19°

Parma

Lunardi e il cardinale Sepe indagati per corruzione - La difesa: "Deve occuparsene il Tribunale dei ministri"

Lunardi e il cardinale Sepe indagati per corruzione - La difesa: "Deve occuparsene il Tribunale dei ministri"
Ricevi gratis le news
8

L’ex ministro Pietro Lunardi e il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, sono indagati dalla procura di Perugia nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta cricca per i Grandi eventi. Corruzione è il reato contestato ad entrambi.
L'arcivescovo di Napoli e l’ex ministro sono stati comunque indagati in due diversi tronconi dell’inchiesta.
Al cardinale Sepe e a Lunardi sono stati notificati avvisi di garanzia emessi dai pubblici ministeri di Perugia Alessia Tavarnesi e Sergio Sottani.

Per il cardinale Sepe l’indagine riguarda in particolare la ristrutturazione e la vendita di alcuni immobili di Propaganda Fide nel 2005. Operazioni nelle quali risulterebbe coinvolto il costruttore Diego Anemone, considerato personaggio centrale dell’inchiesta sui Grandi eventi. Il sospetto degli inquirenti perugini è che l’attuale arcivescovo di Napoli abbia ricevuto in cambio dei favori.

Anche per quanto riguarda Lunardi l’accusa fa riferimento alla ristrutturazione e alla vendita di un immobile. In entrambe le operazioni sarebbe coinvolto l’ex presidente del Consiglio dei lavori pubblici Angelo Balducci, tuttora detenuto nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta cricca degli appalti.

LUNARDI: "VOGLIO SOLO CAPIRE". ’’Voglio solo capire’’,’’al più presto andrò e chiarirò tutto’’ alla magistratura di Perugia: lo ha detto Pietro Lunardi al Corriere della sera. L'ex ministro si dice sorpreso dalla notizia dell’avviso di garanzia. ’’Non so nulla - afferma - leggo queste cose sui giornali’’. C’era un’amicizia con Anemone? ’’Amici, insomma, conoscenti’’, risponde.

IL DIFENSORE PECORELLA: "DEVE DECIDERE IL TRIBUNALE DEI MINISTRI".  Dovrà essere il Tribunale dei ministri a occuparsi della posizione dell’ex responsabile delle Infrastrutture Pietro Lunardi, nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta "cricca" degli appalti in corso a Perugia. Lo ha sostenuto il difensore dello stesso Lunardi, l’avvocato Gaetano Pecorella, sottolineando che sarà comunque il suo assistito a decidere se porre la questione. «Da quanto abbiamo appreso, i reati che vengono ipotizzati - ha spiegato il legale - riguardano il periodo in cui Lunardi era ministro e dunque deve essere l’apposito organismo a giudicarlo ed eventualmente a concedere l’autorizzazione a procedere».
Pecorella ha poi spiegato di non conoscere nel merito le contestazioni fatte a Lunardi, poiché nell’avviso di garanzia sono indicati solo i reati: 81 (continuazione), 110 (concorso), 319 (corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio) e 319 bis (circostanze aggravanti) del Codice penale.
«Se il problema è il finanziamento di due milioni e mezzo di euro a Propaganda Fide - ha sostenuto ancora Pecorella - i magistrati hanno preso un granchio, perché si tratta di fondi erogati ogni anno per la ristrutturazione di beni di interesse culturale e artistico. Nel caso del decreto firmato da Lunardi e dall’allora ministro della cultura Rocco Buttiglione, si tratta di 82 ipotesi di intervento. Lo stesso finanziamento fu rinnovato nella legislatura successiva dal Governo di centrosinistra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • angelo

    22 Giugno @ 10.14

    O magari la SACRA ROTA......

    Rispondi

  • franco

    21 Giugno @ 17.07

    Cominciando, da parmalat ,volutamente minuscolo , la lista della spesa si allunga sempre di piu' , la sola cosa che salva , che Parma e' di esempio al mondo intero , in tutto e dappertutto.

    Rispondi

  • armando

    20 Giugno @ 20.49

    ...e il gregge continua a beeeeeelare....... Propaganda Fide - ora Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli ????? ....ho recentemente fotografato un bellissimo murales a Orgosolo nel quale è scritto: «Quando i missionari vennero in Africa loro avevano la Bibbia e noi avevamo la terra. Dissero: "Preghiamo". Chiudemmo i nostri occhi. Quando li riaprimmo, noi avevamo la Bibbia e loro avevano la terra.» Desmond Tutu ....si diceva che Sopramonte di Orgosolo era terra di banditi.........MEGLIO CERCARLI DA ALTRE PARTI....in luoghi più eleganti ma più..."sporchi"........bbbbbeeeehhhhhh.

    Rispondi

  • Giorgio Ossimprandi

    20 Giugno @ 19.23

    Ai "mercanti del Tempio" (unici,a far perdere la calma a Gesù Cristo) non basta l'otto per mille!!!!

    Rispondi

  • Andrea

    20 Giugno @ 07.11

    Propaganda Fide - ora Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli - ha un patrimonio immobiliare di migliaia di edifici di lusso di cui buona parte nel centro strorico di Roma, fra cui diversi nelle prestigiose strade di via della Mercede, via Condotti, via Sistina - abitati spesso da inquilini vip -, per un valore immobilare intorno a nove miliardi euro. E poi piangono miseria per l'otto per mille. Vorrei ricordare che la CEI, solo di otto per mille, nel 2008 ha incassato dallo Stato un miliardo di euro.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro