10°

22°

Parma

Legambiente: "I concerti in Giardino? Atto contro natura" -. Il Comune: "Il Parco sarà rispettato"

Legambiente: "I concerti in Giardino? Atto contro natura" -. Il Comune: "Il Parco sarà rispettato"
Ricevi gratis le news
28

LE ACCUSE DI LEGAMBIENTE -  Laddove non si può  suonare nemmeno un  tamburo, regolamento alla mano, non si possono tenere concerti.  Per Legambiente la  rassegna musicale «Sotto il cielo di Parma», programmata in Giardino,  è «un atto contro natura».   Lo «sconcerto» dell'associazione ambientalista è per «l'assoluta mancanza di riguardo dell'amministrazione comunale verso il Parco Ducale: un parco monumentale snaturato a scenario per concerti  musicali».  Sì perchè  dal 18 giugno  al 24 luglio,  nel polmone verde,    canteranno Bob Dylan, Poalo Conte, Giovanni Allievi, Elisa, Lucio Dalla e Francesco De Gregori, Emir Kustiruca & The no smoking orchestra. Legambiente rileva che «un parco non è un contenitore vuoto: è uno scrigno della natura, un organismo vivo, ricco di biodiversità. Installare una platea di 5mila posti per assistere a concerti con musica sparata ad alto volume (quanto, non è dato sapere), vuol dire compromettere fortemente la tenuta del sistema naturale del Parco Ducale, che come tutti i parmigiani sanno non è uno spiazzo degradato da rivitalizzare. Invece dobbiamo constatare che il verde, per l'amministrazione guidata dal sindaco Vignali, è sempre più considerato solo una funzione estetica».

E poi appunto c'è il regolamento del verde pubblico che - come fa notare Legambiente - «in vigore da pochi mesi  si è ridotto a carta straccia».   L'invito è  a leggere l'articolo 41,  che   tutela il Parco Ducale   in modo rigoroso. («Il Giardino  - si legge nel testo -  riveste, non solo per la città di Parma, ma anche per l’intera collettività  nazionale, un particolare significato storico, culturale e monumentale, dal quale deriva l’esigenza  per l’amministrazione comunale di assicurarne nel tempo il mantenimento delle caratteristiche  peculiari strutturali e morfologiche, attraverso strumenti di tutela in grado di garantirne uso e  funzioni ad esso compatibili»).
Poi Legambiente   cita il comma «g», che vieta di «provocare rumore (ad esempio con tamburi, con urla e schiamazzi), fatta eccezione per il rumore prodotto dalle operazione di manutenzione». Come si può conciliare tale divieto,  chiede Legambiente,  «con eventi sonori quali quelli annunciati nella rassegna "Sotto il cielo di Parma"?».  L'artico 41 vieta inoltre   «di giocare con la palla, con il frisby o con qualsiasi altro oggetto che venga lanciato (comma d)»;  di «calpestare i prati sottoposti a tutela»; di «attraversare le siepi»; di «fare pic nic e campeggio». Legambiente «chiede che venga reso pubblico il verbale e i pareri espressi dai diversi organi tecnici della Commissione provinciale vigilanza degli spettacoli sulla rassegna musicale estiva del Comune».  
 
LA REPLICA DEL COMUNE - In merito alla nota di Legambiente circa l’utilizzo del Parco Ducale per alcuni appuntamenti musicali in programma in città nel 2010, si ritengono necessarie alcune precisazioni.
Vanno sottolineati, innanzitutto, sia il limitato numero di concerti in programma, sia il tipo di esibizioni, che non è certamente “con musica sparata ad alto volume”, come sostiene l’associazione.
Il programma propone infatti una serie di appuntamenti centrati sulla musica raffinata, di qualità, la cui esecuzione avverrà nel pieno rispetto delle specificità ambientali del Parco Ducale.
Si prenda ad esempio l’attesissimo concerto di Bob Dylan: sarà un evento non a caso inserito nel ParmaPoesia Festival, nel quale Dylan si presenterà come artista a tutto tondo, che proporrà uno spettacolo al cui centro starà la parola poetica, insieme naturalmente alla musica.
Non sfuggirà, d'altra parte, a nessuno come molti parchi in Italia e all’estero ospitino da sempre eventi musicale di ampia partecipazione: in questo senso, sono noti, soltanto per restare nel nostro Paese, i casi di Boboli o della Venaria Reale, che ospitano concerti di forte richiamo.
Va infine ricordato che questa Amministrazione comunale ha da sempre puntato sul verde non tanto come elemento estetico, quanto piuttosto come risorsa fondamentale per la qualità della vita: gli spazi verdi possono e devono insomma essere vissuti dai cittadini, sempre nel rispetto dei doverosi parametri di tutela ambientale.
Questo - possiamo garantirlo - avverrà anche in occasione dei concerti previsti nei prossimi mesi, molti dei quali rappresenteranno eventi unici per la città.
 
L'Amministrazione comunale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    20 Aprile @ 14.24

    X Francesca: A parte il commento superfluo sull'andare a vivere in Islanda, da dove per altro potremmo imparare molte cose sulla civiltà...io non sono di Legambiente, e neanche tu a quanto pare, ma questo non vuol dire che abbiamo il diritto di rovinare i pochi spazi verdi rimasti per farci i nostri porci comodi. Di spazi per fare dei concerti ce ne sono anche troppi, il problema è che a Parma di iniziative per i giovani come concerti non ce ne sono, perchè i concerti non sono solo l'Aida le opere di Giuseppe Verdi, basterebbe che i concerti li organizzassero e li facessero nei luoghi adatti. Comunque guarda bene che la Terra non è ne mia, ne tua ne dell'amministrazione comunale, anche se tu pensi il contrario. Il Mondo è già stato rivinato a sufficienza, e qualche volta si farebbe bene a pensare di preservarlo un pochino meglio.

    Rispondi

  • E. Piovani

    20 Aprile @ 10.17

    rispettato? ci prendono in giro? Hanno forse intenzione di tenere il volume della musica ad un livello che si confà alla notte in un parco? Che pena....

    Rispondi

  • francesca

    20 Aprile @ 08.08

    iniziativa stupenda,mi pareva strano che quei cavernicoli di legambiente non ci mettessero lo zampino!ma vadano a vivere in islanda...

    Rispondi

  • Giulio

    20 Aprile @ 07.02

    Come sempre io credo sia utile guardare ad altri luoghi in cui questa esperienza è già stata fatta. I concerti nei parchi (anche in quelli centrali e belli delle capitali) si fanno da 40 anni in tutto il mondo, anche in paesi dove il rispetto e la cura dell'ambiente è molto maggiore che in Italia. E non parlo solo di concerti di musica classica, ma anche di concerti rock, etc. Legambiente!!! Accettate l'inceneritore e alzate la voce per il parco? Beh, penso dobbiate rivedere le vostre priorità.

    Rispondi

  • Michele

    19 Aprile @ 22.22

    Comune scellerato! a quando una bella lottizzazione nel parco?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Furto in vialla a Langhirano

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

1commento

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

2commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

6commenti

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

2commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel