20°

33°

Emilia-Romagna

Oltre 8mila profughi in regione: 1.049 nel Parmense

Dati e riflessioni nella Giornata mondiale del rifugiato

Oltre 8mila profughi in regione: 1.049 nel Parmense
Ricevi gratis le news
11

Oltre 8mila profughi, richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria, sono stati accolti quest’anno in Emilia-Romagna. Di questi, il Parmense ne ha accolti 1.049 quest'anno. 
Il bilancio è stato fatto dalla Regione nella Giornata mondiale del rifugiato. Ci sono anche i dati nazionali: sono il 6,62% dei 122mila presenti nel nostro Paese. 833 I minori (782 maschi e 51 femmine) sul totale di 11.434 accolti in Italia. Sono invece 47.873 i migranti che, per il ministero dell’Interno, sono sbarcati sulle coste italiane nei primi sei mesi 2016. 
L’Emilia-Romagna, ha spiegato l'assessore al Welfare Elisabetta Gualmini «è la terra dell’accoglienza responsabile e della solidarietà. Siamo convinti che solo lo scambio e l’unione tra i diversi popoli possano proiettarci verso un futuro migliore e una società più aperta e plurale». 

«In questa giornata, l’attenzione della Regione Emilia-Romagna è dedicata anche al tema della presenza di minori stranieri non accompagnati, per i quali sono necessarie misure di accoglienza più specializzate, sistemi di accertamento dell’età anagrafica più efficienti, maggiore coordinamento tra le strutture di prima e seconda accoglienza, azioni di contrasto all’accattonaggio e alla prostituzione minorile».
Per questo, ha spiegato, nel sistema regionale di accoglienza dei minori saranno potenziati gli interventi mirati alla loro autonomia, anche attraverso l’insegnamento della lingua italiana, l’inserimento nelle strutture di mediatori linguistico-culturali, la realizzazione di progetti educativi personalizzati. Oltre all’accoglienza dei migranti nelle diverse strutture ad essa destinate, l’Emilia-Romagna, attraverso l’ Accordo sottoscritto nel giugno scorso con la Prefettura di Bologna e il Terzo settore, è impegnata a sostenere la realizzazione di attività di volontariato per l’integrazione sociale dei migrati inseriti nelle strutture di accoglienza governative per richiedenti protezione internazionale.
Ad oggi sono stati attivati 271 percorsi individuali di volontariato, ma ne sono previsti ulteriori entro settembre 2016, distribuiti in 21 dei 38 distretti del territorio. 
I settori maggiormente interessati sono la cura del verde pubblico, la manutenzione di spazi pubblici, la partecipazione ad eventi socio-culturali. A breve, saranno liquidati dalla Regione i primi contribuiti ai Comuni che hanno avviato queste attività di volontariato.
Sul versante dell’accoglienza e del coinvolgimento dei cittadini, la Regione intende promuovere alcuni progetti che prevedono l’accoglienza in famiglia di richiedenti e/o titolari di protezione internazionale; queste attività, gestite dalle locali sezioni di Caritas italiana o previste nell’ambito del Sistema nazionale di accoglienza Sprar, sono già attive nei territori di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Rimini, Cattolica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    22 Giugno @ 12.53

    robe dell'altro mondo!!!! assurdo!

    Rispondi

  • Annalisa

    21 Giugno @ 09.07

    1000 profughi nel parmense....se contiamo gli spacciatori che pattugliano la città arriviamo a più di 500!!! quindi chiamiamoli col loro nome: non facciamo arrivare profughi, ma SPACCIATORI DI DROGA!!!!!...che le istituzioni proteggono!!!!!!

    Rispondi

  • corra

    21 Giugno @ 08.27

    certamente in questo stato di cose molti ci lucrano sotto però questi sconsiderati che incentivano questa invasione sono i responsabili di gran parte del male che sta colpendo la nostra società da tutto ciò nascono una miriade di problemi che ci stanno portando alla rovina quali aumento della criminalità,sanità al collasso,ritorno di malattie che erano ormai scomparse pericolo per le pensioni future,posti di lavoro sempre più carenti perchè questi disperati vengono sfruttati e sottopagati dalla criminalità organizzata,non occorre essere dei luminari per capire quante risorse si devono mettere in campo per sostenere queste persone che hanno bisogno di tutto e in cambio non danno niente e per favore smettiamola con quella demagogia ipocrita da due soldi.

    Rispondi

  • Gio

    20 Giugno @ 22.39

    Giorgio R.

    Le tasse stanno aumentando sia quelle dirette che quelle indirette. Le scuole costano tanto i servizi pure. Questa gente arriva e ha necessità di cure CHE PAGHIAMO NOI. Se non ci fossero dietro interessi incredibili per alcuni italiani che prendono soldi dal Viminale (Roma)o da Bruxelles che elargisce per l'accoglienza (la metà dell'iva va a Bruxelles e se ne vanno ceninaia di milioni di euro all'anno). Stiamo andando sempre più in basso e non andrà bene per nessuno a parte certe onlus e coop che più ne arrivano più ci guadagnano.

    Rispondi

  • gigiprimo

    20 Giugno @ 20.47

    vignolipierluigi@alice.it

    L'onu ci sta rovinando. Chi comanda ? Fra paesi africani e asiatici sono più del 60% dei componenti dell'assemblea. Sono loro che creano il surplus di abitanti e hanno trovato il modo di disfarsi della zavorra. Lehho in altro articolo di una hiovane che scrive poesie sull'Europa libera, sarebbe meglio le scrivesse Sudafrica libera!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

Inchiesta sulle bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

PARMA

Lite al parco di via Milano: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Bollette anomale e strani anticipi da pagare: le storie sulla Gazzetta di Parma

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

3commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

TORINO

Figlio muore sul Cervino, la madre discute la  tesi Video

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel