10°

20°

Parma

Baby squillo: i "clienti" accusano Livraga

Ricevi gratis le news
0

di Davide Barilli

Arrivano alla spicciolata. Dalle 8,30 in avanti. Camminando a passo spedito. Rasenti al muro, molti a testa bassa. Qualcuno cerca di «nascondersi» dietro gli occhiali da sole. Altri si coprono il viso con un giornale. Uomini qualsiasi: facce anonime, i classici insospettabili. Quasi tutti in jeans e giubbotto, uno in giacca e cravatta. Protetti dai loro avvocati. Qualcuno ha pensato bene di farsi accompagnare dalle figlie. Uno si è presentato addirittura con la moglie. Scene di ordinario imbarazzo. Cinquantenni dalla coscienza sporca - accusati di aver costretto a rapporti «hard» e violenti - ragazzine di cui, per età, potevano essere i padri. E invece, secondo la procura, ne sono diventati gli «aguzzini»: senza scrupoli, affamati di sesso spinto, con la complicità di quel Livraga, l'esperto di caldaie dalla doppia vita: dietro le sbarre da sette mesi.

Si è concluso dopo cinque ore l'interrogatorio di garanzia dei sei parmigiani coinvolti nell’inchiesta del giro di «baby squillo» gestito da Franco Livraga, il 61enne idraulico parmigiano in carcere da settembre con l’accusa, tra le altre, di sfruttamento della prostituzione anche minorile, violenza sessuale e di gruppo e cessione di stupefacenti. I sei, quasi tutti commercianti tra i 50 e i 60 anni che si trovano agli arresti domiciliari - tre di loro hanno chiesto la revoca, con il permesso di recarsi al lavoro - sono comparsi davanti al gip Pietro Rogato in presenza del pm Lucia Russo e dei rispettivi legali, fra cui Mario Bonati, Amerigo Ghirardi, Giorgia Donata Cappelluto e Daniele Carra.

Tre degli indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, mentre gli altri hanno risposto alle domande del gip dichiarando di aver sempre pagato Livraga per ricevere prestazioni sessuali dalle ragazze che avevano già raggiunto la maggiore età. Insomma, nessuna violenza o stupro di gruppo, come contestato - per gran parte di loro - nell'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip al quale, peraltro, la procura aveva chiesto la misura molto più severa della custodia cautelare in carcere. Normali clienti di un giro di prostituzione: questa la loro difesa. Gente capace - nella pausa pranzo - di raccontare una bugia alla moglie e di andare a consumare un rapporto in uno dei tre appartamenti presi in affitto, in va Dalmazia, borgo Carissimi e via Corso Corsi. Ma senza commettere reati, sostengono. A loro dire le ragazze erano consenzienti. Un normale «affare»: soldi in cambio di sesso, insomma. Una tesi difensiva che si scontra con i racconti scabrosi delle presunte vittime, che mettono in una luce diversa quei padri di famiglia finiti in un mare di guai. Per due di loro - tra l'altro - c'è anche l'accusa di aver pagato gli affitti di due «alcove»: ovvero il reato di induzione e favoreggiamento della prostituzione. Fuori dal tribunale, appoggiato a un motorino, un sessantenne tracagnotto, dai capelli bisunti - amico di uno degli arrestati - bofonchia con convinzione: «Come si fa ad arrestare gente onesta per un po' di sesso spinto... con tutto quello che succede in giro». Poi si guarda intorno. Cerca complicità: ma trova solo un glaciale vuoto che è peggio di un pugno in faccia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro