-1°

Parma

Il '68 parmigiano: fra utopie e occupazioni -Dopo 40 anni, la protesta di Scienze politiche

Il '68 parmigiano: fra utopie e occupazioni -Dopo 40 anni, la protesta di Scienze politiche
Ricevi gratis le news
1

di Francesca Lombardi

La messa di Pasqua, quell'anno, fu celebrata all'università. Occupata. Dietro l'altare pagano c'era don Antonio Moroni, che era un prete ma anche un assistente universitario che stava dalla parte degli studenti. Il giorno prima della Liberazione, insieme al leader Roberto Taverna, venne anche arrestato per essere rimesso in libertà qualche ora dopo.
Erano in tanti, in quei giorni fatti di assemblee, di manifestazioni in piazza e di foglietti gialli su cui si scrivevano “mozioni cinesi”. Erano “quelli del Sessantotto”: erano i contestatori della riforma universitaria, erano i ribelli, erano i sognatori realisti che volevano cambiare il mondo. Roberto Spocci, che oggi è responsabile dell'archivio storico comunale, era uno di loro. Aveva 20 anni, e faceva del gran casino. Anche lui alimentava quel respiro ampio e sconfinato a cui mal si adattava la normalità, anche lui voleva provocare. «L'ambiente universitario era vivace – ricorda - : il fermento del nuovo si sentiva nell'aria».

L'ATENEO OCCUPATO – Il fermento diventò energia il 25 marzo. Quel giorno, dopo un'assemblea, una trentina di studenti e assistenti optò per l'occupazione della sede centrale dell'università. L'azione durò poche ore, ma rappresentò il “ciak”di un film già visto in altre città italiane. Il 4, il 5 e il 6 aprile in successione, esattamente un mese dopo l'occupazione del liceo Parini di Milano, gli studenti parmigiani entrarono “a tempo indeterminato”prima nella Facoltà di Scienze, poi nella sede centrale e infine nella Facoltà di Medicina. La loro occupazione, racconta Spocci, fu documentata perfino da alcuni giornali spagnoli. Con cartelli, libri e coperte per trascorrere la nottata, i ragazzi volevano dire «no» alle risposte «elusive» del Senato accademico alle loro richieste. «Chiedevamo che lo studio fosse garantito a tutti, volevamo un rapporto diverso fra studente e docente – ricorda Spocci -, eravamo contro la riforma scolastica e pensavamo di cambiare il mondo». Quel mondo sognato era scritto in otto punti: erano stati presentati all'assemblea di ateneo il 14 marzo, e chiedevano, fra le altre cose, nuove modalità di svolgimento delle attività didattiche e libertà di costruirsi percorsi di studio personalizzati. Qualcuno di quei punti diventò realtà in poco tempo: fra studenti e professori, dice Spocci, il legame in quei giorni si fece forte e nello stesso tempo informale. Ma tante altre richieste soffocarono nelle pagine di storia e nella polvere di una memoria romantica che mai avrebbe immaginato che in futuro gli esami universitari si sarebbero fatti barrando delle crocette.

TRA PIAZZE, CHIESE E MANICOMI – E' stata più che una protesta studentesca. Nel '68 il  vento della polemica, a Parma, soffiava anche nelle chiese e nei manicomi, oltre che nelle fabbriche. Il 6 aprile il personale infermieristico e i degenti dell'ospedale psichiatrico di Colorno, appoggiati dalla Cgil, scesero in piazza Garibaldi in camicie di forza e fecero dimostrazioni pratiche sull'uso dei mezzi di contenzione, cioè di spondine da letto, cinture, bracciali per tenere fermi i pazienti. Cinque mesi più avanti, fu occupata anche la Cattedrale. Don Pino Setti fu allontanato dalla sua parrocchia, gli occupanti ottennero una denuncia per “vilipendio alla religione di Stato”. Poi ci furono le manifestazioni in via Repubblica e in via  D'Azeglio dei dipendenti della Salamini, e ancora, il 20 novembre, i cortei degli studenti delle scuole medie contro il regime dei colonnelli in Grecia e la condanna a morte di Alexandros Panagulis. «Fu una contestazione a tutto campo che vide liberate molte forze giovanili – conclude Spocci, che sul “lungo '68” sta scrivendo un libro -: si partecipò finalmente alla vita collettiva, cosa che non avviene oggi. Molti dei protagonisti di quel tempo, infatti, si persero per strada o scelsero ruoli di potere, tradendo forse i loro sogni giovanili».

Racconta il tuo '68 inserendo un commento nella colonna a fianco

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • FL

    12 Maggio @ 13.45

    Come sempre Francesca ha realizzato un ottimo servizio. Non ho l'eta per raccontare il 68, ma la memoria intelligente è sempre un esercizio utile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5