-3°

Parma

Editoriale - Serve un segnale forte contro la corruzione

Ricevi gratis le news
2

Dopo lo stillicidio di rivelazioni degli ultimi giorni, ci attende un'altra settimana di fuoco sul fronte corruzione. Si parla di altri due ministri coinvolti nel caso Anemone, il costruttore sospettato di aver regalato o ristrutturato gratuitamente appartamenti alla «Roma bene» in cambio di appalti pubblici e favori di varia natura. E si fanno sempre più insistenti le voci di imminenti dimissioni del capo della protezione civile, Guido Bertolaso. Lo stesso Berlusconi, che lo ha difeso a oltranza, si sarebbe reso conto della necessità di un ricambio. Il governo per ora non vacilla, ma il premier, pressato da leghisti e finiani, ha scelto un deciso cambio di rotta. «Nessuna indulgenza, nessuna impunità, chi ha sbagliato dovrà pagare», ha detto Berlusconi, sollecitando una rapida approvazione del ddl anticorruzione. A questo proposito, anche fra i più stretti collaboratori del presidente del Consiglio, c'è chi spinge per un testo molto più severo e rigoroso di quello presentato che a giudizio dell'opposizione non sarebbe altro che «uno spot senza sostanza».

Il ministro Meloni, ad esempio, auspica una norma che preveda la «squalifica a vita», per i politici condannati in via definitiva per corruzione o per qualunque altro reato commesso nell’esercizio della propria funzione. Non c'è dubbio che il governo debba dare un segnale forte all'opinione pubblica, indignata per i privilegi della casta, schifata dal «magna-magna» di una cricca prepotente e sicura dell'impunità. Qui non siamo di fronte a casi isolati di corruzione, a due o tre mariuoli avidi di denaro: quello che emerge dalle inchieste è un dilagante sistema di malaffare, una ragnatela di favori incrociati a danno dell'erario e della collettività, un sottobosco squallido di personaggi di ogni tipo, fra cui esponenti politici, militari e del clero, che approfittavano della propria posizione per un tornaconto personale. Per non pagare la casa o per pagarla la metà del dovuto, per avere la ristrutturazione gratuita, per trasformare un sottotetto fatiscente in una lussuosa mansarda. E tutti si rivolgevano a lui, Diego Anemone.

Il costruttore quarantenne, con entrature di primo piano nel mondo politico, assegnatario per anni dei più ambiti appalti pubblici, teneva un diario. Un elenco dettagliatissimo di tutti i lavori fatti in uffici pubblici e in case private, con indirizzi, nomi e cognomi. Questa lista di 380 nominativi, trovata dalla Guardia di Finanza sul suo computer, è finita sui giornali prima che sulle scrivanie dei magistrati di Perugia, titolari dell'inchiesta.

«E' un gioco al massacro - ha tuonato il Pdl - una lista di proscrizione, una caccia alle streghe». Ha ragione Berlusconi a dire che un elenco di clienti di una ditta non può essere presentato come una lista di colpevoli. Ma questi signori, che oggi protestano contro la gogna mediatica, se sono in regola non hanno niente da temere. Quando l'autorità giudiziaria li chiamerà, portino con sé le fatture, le matrici degli assegni, dimostrino di aver pagato il giusto prezzo. Non siamo giustizialisti, ma abbiamo la sensazione che non saranno molti quelli che ne usciranno a testa alta e con le mani pulite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dispiaciuta

    16 Maggio @ 13.23

    Fuori tutti!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Andrea

    16 Maggio @ 10.28

    "Lupus in fabula" ... quando il più discusso, indagato e impaludato in una sequela di procedimenti giudiziari è proprio il capo ... le dimissioni di Berlusconi da Presidente del Consiglio sono precondizione a qualunque discorso sul ritorno alla moralità e trasparenza nella gestione della cosa pubblica.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

Il giovane aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento