11°

17°

Parma

Addio al supertifoso Gigi Gandini il dodicesimo "giocatore" gialloblù

Addio al supertifoso Gigi Gandini il dodicesimo "giocatore" gialloblù
Ricevi gratis le news
0

 Luciano Campanini

La scomparsa di  Luigi Gandini. Per chi lo conosceva, soprattutto nell’ambiente del Parma, semplicemente Gigi. Gigi era un tifoso speciale, anzi specialissimo. «Era uno di noi - ricorda Nevio Scala - uno dei miei giocatori. A lui era concesso tutto. Aveva il privilegio di entrare negli spogliatoi, di salire in pullman con noi. Il giovedì partecipava, talvolta, alle partitelle. E lo faceva sempre con entusiasmo ma sempre con grande rispetto e correttezza». «Posso dire - prosegue Scala - che la sua simpatia, il suo buonumore, il suo attaccamento al Parma ha contribuito a cementare quel fantastico gruppo che si è tolto e che ha regalato ai tifosi gialloblù, tante soddisfazioni». Prima di tifare Parma, Gigi era stato di fede juventina, e del Juventus Club Parma era stato anche appassionato animatore. «Per questi suoi trascorsi bianconeri - continua Scala - lo prendevamo un po' in giro. Lui lasciava fare, anche perché la maglia del Parma l’aveva appiccicata alla pelle». «Oltre ad essere un tifoso del Parma - confida Sandro Melli - era anche un tecnico. Durante gli allenamenti, soprattutto quelli del giovedì, andava in panchina e agli allenatori dispensava consigli. Soprattutto ad Arrigo Sacchi. Con lui parlava di moduli e di giocatori. Erano confronti serrati, che noi seguivamo dal campo con simpatia ed attenzione». «Sì - conferma Melli - Gigi era uno di noi. Più di una mascotte. Era un amico che ci ha regalato momenti di toccante umanità». «Ultimamente lo si vedeva raramente - continua il bomber crociato -. Però a Massa, in occasione del Memorial dedicato a Gian Piero Vitali, c'era sempre. Qualche volta è entrato con la maglietta del Parma ed ha giocato. Fra Gian Piero e Gigi era nata una amicizia vera. Era molto legato alla sua famiglia». «Quando c'era Parma-Juve, però - confida ancora Melli - era un dramma. Amava il Parma e stravedeva per tutti i suoi giocatori. Ma il suo primo amore era stato la Juve. Il cuore, insomma, era diviso a metà. Il pari era sempre il risultato migliore per lui».
 
«Gigi Gandini era unico - ricorda con nostalgia il capitano per antonomasia, Lorenzo Minotti -. Il Parma era diventato la sua ragione di vita. Sin dai tempi del compianto presidente Ceresini, si era avvicinato alla squadra e la sua partecipazione è sempre stata entusiasta e appassionata - Partecipava agli allenamenti, alle feste organizzate dai vari Parma Club e con i giocatori aveva sviluppato un grande rapporto. Festeggiare il suo compleanno era un rito. Non si poteva mancare». «Come accennato, Gigi partecipava alla nostra vita di calciatori - è sempre Minotti che parla -. Il giovedì entrava in campo per la partitella e ce la metteva tutta. Batteva anche i rigori e quando li sbagliava si arrabbiava tantissimo». «Se c'era una fila sullo Stradone verso il Tardini - continua il capitano - sicuramente era lui, con la sua macchinetta. Noi giocatori lo sorpassavamo e lo salutavamo, dandoci appuntamento negli spogliatoi. Ma Gigi aveva sviluppato un rapporto di amicizia anche con Claudio Bozzetti, il masseur, e con la Valeria Bonazzi, la mitica segretaria dei tempi della promozione». «Gigi in tribuna, occupava uno dei posti immediatamente dietro la panchina del Parma - conclude Minotti - e durante la partita sentivamo che lui, soprattutto quando le cose non andavano bene, suggeriva perentoriamente a Scala i cambi più opportuni...e se non venivano fatti e si perdeva, erano discussioni per tutta la settimana». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

2commenti

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va