12°

23°

Parma

Giovanni, le prime parole dopo 15 anni

Giovanni, le prime parole dopo 15 anni
Ricevi gratis le news
0
Alessia De Rosa

Dopo tre anni e mezzo di attesa, le prime parole. 
Un lungo silenzio quello di Giovanni, un ragazzo autistico di quindici anni, dal quale è uscito grazie all’amore per la musica. 
Un amore che inizia nei suoi primi anni di vita e che gli ha fatto conoscere un nuovo mezzo per comunicare, la musicoterapia: disciplina che usa tutte le potenzialità dell’elemento sonoro all’interno di un processo terapeutico.
«A tre anni e mezzo mio figlio ancora non parlava. Non reagiva a nessuno stimolo esterno, chiuso nel suo mondo silenzioso. Un giorno ho visto il suo sguardo cambiare, catturato da qualcosa che stava ascoltando: c'era la radio accesa e le note di una canzone in sottofondo che riempivano la stanza». 
Inizia così il racconto di Valeria, la madre di Giovanni, che alla musicoterapia, dice, deve la gioia di aver sentito suo figlio chiamarla mamma. 
Un percorso lungo che inizia nel 1998 alla cooperativa sociale «Le mani parlanti»: «Fin da piccolo, Giovanni è sempre stato affascinato da tutto ciò che avesse un ritmo - racconta Valeria -. Ricordo bene come cambiava l’espressione del suo viso quando ascoltava la musica: il suo sguardo era più attento, si muoveva come se volesse ballare e mi sembrava che cercasse di cantare, ma senza riuscirci. Così mi sono informata sulla possibilità di utilizzare la musica per aiutare disturbi come l’autismo e ho scoperto, qui a Parma, l’associazione "Le mani parlanti" in cui mio figlio ha iniziato la musicoterapia». 
Un bambino di soli tre anni, Giovanni, capace di scegliere da solo la propria «cura» per abbattere quel muro di silenzio che lo divideva dal mondo intero.

Il percorso continua
 Un percorso che continua ancora oggi al centro «Aias», ora che quel bambino è cresciuto e di anni ne ha quindici: «Fin dalla sua prima seduta è stato un successo - continua Valeria -. Ogni volta che mio figlio termina la sua ora di musicoterapia io vedo il suo viso sereno, rilassato. E questo, per me che sono una madre, è la cosa più importante». 
E' un racconto dolce e sospirato quello di Valeria che con soddisfazione, e particolari minuziosi tipici di ogni madre, racconta i progressi fatti dal figlio in questi dodici anni di terapia: «Dopo tre mesi che frequentava le sedute di musicoterapia Giovanni ha detto le sue prime parole: "mamma" e "papà". E dopo sei mesi ha cantato la sua prima canzone, "Mi scappa la pipì papà". Oggi Giovanni, grazie anche all’ausilio di altre terapie, riesce a comunicare facilmente».
«I ragazzi come mio figlio hanno bisogno di tanto amore e attenzione, ma soprattutto hanno bisogno di essere stimolati con quello che più gli piace». 
Stimoli e tenacia

 Uno stimolo che Giovanni ha trovato nella musica grazie anche alla tenacia della madre: «In quanto madre non mi sarei mai perdonata di non aver fatto tutto il possibile per aiutare mio figlio. Oggi lui va a scuola, fa sport, vede la televisione; io e mio marito cerchiamo di fargli vivere una vita normale, e se questo è possibile, ad oggi, mi sento di ringraziare anche la musicoterapia». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Sul Lungoparma

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti: «Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere e gentiluomo

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»