10°

22°

Libri

La vita delle famiglie «arcobaleno»: tra quotidianità e paure

600 questionari a Parma: pregiudizi più diffusi tra i medici, assistenti sociali più «aperti»

Famiglie «arcobaleno»: tra quotidianità e paure
Ricevi gratis le news
0
 

«Davvero noi psicologi dobbiamo ancora replicare a chi dice che i bambini che crescono con genitori dello stesso sesso sviluppano problemi particolari?». Se lo chiede – lo chiede – con uno sbuffo tra amarezza e impazienza, Marina Everri. E se davvero bisogna ancora rispondere, «abbiamo a disposizione un corpus di 40 anni di ricerche internazionali. Per i bambini è normalità crescere in un contesto che ha consentito loro di avere amore: conta la capacità genitoriale, dunque. La diversità emerge solamente quando il mondo attorno ti fa sentire carente di qualcosa. Come accadeva ai figli di separati della mia generazione».

E infatti parte da parecchie domande «oltre» il libro a tema «famiglie arcobaleno» che firma come curatrice, in libreria a fine mese. Si intitola «Genitori come gli altri e tra gli altri- Essere genitori omosessuali in Italia», è edito da Mimesis Milano e l'idea era studiare i processi della omogenitorialità da una prospettiva di vita quotidiana. Il volume è una raccolta di contributi di diversi professionisti che fanno ricerca sul tema, per parlare - spiega - di come funzionano le famiglie nella loro vita di tutti i giorni - «e c'è la conferma che i meccanismi sono gli stessi di quelle eterosessuali» -, di come si rapportano con il mondo esterno e che cosa effettivamente trovano nei servizi e nelle istituzioni con le quali entrano in contatto: ginecologi, pediatri, operatori dei servizi sociali, educatrici.

Piacentina, laurea a Parma «quando il Dipartimento di psicologia era appena nato: piccolo ma sempre orientato a un approccio sullo sviluppo degli individui e sul loro rapporto con il sociale», una mentore come Laura Fruggeri, collaborazioni con Luisa Molinari e Tiziana Mancini all'unità di psicologia ora parte del Lass, è da 10 anni che Marina Everri collabora con la nostra Università: tirocini, post laurea tra Parma e gli Usa, il dottorato, l'assegno di ricerca e – l'anno scorso – il premio europeo che l'ha portata alla London School of Economics.

Racconta di una lunga tradizione parmigiana di studi, progetti e tesi di laurea sul tema delle relazioni familiari e dello sviluppo dei bambini, con particolare attenzione alle diverse forme delle famiglie contemporanee, in particolare in relazione alle unioni omosessuali. E dell'urgenza – oggi - di rispondere alle domande di questi genitori: oggi che in Italia l'omogenitorialità è realtà piuttosto recente, che il contesto – nonostante il passo avanti della Cirinnà - resta discriminante, che i figli sono ancora piccoli e per questo le paure sono più grandi e incombenti.

«Purtroppo abbiamo potuto fare un numero limitato di interviste: quindici e prevalentemente a coppie di donne lesbiche perché ad oggi è più facile che siano loro ad avere figli. Numeri piccoli anche per la scelta di focalizzarci sulle famiglie a fondazione omogenitoriale: non quelle che si sono ricomposte o che hanno figli da un precedente matrimonio eterosessuale, ma quelle che hanno iniziato un percorso di famiglia insieme sin dall'inizio». E per studiare la loro quotidianità, la loro crescita, la scelta di avere figli, il rapportarsi all'interno e all'esterno, hanno realizzato anche videoregistrazioni a casa, nei momenti di condivisione come i pasti.

«Questi genitori si chiedono come parlare alle educatrici del nido, come rispondere agli amici dei figli. E come parlare a loro: i figli. Sono famiglie che sin dall'origine vivono paure e preoccupazioni per il futuro, qui in Italia. Sono minoranze e devono affrontare sfide non indifferenti: il pregiudizio, la discriminazione, l'omofobia interiorizzata. E in più – emerge bene dal nostro lavoro- hanno anche paure simili a tutti gli altri genitori: sarà un bravo padre o una brava madre? Che mondo gli consegnerò? Abbiamo trovato tante sovrapposizioni tra queste donne e i genitori eterosessuali. Ma con l'aggravante della discriminazione», spiega.

«Vivendo spesso fuori dall'Italia – conclude, accennando a legge Cirinna e stepchild adoption - mi è sempre più chiaro come i nostri dibattiti siano ideologicamente orientati. Invece l'ideologia va lasciata fuori, lasciando invece parlare le storie di vita». Storie che già esistono. «E noi dobbiamo sostenere queste persone perché possano vivere il loro progetto di vita, di coppia, di genitorialità nel miglior modo possibile».

_____________

Omogenitorialità: pregiudizi più diffusi tra i medici, assistenti sociali più «aperti»
Ci sono le interviste alle famiglie, ma anche 600 questionari raccolti in diversi servizi di Parma all'interno di un progetto coordinato da Laura Fruggeri e Tiziana Mancini, a cui hanno risposto altrettanti professionisti che incrociano nella quotidianità le famiglie omogenitoriali: ginecologi, pediatri, operatori dei servizi sociali, educatrici.
«E' urgente e necessario il coinvolgimento dei servizi e dei professionisti su questo tema – dice la psicologa Marina Everri -: e abbiamo voluto capire a che punto siamo, quanto, ad esempio, conoscono sul tema dell'omogenitorialità e come stanno affrontando questa realtà crescente».
I questionari, ancora in fase di elaborazione, hanno dato un primo responso: «Ci dicono che il pregiudizio è ancora diffuso soprattutto in campo sanitario in particolare per quanto concerne il tema dell' «avere figli» da parte di coppie omosessuali. E infatti nelle interviste abbiamo raccolto episodi di donne che sono state rifiutate da alcuni ginecologi nel momento in cui hanno dichiarato che la loro famiglia era omogenitoriale. Sembra invece che gli operatori “più aperti” siano invece gli assistenti sociali. Non è un caso: sono quelli che hanno avuto maggiore contatto e maggiore conoscenza di queste realtà in questi ultimi anni. E hanno visto da vicino la loro quotidiana “normalità”».
Gli educatori, invece, sembrano avere una posizione intermedia in merito.
«Questi primi risultati - spiega Everri -complessivamente segnalano come sia necessario prima di tutto informare e fornire strumenti agli operatori, che indubbiamente, si trovano di fronte ad una sfida tutt'altro che semplice: dotarsi di nuovi modelli e strumenti operativi per accogliere i nuovi bisogni portati dalle famiglie contemporanee. Il volume in uscita, in questo senso, speriamo possa fornire spunti utili di riflessione e di intervento». ​ C.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

BOLOGNA

Bimbo di 3 anni in pigiama di notte in piazza Maggiore: "salvato" dai carabinieri 

1commento

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto