Parma

In città un pedone investito ogni quattro giorni

In città un pedone investito ogni quattro giorni
Ricevi gratis le news
23

L’Amministrazione comunale ha predisposto un piano di sicurezza dei pedoni che prevede attraversamenti pedonali con isola “salva pedone” e dispositivi countdown abbinati ai semafori. I primi verranno realizzati a partire dall’estate in alcune delle principali arterie cittadine, i secondi invece sono già stati installati in vari incroci semaforici.
 
A Parma un pedone investito ogni quattro giorni
- Nel quadriennio 2005-2008 si sono registrati 4355 incidenti in città, quelli con pedoni sono 302 pari al 6.9%. Su 334 pedoni coinvolti in incidenti, 297 sono rimasti feriti, 8 sono deceduti e 29 sono rimasti incolumi. La percentuale dei pedoni coinvolti in incidenti in città (6,9%), è più bassa del dato medio nazionale nel triennio 2005-2007, pari al 7.8% (Fonte: ISTAT/ACI).  Dividendo i giorni di un quadriennio per il numero di pedoni incidentati, si deduce che a Parma mediamente è investito un pedone ogni 4 giorni.  La maggior parte degli incidenti con pedoni avviene inoltre in arterie di scorrimento (viali) e arterie di penetrazione (ingresso-uscita dalla città alle aree limitrofe), dove spesso il traffico veicolare risulta essere consistente.
 
Attenzione focalizzata su 131 attraversamenti - Allo scopo di ridurre gli incidenti con pedoni, nel periodo 2010-2012 è stato deciso di esaminare tutti gli attraversamenti in cui si sono verificati almeno 2 incidenti con pedoni, in un raggio di 40 metri dall’attraversamento, nell’arco temporale che va dal primo gennaio ‘05 a fine dicembre ‘08.   Questo criterio ha portato a focalizzare l’attenzione su 131 attraversamenti su 1805 (7.2%), che hanno registrato 136 incidenti con pedoni. Sul totale dei 302 incidenti che hanno coinvolto pedoni a Parma avvenuti nel quadriennio, questi 136 rappresentano il 45%.
Questo primo step del piano si prefigge di azzerare la percentuale del 45% entro il 2012. L’analisi effettuata ha inoltre confermato che i passaggi pedonali più trafficati sono ubicati sui viali e sulle arterie di penetrazione.
In città gli attraversamenti ciclabili sono 17, quelli ciclo-pedonali 190 e quelli pedonali 1598, per un totale di 1805.
 
Isole "salva pedone"
-  Sono previsti attraversamenti pedonali con un’isola centrale che separa le corsie di traffico. Le isole salva pedone producono in un punto intermedio della strada un rallentamento dei veicoli restringendo la larghezza della corsia. In corrispondenza di un attraversamento pedonale, proteggono il pedone consentendo l’attraversamento in due tempi.
La realizzazione di isole salva pedone punta al duplice obiettivo di ridurre la velocità dei veicoli in transito che si trovano in centro carreggiata una divisione fisica delle corsie di marcia e nel contempo di salvaguardare il pedone proteggendolo nel suo attraversamento pedonale, in particolare nelle strada e 4 corsie dove il passaggio pedonale non è assistito da semaforizzazione e dove il pedone così si trova a poter attraversare un flusso di potenziale traffico metà per volta, cioè per circa 7 metri per una direzione e per altri 7 metri nell’altra direzione. Tutta la letteratura relativa alla sicurezza stradale ma soprattutto le esperienze dei paesi più evoluti che hanno prima di tutti guardato con attenzione alla salvaguardia dell’utente più debole che è il pedone, hanno dato forte impulso alla realizzazione di queste infrastrutture.  Nel caso di Parma tali interventi seguono architettonicamente quanto elaborato dall’Agenzia della Qualità Urbana in termini di condizioni minime da garantire per l’effetto estetico finale – vedi abaco attraversamenti pedonali come realizzati in Viale Solferino e/o Via Montebelllo.
Entro Agosto verranno realizzate dunque isole salva-pedone negli attraversamenti di:
Viale Partigiani d’Italia – angolo via Puccini
viale Gramsci – angolo via Marchesi
Altri interventi sono previsti nei mesi successivi:
lungo Viale Mentana a barriera Garibaldi, di fronte al Duc e di fronte al parcheggio Dus,
su via Emilio Lepido e via Emilia est a partire da piazzale Vittorio Emanuele a Via Newton, in coordinamento con le altre opere pubbliche previste (sistema di rotatorie Via Emilia Est e porte zona 30 Lubiana su via Emilia est)
su Via Piacenza
su Via Trento e via San Leonardo

