Parma

La guerra della movida

La guerra della movida
Ricevi gratis le news
6

 

Pino Agnetti

Prepariamoci alla fuga di massa dal centro. Perché, con l’arrivo del bel tempo, la "guerra della movida" potrebbe deflagrare. E trasformare le varie vie Farini, D’Azeglio e zone limitrofe in un corrusco campo di battaglia fra residenti inferociti e non meno bellicosi gestori di locali decisi a loro volta a vender cara la pelle. Avete presente la scena madre di quel film di Scorsese in cui due bande contrapposte si affrontano all’ultimo sangue? Ecco, se non l’intenzione, lo spirito è lo stesso. D’altra parte, siamo o non siamo ormai la "petite capitale" dei comitati d’ogni razza e colore? E allora "avanti miei prodi" con tutto questo clangore di spade e di corazze. E che il buon senso - vil razza dannata! - come al solito muoia. Già, perché nessuno finora si è fatto venire in mente l’unica cosa davvero sensata in un caso del genere: incontrarsi e discutere. Magari fino all’alba (tanto, fra chi non chiude più occhio per il bailamme notturno sotto le sue finestre e chi invece gradirebbe prolungarlo fino alle sei del mattino, che problema c'è?). Magari per dar vita alla fine a un unico "comitato" di gente brava e onesta, animata solo dalla voglia di tutelare al meglio il bene e l’interesse della propria strada o del proprio quartiere. Impossibile, vero? Beh, allora si continui pure a scrivere a Berlusconi, sperando che quanto prima nomini Bertolaso "commissario straordinario" di via Farini e dintorni (dove l’emergenza è notoriamente assai più grave che a Napoli o all’Aquila). Si continui anche con quelle toccanti letterine, grondanti d’ansia per le sorti dell’ordine pubblico cittadino più che per i rispettivi incassi giornalieri, divenute ormai la specialità degli esercenti della movida ducale. E si vada avanti nei secoli dei secoli a venire con questa falsa e stonata tiritera destinata a lasciare tutto esattamente come già sta. Cioè male, per non dire sempre peggio, sia per gli uni che per gli altri. Perché bisogna essere davvero ciechi per non vedere che le strade in questione, invece di emulare o almeno avvicinare le mitiche "ramblas" di Barcellona, sono sempre più brutte, sporche e squallide. In una parola, inospitali. Tant'è, che la "clientela" non fa altro che diminuire e non certo per colpa delle proteste dei residenti. Mentre a questi ultimi non è rimasta neppure la consolazione di poter dire: "Mannaggia che rottura! Però, guarda quanta bella gente e quanta vita in giro".Esattamente la "bella gente" - a occhio e croce venti volte più del pubblico normale delle varie movide nostrane - e la "vita" altrettanto piacevole che, l’estate scorsa, hanno riempito per una notte intera i borghi di Parma fra via Garibaldi e via Saffi. Un successo clamoroso. Una festa tranquilla e gioiosa di suoni, voci, ristorantini e locali gremiti fino all’inverosimile apprezzata da tutti (grandi, adolescenti e piccini, residenti e non). E, come se non bastasse, filata via senza un solo lamento o una sola protesta. L’hanno chiamata "La notte degli artisti". Peccato solo che sia rimasta un esperimento isolato. Ci vuole tanto a farne il modello permanente, e finalmente condiviso, della "movida" di Parma?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • stufa

    08 Aprile @ 11.02

    Capisco bene il problema!!!! Anche se non abitiamo in pieno centro, ma direi in periferia (esattamente in Via Picasso) abbiamo questo problema tutto l'anno e naturalmente accentuato in primavera-estate!!! C'è un bar-caffetteria che è aperto tutti i giorni dalle 6,00 alle 24,00, senza chiusura settimanale, che raccoglie un mucchio di gente che schiamazza fino alle 2.00-3.00 di mattina, e dove vengono somministrati alcolici in bottiglie di vetro fino a quell'ora!!!! Chi ci tutela???Questa gente probabilmente al mattino resta a letto ma noi, per fortuna, dobbiamo andare a lavorare!!!Chi pensa alla nostra salute???Le autorità come intervengono????Esistiamo anche noi!!!!

    Rispondi

  • ettore

    04 Aprile @ 20.47

    bravo Paolo non servono incontri basta che non solo il comune ma anche la polizia i carabinieri i vigili urbani (l'arpa faccia i rilevamenti )facciano rispettare le leggi che già ci sono e poi non ci sarà più bisogno di nessuna guerra tra residenti e gestori dei bar.Penso che sia ancora in vigore la legge che obbliga i baristi a non dare più alcolici quando una persona è già alticcia ,nei condomini dove sono situati i bar sicuramente nel regolamento c'è che dopo le 22 non si possono disturbare i vicini poi i regolamenti nazionali e comunali basta rispettarli e la convivenza è assicurata.Voglio aggiungere a via farini e zone limitrofe che lo scorso anno nel periodo estivo anche Largo Mercantini è stata interessata dalla movida e anche se non pubblicate anche qua vi sono state varie proteste alle autorità.

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    04 Aprile @ 20.24

    Perchè non si vuole rispettare una legge ben precisa, esaustiva, democratica, che rispetta tutti i cittadini, recepita da tutti i paesi dell' UE ? Per quattro soldi ? Lo scrivente non abita nella via ma invito i residenti a portare e spandere, o gettare dalle finestre escrementi tipo sisso per la via prima della movida ! Così le autorità saranno soddisfatte !!

    Rispondi

  • Francesco

    04 Aprile @ 18.02

    A MIO PARERE , LE CITTA' , DI PROVINCIA E NON DI PROVINCIA , HANNO BISOGNO CHE LA GENTE CHE DEVE E VUOLE RIPOSARE IN CASA PROPRIA, SPECIE SE ANZIANI E AMMALATI, POSSA FARLO NELLA TRANQUILLITA' E NEL RISPETTO CUI HA SACROSANTO DIRITTO , SENZA ESSERE TERRORIZZATA DA SCHIAMAZZI FINO ALL' ALBA , E SENZA VEDERSI RIDOTTA A LATRINA LA PORTA DI CASA ! RINNOVO AI RESIDENTI IL SUGGERIMENTO DI FAR "CAUSA CIVILE" PER RISARCIMENTO DANNI , AI LOCALI CHE ORGANIZZANO, GESTISCONO E SFRUTTANO LE "MOVIDE", E RINNOVO L' INVITO A CHI , GIUSTAMENTE , VUOLE DIVERTIRSI PER QUALCHE ORA , AD ANDARE A FARLO AL CENTRO TORRI , CHE NON E' LONTANO , E' FACILMENTE RAGGIUNGIBILE , DOVE C' E' TUTTO E NON SI DISTURBA NESSUNO.

    Rispondi

  • cristiano lorenzetto

    04 Aprile @ 10.10

    A mio parere le citta di provincia come Parma hanno bisogno di mille e una notte di movida per allegrare l'atmosfera gia pesantemente triste dopotutto la crisi economica che affige questi tempi per cui abbiamo bisogno di allegria,vita,gioiosita come la Spagna,riprendiamo l'onore e il diritto alla movida sempre piu piena nei centri delle citta...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260