Parma

Telefoni lontani dalla testa con il «distanziofono»

Telefoni lontani dalla testa con il «distanziofono»
Ricevi gratis le news
2

C’è una cosa che ognuno di noi ha sempre in testa. Farne a meno è diventato impossibile e prenderne le giuste distanze, secondo alcuni, è l’unica soluzione. Stiamo parlando del telefonino e del pressoché morboso rapporto che ad esso ci lega. È targata Parma un’invenzione del tutto curiosa e potenzialmente rivoluzionaria che punta a trasformare il nostro approccio all’uso del dispositivo mobile per eccellenza. Si tratta del distanziofono: uno strumento che, posizionato sul telefono cellulare, amplifica la voce dell’interlocutore consentendo all’utilizzatore di ascoltarlo tenendo l’apparecchio lontano dalla testa e riducendo così sensibilmente gli effetti delle onde elettromagnetiche. Tralasciando quindi la «dipendenza» da dispositivi mobili che affligge buona parte delle persone, rimane comunque un dato di fatto: tutti noi telefoniamo (tanto) e in buona parte lo facciamo nel più classico dei modi, «incollando» il cellulare all’orecchio. Di tanto in tanto, poi, ci interroghiamo sul danno delle onde elettromagnetiche al nostro cervello, passiamo in rassegna le nostre abitudini, malediciamo lo stile di vita a cui la frenesia di questo mondo ci costringe e poi passiamo oltre, probabilmente distratti dall’ennesimo trillo.
«Il distanziofono è uno stimolatore al corretto utilizzo del telefono cellulare che aiuta chi lo usa ad allontanare il cellulare dalla testa quando telefona - commenta Giovanni Casillo, medico del lavoro che da 15 anni vive a Parma e che qui ha fondato Cemep, il Centro di medicina preventiva attraverso il quale ha realizzato lo strumento -. Molte persone hanno gli auricolari, ma non li utilizzano. Circa 4 anni fa, quando l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro classificò le onde elettromagnetiche come potenzialmente cancerogene e quasi contemporaneamente l’Inail di Brescia riconobbe un’indennità professionale a un impiegato che per ragioni di lavoro utilizzava per diverse ore al giorno il cellulare e che aveva sviluppato un neurinoma dell’acustico, mi venne l’idea di creare un dispositivo che si frapponesse, come un ostacolo, fra il telefono e la testa; lo pensai con una forma troncoconica per permettere al suono di arrivare all’orecchio nonostante la distanza». L’oggetto, il cui brevetto è in corso di registrazione, è di plastica ed è lungo 3 centimetri (una distanza che corrisponde a una riduzione del Sar, tasso di assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte del tessuto biologico, dell’80%); la distanza tra telefono e tempia, tuttavia, può raggiungere anche i 10 centimetri, semplicemente tenendo il distanziofono staccato dall’orecchio.
«Credo sia sbagliato dire che le onde elettromagnetiche fanno male: sono un tipo di energia, come lo è il fuoco - continua Casillo -. Il fuoco fa male? No di certo, ma fa male il suo scorretto utilizzo: se metti una mano sulla fiamma ti ustioni. Così le onde elettromagnetiche: non è il telefono cellulare ad essere dannoso, ma l’uso che ne facciamo. L’importante è calcolare la giusta distanza, esattamente come per il fuoco».
«Abbiamo chiesto all’Università di Parma di effettuare uno studio sul distanziofono ed è stato certificato come riduca dell’80% il Sar» aggiunge il medico. Il dispositivo, inoltre, limita il rischio di dermatiti da contatto telefono-testa e rende più igienico l’uso del telefono. Un nuovo strumento, una nuova parola. «Il dottor Casillo è venuto da me tre anni fa con quest’idea e un prototipo 3D - sottolinea Leonardo Cagnolati, titolare di uno studio creativo di Parma con il quale Casillo ha poi sviluppato l’idea -. Abbiamo pensato a un nome che raccogliesse in sé i significati di distanza e amplificazione, e il neologismo che ne è uscito è sicuramente identificativo. Il riscontro di chi ha iniziato a utilizzare il prodotto è positivo; ora i distanziofoni sono disponibili in diversi colori, ma l’idea è quella di personalizzarli, come avviene con le cover». Il prodotto è acquistabile al prezzo di 14.90 euro unicamente online, sul sito www.distanziofono.it, e a Parma, nello studio di prototipazione di strada XXII Luglio 52.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nikimp3

    01 Aprile @ 19.40

    Mai sentito parlare di Vivavoce?

    Rispondi

  • Francesco

    29 Marzo @ 22.47

    Lo spirito dell'iniziativa è lodevole. L'idea del Distanziofono è già stata percorsa da Cell Spacer (USA) e, di recente, dal Cuoretto (Italia). Ho già commentato criticamente questi congegni su www.occhioalleonde.it nel giugno del 2015 (spazio interattivo). Gli auricolari del tipo "airtube" sono, a mio avviso, la soluzione più efficace.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Troppo pochi disposti a donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video