Countdown semaforici -  I dispositivi Countdown per i pedoni sono costituiti da display numerici installati al di sopra della lampada rossa del semaforo pedonale e si accendono sempre abbinati al rosso, indicando ai pedoni il tempo mancante alla comparsa del verde pedonale. Il fine è quello di disincentivare l’attraversamento con il rosso di persone “stanche” di aspettare, aumentando così la sicurezza stradale delle utenze deboli.
I dispositivi legati al rosso pedonale sono stati installati nei seguenti impianti semaforici: Ponte Italia: attraversamenti pedonali di viale Basetti, viale Rustici e Ponte Italia. Barriera Farini: attraversamento pedonale di viale Martiri della Libertà. Piazzale Risorgimento: attraversamento pedonale di viale Martiri della Libertà. Barriera Repubblica: attraversamento pedonale di viale Mentana. In particolare, negli impianti di piazzale Risorgimento e barriera Repubblica, trattandosi di semafori a prenotazione pedonale, il segnale indicante i secondi mancanti compare solo alla pressione del pulsante, in modo da sottolineare l’avvenuta prenotazione ed evitare “inquinamento” luminoso quando non necessario. Non solo. La rilevazione di un mezzo pubblico può ridurre il tempo di attesa pedonale per facilitare l’uscita del bus dall’intersezione.
 
Marker (occhi di gatto)- I lampeggianti (marker), collocati nella pavimentazione, oltre che aumentare la visibilità dell’attraversamento o dell’isola salva-pedone, possono influenzare il comportamento dei conducenti dei veicoli in transito.
 
Attraversamenti pedonali ad elevata luminosità- Si tratta di una nuova tipologia di attraversamento in lastre di gomma speciale a raso suolo all’interno delle quali sono allocati appositi led che illuminano dal basso il pedone nel momento in cui attraversa la carreggiata stradale. Costituiscono un originalità per l’Italia e saranno messi in prova da Infomobility insieme alla ditta che ne detiene il brevetto nel mese di settembre su due attraversamenti pedonali particolarmente critici sui Viali di circonvallazione (Via San Michele).
 
Attraversamenti pedonali ad elevata visibilità- E’ un attraversamento pedonale colorato, può essere a raso o rialzato, e garantisce una maggiore visibilità rispetto a quelli tradizionali. Sono previsti interventi in via Trento, via San Leonardo, via Emilia Ovest e nelle frazioni.  
 
“L’Assessorato alla mobilità, assieme ad Infomobility – afferma Davide Mora, assessore alla Mobilità – ha predisposto una serie di interventi per mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali. In particolare, sono stati pensati una serie di accorgimenti, tra cui le isole salva pedone e i contasecondi, che dovrebbero ridurre gli incidenti in cui sono coinvolti gli utenti deboli della strada”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    26 Giugno @ 11.13

