22°

Parma

"Mi parli di Parma..." - Rocco Caccavari: "Quando al posto della movida in via Farini c'erano i tossici"

"Mi parli di Parma..." - Rocco Caccavari: "Quando al posto della movida in via Farini c'erano i tossici"
Ricevi gratis le news
5

Gabriele Balestrazzi

Oggi l'ennesimo arresto, l'ennesimo sequestro. Tutto si potrà dire ma non che le forze dell'ordine non cerchino di fronteggiare ed estirpare le fonti di rifornimento del mercato parmigiano dela droga.

Ma la sensazione è che per ogni falla turata se ne aprano altre nuove, forse anche più numerose. Le quantità di droga aumentano, i "clienti" delle strutture, quelle pubbliche e le comunità di recupero, non accennano a diminuire. La cocaina (è notizia recente) fa parte dell'aria delle nostre città.

Eppure siamo qui a parlarne degli anni '70. Con proclami e campagne dei vari governi che si sono succeduti, con l'impegno encomiabile di enti pubblici e volontari. Tanti sono anche riusciti a venirne fuori, ma c'è anche una lunga sequenza di morti per droga: ragazzi o uomini ancor giovani. Altri, anche nomi noti della città, nella droga hanno bruciato intere aziende, e anni preziosi della loro vita.

Oggi proviamo a parlarne ripartendo dagli inizi. Da quegli anni '70 e '80 i cui concretamente si iniziò a considerare la droga una diffusa emergenza sociale. I ricordi sono quelli di Rocco Caccavari, arrivato a Parma come giovane medico, quasi subito impegnato nella trincea del pornto soccorso del Maggiore, e da lì nelle prime strutture anti-droga (il consorzio socio.sanitario Bassa Est e più tardi il Sert, servizio tossicodipendenze dell'Usl). Il filo della memoria conduce il dr. Caccavari dai primi incontri con la droga (con l'immagine eloquente del primo caso: "una ragazza bellissima che sembrava un quadro abbandonato".

Videointervista al dr. Rocco CaccavariDroga e alcol: "Una sostanza non vi cambia la realtà"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio G.

    10 Luglio @ 13.38

    Che forse il problema, anche alla luce del recente sciopero dei giornalisti, sia di comunicazione? I così detti "adulti" usano spesso termini con accezioni comunemente percepite come negative, come la parola "tossico". La propaganda, associa alla figura del "tossico", quella dello spacciatore, magari immigrato, e del "consumatore", un giovane trasandato. La realtà è ben diversa. Chi fa uso di stupefacenti, oggi, può essere chiunque. Per questo lo strumento di repressione è totalmente inadeguato. Un terzo delle carceri è occupato da tossicodipendenti; il 50% delle persone in carcere ci è finito perchè ha violato la Fini Giovanardi. Se le persone in Italia che fanno uso di stupefacenti dovessero andare in galera, tra il 5 e il 10% della popolazione dovrebbe essere sostenuta a spese dello stato nelle patrie galere. Semplicemente abolendo quella legge, utilizzata per riempire le carceri dopo l' indulto e per mostrare alla popolazione dei numeri di un insuccesso, i dati vengono divulgati per mera propaganda politica tacendo sull' attendibilità.

    Rispondi

  • Dario

    09 Luglio @ 10.07

    I tossici ci sono ancora. Sono solo vestiti meglio.

    Rispondi

  • franco

    09 Luglio @ 09.14

    Adesso in via Farini ci sono i tossici ubriachi .

    Rispondi

  • Paolo

    09 Luglio @ 08.11

    Anche oggi ci sono i tossici, quelli ricchi che sniffano, non i poveracci di una volta...i

    Rispondi

  • Giorgio G.

    08 Luglio @ 22.03

    Interessante l' intervista effettuata al Dott. Caccavari, che con il suo impegno ha portato un importante contributo alla soluzione di problemi individuali significativi e la volontà del "giovane Caccavari" di portare un rinnovamento, come lo definisce lui, nel tentativo di risolvere il fenomeno. Trovo un pò impacciata la risposta di fronte all' evidenza di una certa incisività nel provare a promuovere "vere" soluzioni al problema: per esempio in molti paesi è affermata la terapia di disintossicazione da eroina attraverso la somministrazione stessa di questo farmaco, poichè il metadone è risultato spesso inadeguato al trattamento della dipendenza causando ricadute. Una soluzione che Caccavari potrebbe proporre, per i tossicodipendenti problematici, potrebbe essere quella della somministrazione in strutture sanitarie e sotto supervisione medica, di eroina, come già avviene con successo in Spagna, olanda, Svizzera, Portogallo. Che dire della diffusione di cannabis? Che dire che Parma è una delle più importante piazze per lo smercio di cocaina? Che dire del fatto che in via farini ancora in tanti fanno uso di stupefacenti, anche alla luce del sole, oppure nei bagni dei locali? E' probabile che in via Farini girino più stupefacenti oggi, che vent' anni fa. Sono cambiate le sostanze e l' atteggiamento sociale delle persone, ma è una illusione pensare che la movida abbia "ripulito" il centro di Parma, anzi è molto più probabile il contrario.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

16commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastifici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»