22°

Parma

Via Farini, lettera aperta dei residenti: "La movida? Un boato"

Via Farini, lettera aperta dei residenti: "La movida? Un boato"
Ricevi gratis le news
20

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta del comitato civico di via Farini e intitolata "Il boato della movida":

"Per una provvidenziale coincidenza, poco dopo la recente inchiesta della Gazzetta di Parma su “Il rumore della movida”, l'Arpa ha reso disponibili i dati delle nuove misurazioni dell'inquinamento acustico effettuate nel mese di maggio, nella seconda tratta di Via Farini e in Via Sauro.  Per i diretti interessati è possibile richiedere alla stessa Arpa la scheda delle rilevazioni fonometriche e la relazione di accompagnamento, ma possiamo anticipare che i nuovi dati segnalano il puntuale sforamento dei limiti massimi previsti dalla normativa nazionale, regionale e comunale, per non parlare delle linee guida OMS e delle direttive europee in materia.
Sul punto va premesso che il piano di zonizzazione acustica adottato dal Comune di Parma nel 2005 ha discutibilmente attribuito a diverse vie del centro storico la qualifica di “aree ad intensa attività umana”, pur trattandosi di zone residenziali di tipo misto, con ciò consentendo emissioni in ore notturne fino alla soglia massima di 55 decibel, invece dei canonici 45/50 decibel previsti per le altre aree della città: ciononostante i dati ARPA registrano il puntuale sforamento del limite di 55 decibel tutte le sere dal martedì alla domenica, con un crescendo che porta a punte di 78,2 decibel il venerdì e il sabato sera, tra le 23.00 e le 02.00, e un delta di superamento massimo pari a 19,8 decibel. Considerando che la scala dei decibel è logaritmica, per cui uno sforamento di 20 decibel equivale a un rumore di intensità 100 volte superiore al consentito, bisogna riconoscere che si tratta di valori assolutamente esagerati, al punto che i tecnici dell’ARPA, organo tecnico assolutamente super partes, nella propria relazione parlano della necessità di provvedimenti contingibili ed urgenti per il risanamento acustico dell'area.
Insomma, sembra definitivamente provato che il boato della movida cancella il riposo dei residenti e concretizza una serie di fatti illeciti: innanzitutto l'illecito penale del c.d. disturbo della quiete pubblica, che è un reato previsto dall'art. 659 del codice penale, in secondo luogo l'illecito civile della lesione del diritto al sonno, come espressione del diritto alla salute, riconosciuto e garantito dall'art. 32 della Costituzione.
Ma la movida non è soltanto inquinamento acustico, è anche inquinamento atmosferico, perché porta in centro ogni notte migliaia di giovani automuniti che scorrazzano liberamente e parcheggiano ovunque, e infine è anche un problema di ordine pubblico e d'igiene, poiché angoli e vicoli vengono usati  liberamente come latrine a cielo aperto.
Il nostro Comitato ha raccolto diversi filmati e fotografie dei gravi problemi di viabilità e sosta che puntualmente si verificano le sere di movida, così come è stato documentato ciò che la movida lascia in regalo ogni mattina, in termini di residui organici, come conseguenza dell'abuso di alcolici. Sono infine state segnalate alcune risse e, in più occasioni, minacce e atteggiamenti aggressivi dei frequentatori.
Personalmente credo che il modello culturale e (dis)educativo che viene fuori da certi eccessi della movida, quando non è più aggregazione ma vira allo sballo, è in qualche modo agli antipodi della “città educante” immaginata dal Sindaco Vignali, mentre “l’orizzonte che si ferma al bicchiere in mano”, come ha sottolineato il Vescovo Solmi, rischia di abbassare le speranze dei giovani,
Ma se le considerazioni etiche e sociologiche possono non interessare, non si possono invece ignorare gli abusi e le violazioni, rispetto ai quali l'Amministrazione ha il preciso dovere di intervenire.
Occorre allora riportare il fenomeno entro limiti di ragionevole tollerabilità, con una serie di provvedimenti diretti a diminuire il numero di persone sulla pubblica via, ridurre l'impatto acustico antropico e  musicale e, per finire, chiudere ad un orario sensato per consentire il riposo dei residenti.
Le proposte del nostro Comitato, condivise dai Comitati Oltretorrente, La Steccata e B.go del Correggio, sono per la moratoria al rilascio di nuove licenze di pubblico esercizio e di plateatico, per evitare eccessive concentrazioni di locali e di avventori, l'istituzione di una ZTL notturna dalle 22.00 alle 03.00, per controllare gli accessi, il divieto di fare musica comunque percepibile all'esterno dei locali dopo le 23.00, con l'introduzione di  limitazioni orarie anche alla vendita di alcolici e, infine, la chiusura dei locali pubblici tutte le sere a mezzanotte.
Si tratta di proposte che si fondano sulle esperienze già fatte in altre città italiane, perché la ZTL notturna esiste a Roma, Milano, Firenze, Pisa e altre, mentre un po' dappertutto si stanno adottando provvedimenti restrittivi sugli orari di chiusura e sulla vendita di alcolici.
La speranza è di sentire presto il nostro Sindaco ripetere le parole del Sindaco di Pisa, che facendo propri gli argomenti dell'agguerrito Comitato locale “La Cittadella”, ha battezzato gli ultimi provvedimenti restrittivi dicendo: “Ma tra il divertimento e il sonno l'Amministrazione non ha dubbi, e sceglie il diritto al sonno dei residenti”.
Per il momento qui a Parma, in Via Farini e borghi circostanti, restiamo ben svegli".


p. Comitato Civico Farini
      Giovanni Passerini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    12 Giugno @ 16.03

    Ieri sera varie macchine parcheggiate in via farini nel tratto terminale della strada nella corsia degli autobus e per di più contromano, ho avvisato due vigili ma non hanno fatto nulla. Per la cronaca poi alcuni gli ho visti personalmente bere superalcolici e birre poi mettersi al volante dell'auto. Perchè non un bell'etilometro a barriera farini? Forse non si può perchè è gente importante quella

    Rispondi

  • Lobster

    12 Giugno @ 12.56

    Popolo 73: ti sembra che il cinecity si trovi vicino alle abitazioni? Hai notato un fenomeno simile a quello della movida al Barilla center? Ultima cosa: il disco-bar di fronte al Barilla center. Gli abitanti si sono lamentati eccome! A parte la tua evidente stizza nei confronti dei residenti nel centro, ai tuoi occhi solo grassi ricchi e indolenti proprietari di attici da 300 mq. (ai miei che ci abito, gente normale, tanti pensionati e onesti lavoratori), ti consiglio di argomentare con maggiore riflessione le tue convinzioni. Senza acredine alcuna: buona movida, ma nei modi dovuti!

    Rispondi

  • new boy 1973

    12 Giugno @ 12.45

    per LU: A dire il vero sono pochi quelli che dalla provincia si vogliono trasferire in centro e sono moltissimi quelli che decidono di andarsene...ma non certo per la movida!! magari per l'inquinamento, il caldo e la mancanza di parcheggi... magari facessero la movida sotto casa mia....mi basterebbe uscire dalla porta di casa per immergermi in un mondo di bella gente e allegra. Se poi dovesse capitare il giorno in cui non vorro' sentire il brusio (e trattasi di brusio! perchè di persone che camminano per strada urlando come pazzi non ne ho mai viste) vorrà dire che metterò i doppi vetri. Se volevate vivere in un posto tranquillo, non dovevate prendere casa in centro a Parma (la movida esiste da 15 anni!!), ma magari sulle colline di Traversetolo o Monticelli... Perchè non vi lamentete del rumore degli autobus e di tutte quelle auto che entrano in centro atutte le ore del giorno (anche senza permesso)? Perchè non vi lamentete dell'inquinamento e della mancanza di posaceneri (visto che è vietato buttare le sigarette a terra....ma anche cartacce ed altro)? Perchè non vi lamentate del fatto che in un centro storico così bello come quello di Parma non esiste un bagno pubblico??? Non potete sfogare le vostre frustrazioni da "carcerati in centro" (con tutto rispetto per i carcerati), solo perchè al venerdì e al sabato la gente si ritrova lì !!! poi le vie frequentate sono due e la piazza. Perchè non vi siete lamentati quando il comune vi ha bloccato il centro per le ultime manifestazioni? dovevamo andare a Reggio a feteggiare il 25 Aprile e il 1° Maggio? e la festa dei fiori?.....ve lo ripeto SIETE DEI BRONTOLONI RETROGRADI!!! ......E SIETE PESI!!!

    Rispondi

  • lu

    12 Giugno @ 12.12

    caro popolo73, intanto per iniziare nessuno vuole piu abitare in via farini da quando c e la movida, quindi il valore immobiliare salira sicuramente se iniziera a esserci meno casino, saremo pesi ma non mi sembra un idea molto intelligente cercare di superare la crisi economica dei negozianti e baristi arrecando danno agli altri....... auindi vedi di fari venire un altra brillante idea: magari sotto casa tua la movida.....

    Rispondi

  • lord Wilmore

    12 Giugno @ 12.03

    L'Articolo è corretto e la fisica non è un'opinione: Due sorgenti uguali comportano un incremento del livello di pressione sonora efficace originaria Lpi di 3 dB, in quanto si ha 10 log 2 = 3,01; 3 sorgenti uguali comportano un incremento di 4,77 dB in quanto si ha 10 log 3 = 4,77; 4 sorgenti uguali comportano un incremento di 6 dB, in quanto si ha 10 log 4 = 6,02; 10 sorgenti uguali comportano un incremento di 10 dB, in quanto si ha 10 log 10 = 10; 100 sorgenti uguali comportano un incremento di 20 dB, in quanto si ha 10 log 100 = 20; 1000 sorgenti uguali comportano un incremento di 30 dB, in quanto si ha 10 log 1000 = 30, e così via. In base a questi risultati si pu`o anche concludere che un incremento di 3 dB comporta un raddoppio della potenza associata al suono mentre, ad esempio, un incremento di 6 dB comporta un aumento di 4 volte della potenza associata, un incremento di 10 dB comporta un aumento di 10 volte della potenza associata, un incremento di 20 dB comporta un aumento di 100 volte della potenza associata, un incremento di 30 dB comporta un aumento di 1000 volte della potenza associata, ecc....

    Rispondi

    • Frank

      12 Giugno @ 12.46

      Il suo ragionamento è corretto, peccato che nella formula che ha scritto si è scordato di elevare al quadrato la quantità dentro il logaritmo, e per le proprietà dei logaritmi, elevare al quadrato è come moltiplicare per due...

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»