    Poche righe per respingere una doppia critica (Vival'italia, 17.13 di ieri): 1) il caso Bonsu ha avuto spazio perchè era giusto che lo avesse. Parlare di una cosa nn significa non dover parlare di altre 2) Faccio questo mestiere da 30 anni, e uno dei temi di cui mi sono interessato più spesso - fin dai tempi di Tv Parma e spesso in collaborazione con Prefettura e altre istituzioni - è proprio la prevenzione degli incidenti. Abbiamo anche ospitato (veda mediagallery) le proposte di Tonino Morreale e della sua associazione. Lo faremo ancora su tutti i nostri mezzi di informazione, anche se purtroppo non basta una campagna di stampa per fermare una piaga simile. (Gabriele Balestrazzi)

    Rispondi

  • MIchele

    24 Giugno @ 14.23

    Io giro per Parma principalmente in bicicletta, ma sono anche un automobilista e un motociclista da anni, concordo che ci sono molte persone che vanno molto forte in città con auto, moto, scooter e motorini e prestano poca attenzione soprattutto in prossimità dei passaggi pedonali/ciclabili, ma tantissime volte vedo anche persone molto distratte, i ciclisti sono i peggiori che si lanciano sulle strisce pedonali per attraversare pensando forse di essere onnipotenti e che al loro passaggio tutto si ferma.. Sinceramente non metterei la mano sul fuoco se dire di chi è la percentuale maggiore di colpa...

    Rispondi

  • pier luigi

    24 Giugno @ 10.06

    E' ben vero che il maggior numero di incidenti è proprio dove sono stati creati dispositivi 'moderni' vedi viale piacenza! Non sarà che in quella strada i pedoni e i ciclisti (specialmente) si sentono troppo 'tutelati' e passano senza preoccuparsi troppo e a cavallo della bicicletta (pur essendo quasi tutti pedonali). A proposito di vigili, mettetene uno fisso in prossimità di quel negozio davanti al quale stazionano in continuazione vetture e camion che costringono gli autobus a fermate e manovre.

    Rispondi

  • Andrea

    23 Giugno @ 18.45

    Limiti di velocità più severi: 30 Km/h nel centro storico, 50 Km/h resto della città, 70 Km/h sui viali periferici di scorrimento, 90 Km/H sulle tangenziali. Maggiore presidio e sorveglianza da parte della polizia urbana, invece che appostamenti solo per fare soldi. Multe severe a chi utilizza il celulare senza auricolare mentre guida. Campagna di educazione che insegni una volta per tutte agli automobilisti che il pedone, sulle strisce pedonali, ha la precedenza e non deve chiedere il permesso per attraversare. Dissuasori di velocità tenuti efficienti prima e dopo i passaggi pedonali.

    Rispondi

  • christian

    23 Giugno @ 17.13

    SIETE I PIU INCIVILI, SCREANZATI, MENEFREGHISTI E PEGGIORI CONDUCENTI D'EUROPA(E NON SOLO...)p.s. parlo solo del 90% dei conducenti in Italia. La cosa piu triste é che siete pronti, sopratutto i mezzi d'informazione come la qui presente Gazzetta di Parma, di sciorinare parole ed articoli a non finire su eventi come IL CASO BONSU, e ve ne fregate altamente delle centinaia di tragedie che occorrono sulle vostre strade, una notizia, una piccola informazione e via, ricominciamo con il solito tram-tram, e sotto con notizie che svegliano gli ipocriti. Puntualizzo prima che i soliti ipocriti approfittino di una parentesi lasciata aperta per ribadire che il caso andava denunciato e condannato, peró che rabbia vedere che la gente e i mezzi di informazione danno piú importanza a un cazzotto che a un morto e famiglie rovinate per sempre. Quando comincierete a prendere sul serio questo problema italiano, o prima devono UCCIDERE un vostro caro perché possiate preoccuparvi e agire. Se non ricordo male, non doveva iniziare un super dibattito sulla gazzetta sopra questo tema della sicurezza stradale? Perché non cominciate a pressionare i tutori dell'ordine e sicurezza, (bella sicurezza morire in strada, e il piú delle volte per colpa di un coglione menefreghista).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

MILANO

Fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS