rifiuti

Caso inceneritore, Gazzolo: "Gli accordi non cambiano"

Dopo il botta e risposta. Folli: "Aumentano i rifiuti", Tutino: "Non decide Parma ma la Regione"

Caso inceneritore, Gazzolo: "Gli accordi non cambiano"
Ricevi gratis le news
4

Dopo il botta e risposta, a distanza, tra Parma e Reggio, tra gli assessori all'Ambiente Folli e Tutino (LEGGI) interviene l'assessore regionale Gazzolo: "Gli accordi non cambiano".
"Temporaneità" dello scostamento relativo al termovalorizzatore di Parma e rassicurazione sul fatto che non c’è alcuna intenzione di cambiare l’accordo con Parma e Forlì per quanto riguarda la capacità autorizzata dei due impianti di incenerimento. Così l’assessore alle Politiche ambientali, Paola Gazzolo, in commissione Territorio, ambiente, mobilità, presieduta da Manuela Rontini, rassicura i consiglieri regionali dubbiosi sull’andamento e la gestione della produzione dei rifiuti nel 2016, nell’ambito del primo monitoraggio del Piano regionale di gestione dei rifiuti (Prgr), approvato dall’Assemblea legislativa nel maggio di quest’anno. Dall'assessore la conferma che i dati consolidati 2015 vedono la produzione dei rifiuti urbani in Emilia-Romagna in leggero aumento: "nel 2015, infatti, ne sono stati prodotti quasi 3 milioni di tonnellate (2.962.076 tonnellate), cioè l’1,1% in più rispetto al 2014”.

Punta il dito sui termovalorizzatori Andrea Bertani (M5s) che incalza l’assessore: la preoccupazione è che la richiesta di un aumento della capacità autorizzata nell’impianto di Parma non sia temporaneo e che, in futuro, la stessa richiesta possa estendersi a Forlì. Il trend in aumento e gli sforamenti preoccupano. Per questo motivo- afferma il pentastellato- sarebbe interessante avere le proiezioni per i prossimi anni, specie sul porta a porta: il risultato di Parma è eclatante, ma anche gli altri territori, come il reggiano, devono fare altrettanto.
L'assessore ricorda che la raccolta differenziata cresce "in modo sensibile”. In linea con la crescita degli ultimi anni sono stati raccolti in maniera differenziata nel 2015 1.796.765 tonnellate di rifiuti, "pari al 60,7% della produzione totale, con un aumento del 2,5% rispetto al 2014”. Il saldo complessivo è quindi positivo, con “punte elevate” a Parma che raggiunge una percentuale del 73,3% con un incremento del 4,1% rispetto al 2014. L'urbano indifferenziato è calato del 5% rispetto al 2014 e “si conferma una riduzione dello smaltimento in discarica, che nel 2015 è stato pari all’8,5%, in linea con quanto previsto dal Piano”.
Il 2016 "proiettato" al prossimo 31 dicembre conferma “un incremento della produzione dei rifiuti urbani dell’1,1% rispetto al 2015” e “un dato in riduzione di circa il 3% del rifiuto indifferenziato residuo rispetto al dato reale 2015, tuttavia in aumento rispetto allo scenario di Piano del 12%”: complessivamente, quindi, spiega Gazzolo, "nell’intero bacino regionale, si registra un aumento di rifiuto indifferenziato pari a 118.618 tonnellate rispetto al pianificato”.
Per quanto riguarda la pianificazione dei flussi verso gli impianti di termovalorizzazione, dove si registra uno scostamento rispetto alle previsioni 2016 di 30.126 tonnellate per l’impianto di Parma, si tratta di “un aumento temporaneo per due mesi”, chiarisce Gazzolo.

“Note largamente positive” per Massimo Iotti (Pd), con “tanti passi in avanti e obiettivi raggiunti”. Iotti punta l’attenzione sulla riduzione dei rifiuti e sui traguardi raggiunti a Parma per la raccolta differenziata, testimone di “una cultura ormai diffusa”: ma se Parma è riuscita a raggiungere questi risultati di eccellenza anche gli altri Comuni possono farlo. Se tutti si danno da fare- ha aggiunto in sintesi il consigliere dem parmigiano- si può solidarizzare dando una mano, ma bisogna lavorare per raggiungere gli stessi livelli che rappresentano l’obiettivo del Piano.
L'assessore Gazzolo ha poi riferito dell'incremento della produzione dei rifiuti speciali di circa il 7%, circa 700.000 tonnellate. “Lo scostamento tra le previsioni del piano e l’andamento della produzione di rifiuti speciali in regione, si ripercuote sul fabbisogno potenziale di gestione degli impianti presenti. Si stima quindi un incremento del fabbisogno di rifiuti speciali da smaltire in discarica pari a 140.000 tonnellate. A cui si aggiungono le circa 70.000 tonnellate di rifiuti speciali non trattate negli impianti di termovalorizzazione per l’incremento della produzione di rifiuti urbani: di qui, l’ulteriore fabbisogno di trattamento per rifiuti speciali pari a 210.000 tonnellate".
Per quanto riguarda le discariche di riferimento regionale previste dal Piano, l’assessore ha segnalato che la discarica di Imola entro ottobre esaurirà la propria capacità residua, che è stato autorizzato l’ampliamento delle discariche di Medolla e Ravenna e che la discarica di Finale Emilia non è attualmente autorizzata a ricevere flussi.
I dati, a parere di Gazzolo, confermano la necessità di mettere in atto le azioni previste dal Piano, ma anche di ragionare con i Comuni per pianificare le azioni che consentano di raggiungere gli obiettivi 2020. Un dato citato più volte dall’assessore è quello dei rifiuti cosiddetti “ingombranti” che non diminuiscono e sui quali ci dovrà essere una maggiore attenzione.
Su quest’ultimo tema interviene Marco Pettazzoni (Ln) che ha chiesto chiarimenti sulla “fase sperimentale prevista a Ferrara” e se sia prevista anche in altre località. Al leghista l'assessore ha replicato che è prematura ogni valutazione, perché non sono ancora esplicati gli effetti del Piano e quindi proiezioni per i prossimi anni non risulterebbero attendibili. C’è comunque da aprire un focus sugli ingombranti per capire i motivi per cui non calano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    13 Ottobre @ 22.28

    mandra_sala@libero.it

    Folli e pizzarotti all'urlo chiudiamo l'inceneritore. Poi affamiamo l'inceneritore. Ora folli dice che i rifiuti aumentano. .. INDIGESTIONE DELL'INCENERITORE. Ma si sa.... la colpa è di Vignali o di Renzi.

    Rispondi

  • Davide

    13 Ottobre @ 20.35

    Io non sono molto d'accordo intanto che l'inceneritore c'è ed è in funzione e siccome le emissioni sono nei limiti di legge e quindi non nocive io lo farei funzionare al massimo della possibilità conferendo i rifiuti della regione e delle regioni vicine nel caso non ce ne fosse abbastanza. Lati positivi: maggior guadagni, maggior produzione di energia per il teleriscaldamento, possibile limitazione della raccolta differenziata per agevolare i cittadini e riduzione della tassa dei rifiuti come previsto sin dall'inizio dai suoi promotori. Faccio una provocazione ne metterei uno anche nella parte sud di Parma per raggiungere più agevolmente con il teleriscaldamento i quartieri vicini considerando che non ha controindicazioni non mi sembra tanto una provocazione.

    Rispondi

    • Filippo

      13 Ottobre @ 21.44

      Ma sì, dai... perché non anche uno ad est e uno ad ovest, per par condicio?

      Rispondi

  • la camola

    13 Ottobre @ 20.16

    presto arriveranno quì molti rifiuti da altre città e probabilmente molti danari a chissà chi ? compagni provate ad indovinare !!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Furto presso bar “Tato” di via Picasso

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro e fugge in auto

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

3commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

VOLANTI

Rubano un furgone a Parma ma il segnale Gps li fa scoprire: recuperata refurtiva nel Felinese

Materiale elettrico e attrezzi da lavoro erano nascosti fra San Michele Tiorre e Pilastro

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: «placcato» dal barista

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

1commento

viabilità

Domenica con gelo e neve: possibili difficoltà in autostrada, anche in zona Parma

MALTEMPO

Langhirano, cavo elettrico danneggiato dalla neve: intervento dei vigili del fuoco

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

PARMA

Via Montebello, il lamento dei negozianti: «Trovare un parcheggio? Impossibile»

Sulla Gazzetta di Parma in edicola, due pagine di Speciale quartiere Montebello

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

INAUGURAZIONE

Socogas inaugura due distributori sulla Brebemi

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

2commenti

CALCIO

Dilettanti e Giovanili, attività sospesa nel weekend

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

4commenti

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

POVIGLIO

Il veterinario fa domande, l'allevatore gli punta il forcone alla gola

1commento

BULLISMO

Prende a pugni la compagna di classe 12enne: "Sei grassa"

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

Parma-Venezia

Scozzarella: "Meritavamo qualcosa di più, ma ripartiamo da questa prestazione" Video

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

francia

Ritrovato in un pullman un quadro di Degas rubato nel 2009

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day