19°

Parma

Barroso a Parma: "Città a vocazione europea" - Sul ponte nord: "Idea originale". Sabato la prima pietra - Discorso al Regio: "L'Europa superi i particolarismi"

Barroso a Parma: "Città a vocazione europea" - Sul ponte nord: "Idea originale". Sabato la prima pietra - Discorso al Regio: "L'Europa superi i particolarismi"
Ricevi gratis le news
1

Il presidente della Commissione europea José Manuel Durão Barroso oggi è in visita a Parma: prima un incontro in municipio, dove ha incontrato il sindaco Pietro Vignali, poi una lectio magistralis al Teatro Regio sulle sfide dell'Europa. Barroso è ospite della Fondazione Collegio Europeo.

"PARMA CITTA' EUROPEA, E' UN ESEMPIO". Barroso ha definito Parma come una città "a vocazione europea". Vignali ha mostrato al presidente Barroso, nel proprio ufficio, i plastici di quattro opere cardine della trasformazione di Parma in chiave europea: la nuova sede dell'Efsa, la Scuola europea, la nuova stazione ferroviaria e il ponte nord, del quale sabato sarà posata la prima pietra. «Sarà un ponte vissuto», ha sottolineato Vignali, mentre Barroso ha apprezzato l'«idea originale». 
«È la terza volta che vengo a Parma - ha detto il presidente della Commissione -. Devo dire che ogni volta sono colpito dalla vocazione europea di questa città. Si vede anche in queste opere che stanno crescendo, come la sede Efsa e lo stesso Collegio europeo, istituzioni che danno alla città un respiro europeo. È quello che c'è anche in Italia e che auspicherei ci fosse in tutta l'Unione europea. Spero nella crescita dello spirito europeo» in tutto il continente. «Qui a Parma - ha detto ancora Barroso - c'è l'esempio di come si possa lavorare bene per l'Europa».
Il sindaco Vignali, presentando i plastici a Barroso, ha sottolineato in particolare che ci sono tante richieste di aspiranti insegnanti per la Scuola europea. Molti docenti madrelingua hanno chiesto di venire a Parma, rispondendo al bando europeo anche più di quanto pensassero in Comune. 

"ECONOMIA SOLIDA, MA SERVE UNO SFORZO SUI CONTI". Poi un commento sulla situazione economica. Secondo il presidente della Commissione europea, l’economia italiana è «solida e forte», anche se nell’affrontare la crisi «come per altri Paesi è necessario uno sforzo» sui conti pubblici. Barroso dice che sui conti pubblici «l'Italia, come altri Paesi, deve fare uno sforzo» e «mantenere la disciplina». «A nostro giudizio - ha aggiunto il presidente - l'economia italiana è solida».
Incontrando i cronisti fra la visita in municipio e la sua lectio magistralis al Regio, Barroso ha detto inoltre che l'accordo raggiunto ieri su un prestito da 30 miliardi per la Grecia è «una buona decisione». Ssulla posizione della Germania, Barroso commenta: «Abbiamo raggiunto un compromesso, un compromesso all’Europea». Poi, sorridendo, aggiunge: «Diciamo un compromesso all’italiana».
L'ospite ha risposto anche a una domanda sulla questione Ogm. «Come Commissione europea non siamo per principio né a favore né contro» gli organismi geneticamente modificati, ha aggiunto José Barroso, rispondendo ai cronisti in Comune. Il presidente sottolinea così che «recentemente è stata presa una decisione sugli Ogm basata sulla posizione dell’Agenzia europea per la Sicurezza alimentare di Parma. Ci basiamo su consigli scientifici, su quello che ci dicono gli esperti».

FUORI PROGRAMMA CULTURALE. Mentre si recava al Teatro Regio, Barroso ha fatto una «deviazione» di carattere culturale: ha visitato brevemente il Teatro Farnese e la Galleria Nazionale (era interessato in particolare a «La schiava turca» di Parmigianino e «Testa di fanciulla» attribuita a Leonardo da Vinci).
Subito dopo, l'incontro al Parma point con il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, che l’ha salutato con una calorosa stretta di mano: “Questo è il Palazzo della Provincia. E qui abbiamo aperto un punto informativo per i turisti: il Parma point, vera e propria “vetrina” di Parma e del Parmense”. “Verdi, Toscanini… Parmigianino”, ha detto Barroso guardandosi intorno. Prima di uscire, una sosta nella sala del touch screen, davanti alla raffigurazione del territorio provinciale. “I castelli, le città d’arte, l’Appennino, le terme, la musica… e tanto altro. La caratteristica della nostra provincia è proprio questa: una grande ricchezza di emergenze. In qualunque direzione si vada si trova qualcosa di bello e di interessante, per tanti gusti diversi”, ha detto Bernazzoli a Barroso, che ha ricevuto in dono un libro sui castelli di Parma e Piacenza e una stampa raffigurante il Palazzo della Provincia.

LA LECTIO MAGISTRALIS. Nella sua lectio magistralis, il presidente della Commissione ha detto che la strada maestra per l'Europa è il superamento dei particolarismi nazionali. «Non possiamo lasciare che gli egoismi nazionali tornino a prenderci la mano, e vedo qua e là qualche tentazione di farlo», ha detto in particolare il relatore, sottolineando che nell’affrontare la crisi, e nel delineare le «riforme ambiziose» che servono in Europa per guardare al futuro, «sarebbe un errore contrapporre interessi nazionali: si può essere patrioti e allo stesso tempo difendere l’Europa. Bisogna lavorare insieme». Un esempio della giusta collaborazione fra i Paesi membri è l'intesa su un prestito da 30 miliardi di euro alla Grecia, che lui definisce «un test di credibilità per l'Europa».
Barroso ha aggiunto che in ogni caso bisogna mantenere alta l'attenzione sulla coesione sociale: l'Europa «non può abbandonare i più deboli», altrimenti «è destinata a declinare».
Uno degli studenti del Collegio europeo ha fatto all'ospite di oggi una domanda sulla strategia della Commissione nell’affrontare la crisi e Barroso ha colto l’occasione per sottolineare ancora che non devono esserci contrapposizioni tra politiche nazionali ed europee. «Quando mi chiedono delle strategie delle commissioni chiarisco quello che sto dicendo a tutti i governi, da Berlusconi a Sarkozy alla Merkel: è la 'nostrà strategia». Per Barroso «tutti sono titolari delle strategie adottate» a Bruxelles «ed è un’idea sbagliata quella di pensare che ci sia uno in alto ed altri in basso: tutti, ad ogni livello, dai Comuni alla Commissione europea, dobbiamo giocare un ruolo in prima persona». I singoli Paesi non devono seguire una loro strada ma è anche sbagliato pensare che «tutto debba essere fatto e deciso a Bruxelles», sottolinea Barroso, ribadendo un invito «a lavorare insieme».

IL MENU DEGLI CHEF DI MAXIM'S. Dopo aver risposto alle domande di alcuni studenti del Collegio europeo, José Barroso ha partecipato al pranzo organizzato al Circolo di lettura: sono stati preparati 84 coperti (fra rappresentanti delle istituzioni, imprenditori e ospiti vari). Gli chef di Maxim's hanno preparato un menu con culatello, risotto alla Giuseppe Verdi, lombo grigliato e un dessert della casa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • manuel

    12 Aprile @ 11.14

    ah si? economia solida? non pensavo..alla conferenza di confindustria hanno detto tutti il contrario...ma va bene così, non si vorrà mica cambiare strada eh?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro