10°

19°

salute

«Io, contagiata dalla legionella: il mio calvario continua»

Tornata a casa dopo 18 giorni in ospedale: "Ma ancora sto in piedi a malapena"

«Io, contagiata dalla legionella: il mio calvario non è ancora finito»
7

 

«Sono stata ricoverata diciotto giorni, mercoledì scorso mi hanno dimesso ma sto in piedi a malapena. La legionella? Mi ha portato un grave danno fisico e anche economico: mio marito non è autosufficiente, prima di entrare in ospedale ho dovuto cercare in fretta e furia una struttura che lo ospitasse. L'ho trovata è a Bedonia. Comodo, no?».

Tiziana racconta. Non si fa pregare a spalancare il libro della sua vita proprio adesso che siamo arrivati al capitolo più ostico. Settantadue anni, per una trentina è stata infermiera strumentista di sala operatoria, abita in una palazzina di via Chierici, zona di via Pastrengo, in piena «zona rossa» del contagio e della paura. Fino a poche settimane lei stava bene, («non avevo alcuna patologia, solo da una vita prendo una pillola per la pressione e un'altra per il colesterolo»), a parte la cronica stanchezza di chi tiene sulle spalle una difficile situazione familiare.

«Mio marito ha vent'anni più di me, gli è rimasto solo il respiro. E' allettato, con il catetere, non parla più. Finora l'ho assistito da sola, avevo preso un aiutino per un'ora e mezza ma la giornata è molto più lunga... Andavo avanti. Ai primi di settembre sono cominciati i miei malesseri: dolori al torace soprattutto, come delle coltellate».

E' andata dal medico? «Non sono andata da nessuno. Speravo di superare da sola la situazione. Poi il 10 settembre, era un sabato, non ce l'ho più fatta: i dolori erano sempre più forti, avevo più di 38 di febbre. Mia figlia era fuori città, ho chiamato mio genero che mi ha accompagnata al pronto soccorso, dove mi hanno fatto una lastra al torace che non ha evidenziato granché. Ho chiesto la dimissione immediata, “ho dei problemi a casa” e allora mi hanno dato una terapia antibiotica che ho cominciato subito. La domenica mi sono svegliata che stavo malissimo: dolori lancinanti, più di 39 di febbre. Ho richiamato mio genero che mi ha portata di nuovo in ospedale. Lì sono rimasta 18 giorni».

In che reparto l'hanno messa?, quando ha saputo di essere stata contagiata dal morbo della legionella? «I primi due giorni sono rimasta al pronto soccorso. Mi hanno detto che avevo “una bella polmonite”. E' venuto il medico: “signora, probabilmente ce la farà, lei ha rischiato anche un ictus celebrale. Adesso faccio il Coumadim, un farmaco che diluisce il sangue. Devo andare quasi tutti i giorni in ospedale per il prelievo, giovedì mi fanno la Tac...». E dopo i due giorni al pronto soccorso dove l'hanno trasferita? «In Medicina d'urgenza. Più o meno dopo una settimana ho saputo che era una polmonite da legionella. Ho avuto la febbre per più di una settimana, insufficienza respiratoria, fibrillazione. Non mi sono mossa dal letto per quindici giorni: volevano dimettermi di lunedì, ho protestato “non ce la faccio neanche ad alzarmi”. Alla fine mi hanno dimessa mercoledì pomeriggio, era il 28 settembre. La mattina stessa sono venuti a casa mia i tecnici dell'Arpa a fare i prelievi per le analisi».

Dopo due settimane? «Ne erano passate quasi tre. E siccome non era venuto nessuno ero preoccupata, un giorno ho detto a mia figlia di chiamare l'igiene pubblica. Le hanno risposto che a loro non era stata inoltrata nessuna segnalazione. Pare che ci sia stato un disguido: uno pensava che l'avesse fatto l'altro...».

Cos'hanno fatto a casa sua? «C'era mia figlia, è stata qua insieme ai tecnici. Hanno lasciato aperti tutti i rubinetti per mezz'ora, l'acqua a oltre sessanta gradi. Tutti i filtri disinfettati..».

Mercoledì finalmente è tornata a casa. Quanta fatica ci vuole per ripartire? E come va con la paura? «Ho il terrore: non mi sono ancora lavata. La doccia è in un bagnetto piccolo senza finestra, penso che non la farò mai più. Nell'altro bagno c'è la vasca, ma io non mi fido: domani chiederò alla mia vicina se mi aiuta a pulirla con qualche disinfettante. Ogni volta che uso un rubinetto lascio scorrere l'acqua per un bel po'. Ho chiesto al medico del reparto quanto dura la convalescenza. “Almeno un mese” e s'è raccomandato: “stia attenta e riguardata perché con la legionella non si scherza”».

Nel suo palazzo sanno che è stata contagiata dal morbo del legionario? «Certo, lo sanno. Il peggiore bentornato me l'ha dato un mio vicino: me ne ha dette di tutti i colori perché mentre non c'ero il mio cane aveva abbaiato. Ho un Jack Russel, Gedeone, che sta sempre con me. Di domenica mi avevano ricoverato, il martedì è entrato in ospedale mio marito.... il cane era rimasto solo. Ha abbaiato, ovviamente. Ma all'una di quella stessa notte è venuta una mia vicina che ha le mie chiavi e ha portato Gedeone a casa sua». Al vicino ha spiegato quello che le è capitato? «Non mi ha lasciato neanche parlare. mi hanno detto che è andato dall'avvocato, mi vuole denunciare. Faccia quello che vuole. Nessun problema con le altre famiglie: tutte gentilissime. Anche in ospedale: sono stata molto contenta dell'assistenza medica e infermieristica. A parte quello che danno da mangiare...».

Come si sente adesso, Tiziana? «Faccio fatica a camminare. Negli ultimi due giorni sono uscita a fare due passi, ma proprio due di numero. E' uno sforzo solo arrivare alla prima panchina. Vado avanti. Se mi viene a trovare, un giorno, le offro un caffè... Può stare tranquilla: lo sa che la legionella non si trasmette da persona a persona».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    04 Ottobre @ 14.28

    Indiana

    Tanti auguri a questa gentile signora e a suo marito. E si vergogni quell'insensibile vicino che se l'è presa con un povero cane costretto da solo,impaurito perché senza le sue figure di riferimento. Poi magari non dice niente ai cafoni che sbraiano per la strada o sgasano con i motorini

    Rispondi

  • Vercingetorige

    04 Ottobre @ 12.48

    Un' ultima cosa : diciotto giorni di ricovero , per come stanno oggi le cose in Ospedale , con la "corretta allocazione delle risorse" , sono tanti. La durata media di un ricovero si aggira intorno ai dieci giorni. Hanno fretta di dimettere perfino nei Reparti di LUNGOdegenza !

    Rispondi

  • alex

    04 Ottobre @ 12.46

    Ma allora quando è iniziata l' epidemia? se la signora è stata ricoverata il 10 settembre ed era malata già da giorni è lecito pensare che o sia stata lei la prima oppure vi erano già stati altri casi non segnalati? Le autorità competenti sanitarie devono intervenire dopo un numero x di casi oppure trattandosi di infezione molto pericolosa dovevano intervenire già ai primi casi di fine agosto...disguidi anche sulla salute pubblica?

    Rispondi

    • Vercingetorige

      04 Ottobre @ 18.36

      Tutto questo è frutto della sua fantasia. La denuncia di legionellosi è obbligatoria anche per un solo caso. Viene segnalata dal Medico di Reparto alla Direzione Sanitaria , la quale , a sua volta , trasmette la segnalazione all' Ufficio di Igiene Pubblica dell' AUSL. Le risulta ci siano stati casi di legionellosi non segnalati ? Su cosa fonda questo suo sospetto ? L' incubazione del Morbo dei Legionari va dai due giorni alle due settimane. Più spesso dai due ai dieci giorni. Quando non ci sarà nessun nuovo caso per almeno due settimane potremo forse dire che la microepidemia è finita.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    04 Ottobre @ 12.38

    E FIGURARSI SE NON SI CERCAVA DI TIRAR FUORI LO SCANDALETTO SULLA "MALASANITA' " ! Se non ci fossero la "malasanità" , i "femminicidi" ( e i morti ) , i giornali potrebbero anche chiudere ! Questa volta , però , secondo me , il tentativo non è riuscito , perché i Servizi Sanitari sembra abbiano fatto quel che dovevano. Al primo accesso in Pronto Soccorso la signora è stata dimessa , firmando , a sua richiesta. Probabilmente perché aveva da assistere a casa il marito non autosufficiente in gravi condizioni. Ha trovato subito da sistemarlo in una RSA , sia pure a Bedonia . E' stata brava e fortunata , direi , visto che , per il ricovero in RSA di non autosufficienti , c' è una lista d' attesa di anni. Poi si è ripresentata in Pronto Soccorso , dove è stata correttamente diagnosticata la polmonite , che le successive analisi hanno dimostrato essere causata dalla legionella. E' stata ricoverata e curata . Lei stessa dice di esser stata "molto contenta dell' assistenza medica d infermieristica " , e può dirlo con cognizione di causa perché è una ex infermiera "ferrista" di sala operatoria. Lei dice che "non aveva nessuna patologia" , salvo l' ipertensione e l' ipercolesterolemia , però , in Ospedale , sembra le sia stata trovata anche una fibrillazione atriale , che pare lei non sapesse di avere. Si lamenta di essere stata dimessa , secondo lei , un po' troppo prematuramente . Può darsi che abbia ragione , ma , come ex infermiera , sa che a Parma siamo passati dai poco meno di 3000 posti-letto in Ospedali Pubblici degli anni settanta ai poco più di 1300 di oggi , per la "corretta allocazione delle risorse" . Per il resto la signora presenta molti e seri problemi esistenziali , per i quali ha tutta la nostra solidarietà , ma che non mi sembrano inquadrabili come "malasanità" .

    Rispondi

  • Daniela

    04 Ottobre @ 11.04

    BEH...certo che se è stata la signora a dover chiamare l'igiene pubblica per effettuare le analisi siamo messi bene. Come ci può essere un disguido del tipo "uno pensava l'avesse fatto l'altro"...ma verificare no? visto che siamo di fronte a una epidemia? di cui non si conosce ancora il punto di origine. Se questo è il livello della task force messa in campo.....meglio non commentare....

    Rispondi

    • Vercingetorige

      04 Ottobre @ 12.02

      Le malattie contagiose per le quali la Legge prevede l' obbligo di denuncia all' Ufficio di Igiene Pubblica vengono segnalate dal Medico di Reparto alla Direzione Sanitaria dell' Ospedale ( che , a Parma, è Ente diverso dall' AUSL ) , la quale , a sua volta , la trasmette all' Ufficio Igiene .

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

LEGA PRO

Le difficoltà compattano il Parma

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

3commenti

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

7commenti

Occhiello

230317 Notizia 8

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

Lutto

Addio a "monnezza": è morto il grande Tomas Milian Gallery Video

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery