21°

Parma

L'aggressione fra genitori al torneo "Fair play" - Dai lettori testimonianze e tantissimi commenti

L'aggressione fra genitori al torneo "Fair play" - Dai lettori testimonianze e tantissimi commenti
Ricevi gratis le news
102

La rissa al torneo fair play di Fognano, fra i genitori di calciatori ragazzini, suscita reazioni e riflessioni.

IL COMUNE - «Lo sport deve finire in prima pagina per altri motivi, non per una “rissa” tra genitori. Sono cose vergognose e interverrò in ma­niera pesante per fare sì che non succeda mai più». L’assessore al­lo Sport del Comune di Parma accoglie con stupore e amarezza la notizia della gazzarra accadu­ta alcuni giorni fa al campo di Fognano. «Si tratta di un episo­dio grave, purtroppo non isola­to, che induce a una serie di con­siderazioni – prosegue Ghiretti ­. Già nei giorni scorsi è stato dato mandato agli uffici del servizio sport del Comune di svolgere un’indagine approfondita sull’episodio, per verificare l’eventuale presenza di anomalie o errate applicazioni nelle pro­cedure previste per gli impianti sportivi comunali. Non verrà escluso nulla, nemmeno di arri­vare all’esclusione del pubblico da alcuni campi sportivi o alla revoca di concessioni a società sportive. Ipotesi estrema, ma non certo impossibile alla luce di episodi indegni di una città sportiva e civile qual è sempre stata Parma. Non soltanto il Co­mune farà la sua parte con de­cisioni e misure preventive, ma invita al medesimo impegno tut­te le organizzazioni sportive del­la città: è una battaglia comune che richiama tutti noi all’impe­gno. Alle società ed enti sportivi chiediamo di usare la mano fer­ma nell’isolare quei pochi per­sonaggi che non hanno compre­so o fingono di non comprende­re i danni che i loro comporta­menti arrecano all’intera comu­nità. In secondo luogo, appare più che mai urgente e necessario un lavoro di educazione allo sport. Lo sport è gioco con re­gole, e questo va insegnato ai ra­gazzi come ai genitori: è il no­stro obiettivo primo. A Parma abbiamo genitori straordinari e dirigenti che danno il massimo, ma lo sport è troppo importante per il futuro dei nostri giovani e non basta la buona volontà per diventare dirigenti di società sportive, senza la necessaria pro­fessionalità. Ecco perché a set­tembre partiranno dei corsi di formazione per tecnici e dirigen­ti per la gestione del personale e dei percorsi educativi, ecco per­ché sperimenteremo le parent school sul modello anglosassone in sostegno ai genitori».
 

Nuove testimonianze sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola

 

LA VICENDA (Gazzetta di Parma 14-5)

Laura Frugoni

Non fa quasi più notizia (pur­troppo), la violenza negli stadi.

Però qui i calciatori avevano dai 12 ai 13 anni a testa, la rissa a fine partita è scattata tra un grap­polo di genitori inferociti e un papà è finito all'ospedale per una brutta botta a una spalla. Se poi aggiungi che il torneo dei ragaz­zini si chiamava «Fair Play», la notizia c'è e non si può ignorare. Un altro padre s'è trovato a fare la parte dell'«indignato speciale»: ha scritto una lettera alla Gaz­zetta, firmata «un genitore come tanti che ha cercato di dare una risposta al figlio». La lettera è pubblicata oggi sul quotidiano, non ri­maneva che cercare di capire co­sa fosse successo, e perché, sa­bato pomeriggio al campo di Fo­gnano.

Categoria esordienti, finale del torneo a girone unico tra Ju­ventus Club e Milan Club. La squadra che vinceva sarebbe an­data dritta a Bologna (per un triangolare). (...)

«Era una partita decisiva, in campo c'è stato un po' di ner­vosismo - spiega Cesare Bertozzi, allenatore del Milan Club - ma quello che è successo sugli spalti è stato una cosa indecorosa. Da un continuo battibeccare tra al­cune mamme durante la partita, la cosa è degenerata dopo il fi­schio finale (ha vinto la Juve due a uno, ndr) in una rissa da fu­metto ». Il parapiglia si è acceso e spento in pochi istanti: partito da due-tre genitori esagitati, poi altri ci sono finiti dentro nel ten­tativo di dividere i contendenti. «Alla fine il papà di un ragazzo aveva male a una spalla: ha detto che stava cercando di placare gli animi e non si è accorto neanche come e da chi abbia ricevuto il colpo. E comunque dopo è an­dato all'ospedale, gli hanno mes­so un tutore e dovrà portarlo trenta giorni».
 

Altri particolari e la lettera del papà scandalizzato sulla Gazzetta di Parma 14-5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • max

    18 Maggio @ 15.30

    Sto seguendo con molta tristezza le vicende accadute a Fognano e purtroppo anche con interesse visto che mio figlio gioca in una delle società da alcuni anni. Sfortunatamente ci sono genitori che prendono troppo sul serio la partita del figlio e soprattutto credono che il proprio sia un campione per cui vorrebbero vincesse sempre e giocasse tutta la partita ad ogni costo. Ma è anche vero che ci sono società (come una di queste due, l\'altra non so) che non hanno la cultura della sconfitta e che pertanto devono vincere sempre e comunque perchè alla fine avranno il loro bravo interesse economico nella \"vendita\" di giocatori/ragazzi sottratti qua e là ad altre squadre. I ragazzi entrano in campo con la paura di perdere, compresi gli allenatori che se non raggiungono l\'obiettivo di primi o secondi in classifica vengono additati come perdenti ed a volte esonerati come fosse un campionato professionistico. Da qui la tensione anche fuori dal campo tra genitori che si immedesimano nei figli e di conseguenza nella \"maglia\" del figli : con questo lungi da me il difendere quegli incivili, uso un termine gentile, che sono venuti alle mani). Dal voler sempre vincere a tutti i costi nasce anche \"l\'emarginazione\" verso alcuni bambini/ragazzi che se giudicati negativamente(non dico \"balordi\") dal tecnico ed educatore (chiamiamolo così) alla sportività ed aggregazione, vengono lasciati perennemente in panchina.Nel migliore dei casi giocano alcuni minuti nel secondo tempo e nel peggiore non vengono nemmeno convocati per la partita del sabato o della domenica. Bisognerebbe che tutti facessimo un bell\'esame di coscienza, ma soprattutto che il calcio rimanesse uno SPORT per far divertire e crescere con sani principi i ragazzi, accrescendone anche l\'autostima e non il contrario. Provate a chiedere ad un ragazzino come si sente ad essere considerato inferiore ad altri, magari meno capaci ,ma presi in considerazione per qualche motivo che non sto ad esporre. Ovviamnete io parlo per la realtà che conosco.Sono sicuro che esistano sicuramente ancora società che non hanno lo scopo di lucro e per le quali il Calcio e lo sport sono ancora portatori di educazione e sani principi.

    Rispondi

  • massimo

    17 Maggio @ 15.07

    Questi genitori hanno dimostrato di non poter essere educatori ed a loro andrebbe tolta la patria potestà, affidando i loro figli agli assistenti sociali e successivamente ad altre coppie disposte ad educarli in modo consapevole verso i veri affetti e i veri valori. Se non li ricordano. onestà, tolleranza, sincerità, rispetto "dell'avversario" ecc.ecc. Mi chiedo solo una cosa, avranno una coscienza per cui potersi vergognare?..

    Rispondi

  • Ale

    17 Maggio @ 10.55

    Ragazzi, dedicatevi al CICLISMO, dove il tifo è sempre a favore (della fatica), MAI contro qualcuno.

    Rispondi

  • marzio

    17 Maggio @ 09.02

    ma i giornali quelli sanno leggere????????? ma non leggono che hanno contro tutti e che li stiamo redarguendo per quello che hanno fatto, or apure continuano ?????????

    Rispondi

  • michele

    16 Maggio @ 21.41

    L'ambiente del calcio e' negativo a tutti i livelli. Cari giovani dedicatevi ad altri sport ! Mio figlio ha 20 anni ed e' arbitro di rugby, arbitra giovanili e a livello senior per ora la serie C e in una occasione serie B. Quando assegna un cartellino, l'"energumeno" di turno si lamenta due secondi, china la testa ed esce dal campo senza fare tante storie. Dal pubblico il massimo arrivato per ora e' un "Arbitro mo va a cagher" A fine partita si mangia e si beve comunque tutti insieme (arbitro compreso) Direi che il calcioo e' proprio un'altra cosa

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro