Parma

Rosa Oliva: «La mia battaglia per la parità delle donne»

Rosa Oliva: «La mia battaglia per la parità delle donne»
Ricevi gratis le news
0
Monica Tiezzi
Oggi, attivissima nonostante la pensione, presiede l'associazione «Aspettare stanca»,  che si occupa di promozione delle donne sul lavoro.   Di aspettare,  Rosa Oliva era stanca anche 50 anni fa, quando promosse il ricorso alla Corte costituzionale che aprì alle donne  tutti gli impieghi pubblici. Un merito che, l'8 marzo scorso, Giornata della donna,   le  ha riconosciuto pubblicamente  anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ci sarebbe dovuta essere anche lei all'incontro parmigiano, ma un imprevisto familiare l'ha costretta («con grande rammarico», dice) a Roma.  
Come nacque l'idea del ricorso?
«Era il 1958, mi ero appena laureata  in Scienze politiche. Avevo avuto come docenti  due grandi giuristi: Carlo Esposito e Costantino Mortati. Con quest'ultimo, che  aveva partecipato all'assemblea costituente, discussi  la tesi in diritto costituzionale e comparato ed ebbi modo di parlare più volte della legge 1176 del 1919. Una legge per molti aspetti importante per le donne perché eliminava, ad esempio, l'obbligo di autorizzazione maritale. Ma dall'altro lato precludeva alle donne alcune carriere pubbliche come quella giudiziale, quella militare e tutte quelle che presupponevano l'esercizio di diritti e potestà politiche, perchè all'epoca le donne non avevano diritto di voto. Mortati  sosteneva   l'illegittimità costituzionale dell'articolo 7. Fu in quel periodo che   feci alcune domande per concorsi pubblici, inclusa una per la carriera prefettizia. Come mi aspettavo, fu rifiutata: possedevo tutti i requisiti salvo “l'appartenenza al sesso maschile”. Andai da Mortati con la motivazione del rigetto. E lui accettò immediatamente di patrocinarmi».
La vittoria era scontata?
«Per niente. La discussione fra i giuristi era accesa, il  sentire comune non aiutava, i tempi non erano maturi. Quando affrontavo la questione con i coetanei  mi sentivo rispondere: “ma davvero credi che saresti capace di fare il prefetto?”. O il militare, o il giudice, o l'ambasciatore. Ribattevo: se le donne possono fare  lavori  di fatica, perché non una professione dietro una scrivania?»
E, invece, le cose andarono come forse nemmeno lei avrebbe immaginato...
«Quei giudici dimostrarono grande apertura mentale,  come   i costituenti quando avevano redatto l'articolo 3 della Costituzione, secondo il quale “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. L'articolo che invece  quella legge del 1919  negava».
Perché questa sentenza così importante non è così conosciuta  come  tante altre decisive  battaglie per la parità tra uomo e donna?
«Me lo sono chiesta spesso. Subito dopo il pronunciamento ebbi grande notorietà, ma poi della sentenza  si è   sempre parlato in modo sporadico, da addetti ai lavori. Credo di aver precorso i tempi. Il '68 e il femminismo erano ancora lontani. E poi io mi ero mossa   da sola:   una battaglia   individuale, non collettiva».
I risultati di quella sentenza si sono visti subito?
«Assolutamente no. Solo nel 1999, con l'arrivo  delle donne nell'esercito (e l'Italia in questo è stato l'ultimo Paese europeo)  si sono davvero aperte   tutte le carriere pubbliche».
Il tetto legislativo è stato  sfondato.  E quello invisibile, di cristallo, che preclude a  tante  donne i posti di responsabilità e potere? O impone loro di scegliere fra famiglia e lavoro?

«Guardi, io stessa, dopo aver vinto un concorso come dirigente all'Intendenza di Finanza e aver lavorato per 13 anni, ho dovuto licenziarmi quando è nato il secondo figlio: non ce la facevo più. Sono riuscita a rientrare nel mondo del  lavoro dopo   14 anni (è stata, fra l'altro,  consulente della Commissione infanzia del Senato e collaboratrice della senatrice Ombretta Fumagalli Carulli,  ndr). L'Italia resta, in Europa, uno dei Paesi dove le donne, a causa  della mancanza di sostegno pubblico,  abbandonano più spesso il lavoro anche solo dopo il primo figlio. E la sotto-occupazione femminile non incide solo sull'economia, rendendo più povero il Paese, ma sul destino personale di ogni donna, sulla possibilità di sviluppare il proprio progetto di vita».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

GAZZAFUN

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

Lealtrenotizie

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

Aveva 41 anni

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale domani alle 14,30

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'ultimo saluto a Giulia

Fedez in piazza per Capodanno. Ancora casi di bullismo. Inchiesta sulla dislessia

la storia

Colorno, i richiedenti asilo al lavoro a fianco dei volontari

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Uccide i figli: indagato il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta le squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260