attacco

Ghiretti: :"Vigilanza al Ponte Nord costa al Comune 456 euro al giorno"

Ponte a Nord

Ponte a Nord

Ricevi gratis le news
11

Si torna a parlare del Ponte Nord, struttura al centro di numerose polemiche e attacchi. Questa volta, con un comunicato, interviene Roberto Ghiretti di Parma Unita.

Una delle prime mozioni da me presentate in Consiglio comunale ad inizio mandato fu quella volta a capire quale utilizzo sarebbe stato fatto del Ponte Nord. Mi fu chiesto di non discuterla in quel momento poiché erano in corso contatti con il Ministero e la situazione sarebbe presto cambiata. Ad oggi sto ancora aspettando una qualche novità.
Sbaglierebbe però chi pensasse che in questi quattro anni la Giunta Pizzarotti non abbia fatto nulla. Pur non avendo assolutamente trovato una soluzione all'utilizzo della struttura ha infatti investito circa 800mila euro per realizzare le vetrate e, soprattutto, ha disposto il presidio del ponte da parte di una società di vigilanza privata 24 ore al giorno.
Quest'ultima iniziativa risale al 20 giugno scorso ed è stata oggetto di una mia interrogazione specifica all'assessore Casa. La risposta mi ha lasciato a dir poco perplesso. L'auto che staziona in pianta stabile in zona ponte ha infatti un costo di 19 euro all'ora, che tradotto significa 456 euro al giorno. Ad oggi sono stati spesi dunque circa 50mila euro per presidiare una struttura vuota, sulla quale non esiste un progetto e per la quale si è abbondantemente dimostrato il massimo disinteresse.
Nella sua replica l'assessore ha spiegato, a mo' di giustificazione, che questo costo è sostenuto dalla Stu Authority, come se non sapessimo che questa società, in liquidazione dal 2014, è partecipata al 100% dal Comune di Parma. Si tratta in definitiva sempre di soldi della collettività!
Dunque in quattro anni sono stati spesi 850mila euro letteralmente per nulla. Capisco che le autorizzazioni ministeriali non sono evidentemente arrivate, ma in tutto questo tempo si sarebbe potuto almeno aprirla, cosa che era stata promessa nel 2014, e cominciare ad utilizzarla per attività temporanee. Si sarebbe insomma potuto lavorare per riempire di contenuti quello che ad oggi rimane un guscio vuoto e si sarebbe magari potuto aprire il vicino parcheggio e la relativa viabilità. Invece si è scelto, come nel caso del Teatro dei Dialetti, di abbandonare la struttura per poter dire “guardate lo spreco delle passate amministrazioni”; sia chiaro però che per me lo spreco è lasciare andare in malora edifici realizzati per incapacità progettuale o peggio per un cinico calcolo politico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • renzipinocchio

    11 Ottobre @ 10.26

    Ma dov'era Ghiretti quando l'hanno costruito questo inutile ponte? Fate ridere.....

    Rispondi

  • Nicola

    11 Ottobre @ 00.28

    https://www.facebook.com/Orto-Botanico-Ponte-Nord-Parma-336390349891862/

    Rispondi

  • Andrea

    10 Ottobre @ 22.36

    forse si spende meno a demolirlo che tenerlo in vita senza utilizzarlo..

    Rispondi

  • salamandra

    10 Ottobre @ 22.28

    Come mai quando era assessore con Vignali non abbiamo mai sentito suoi commenti sul ponte all'epoca in costruzione? Eppure già si sapeva non avrebbe avuto l'agibilità....

    Rispondi

  • eugenio

    10 Ottobre @ 21.41

    Perchè non vi piace questa struttura?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS