodato gratuito al Museo Archeologico Nazionale di Parma, ha dato grande visibilità al Museo stesso che quest’anno compie 250 anni, uno tra i più antichi d’Italia e d’Europa. «Solo nel mese di febbraio sono state 1706 le presenze, un numero più che consistente» ha sottolineato Roberta Conversi, responsabile della sezione egizia, dove i preziosi scarabei sigillo sono stati collocati e sono visibili nella loro completezza grazie all’installazione di un totem con navigazione digitale a touchscreen. 
Ivo Iori, preside della Facoltà di Architettura dell’Università di Parma ha ripercorso la storia della biblioteca d’arte di Roberto Tassi. «L'acquisizione da parte della Fondazione ha evitato la dispersione di una biblioteca che raccoglie tra gli altri libri sullo studio dei pittori americani dell’Ottocento ed è una delle più importanti sull'Impressionismo con molte prime edizioni. Una volta catalogata ed informatizzata, sarà posta a disposizione del pubblico nella Facoltà di Architettura». La Fondazione sta poi creando le premesse per un grande evento espositivo e celebrativo tra Parma e Parigi, intorno alla figura di quella che per i parmigiani resterà sempre, la «Grande Babet», dal nomignolo che diede a Luisa Elisabetta il padre, Luigi XV di Francia. Lei, sposa di don Filippo di Borbone, fu donna di grande intelligenza, capace di fare di Parma, una capitale europea. 250 anni fa la sua scomparsa, ricorrenza che la Fondazione Cariparma, come ha spiegato Carlo Mambriani docente di Storia dell’Architettura all’ateneo parmense, ha deciso di ricordare con una serie di manifestazioni, fra convegni di studio e mostre. Le celebrazioni, già avviate, avranno come prossima tappa la mostra «Fuochi di gioia e lacrime d’argento. Apparati effimeri e memorie a stampa», che sarà allestita dal 10 aprile al 16 maggio a Palazzo Bossi Bocchi, con molte sorprese e pezzi rari, per vivere «in diretta», un’epoca d’oro. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5