EDITORIALE

"Legionella e donna ferita: contraddizioni e silenzi. La città chiede risposte"

Contraddizioni e silenzi. La città chiede risposte
Ricevi gratis le news
3
 

Scriveva Albert Camus che «il giornalista è lo storico dell'istante». Ma per capire l'istante, quello che ci accade attorno, e scriverne la storia, bisogna farsi delle domande. Tante domande. Sempre. E' un dovere del cronista. Chiedere, esprimere dei dubbi, arrivarci in fondo ai fatti.

In questi giorni le domande le abbiamo scritte sulle pagine della cronaca riguardo due fatti che hanno monopolizzato l'interesse di noi parmigiani, colpendoci nell'emotività: l'epidemia della legionella e il caso della donna moldava trovata agonizzante all'alba a due passi dal Battistero, ed ora ricoverata in gravi condizioni in Rianimazione.

Troppe cose non convincono nella ricostruzione della storia: la donna - hanno spiegato gli inquirenti - dopo essersi aggrappata all'auto di uno dei due uomini toscani con cui aveva trascorso la serata e la notte, sarebbe caduta ferendosi così gravemente. Un caso «liquidato» come un incidente stradale. Nessun indagato, nessun interrogatorio ai due (che se ne sono tornati il giorno stesso a casa loro), nessun'altra spiegazione.

Ma come è possibile - ci siamo chiesti e qui lo ripetiamo - che in vicolo san Moderanno, in un tratto così breve e tortuoso di strada, qualche decina di metri appena - sia potuto accadere un incidente dalle conseguenze così gravi? Chi era alla guida dell'auto non si è accorto che la donna era aggrappata alla macchina? Come mai, se il conducente l'ha vista non si è fermato immediatamente? Inoltre: anche se non si fosse fermato subito, non avrà percorso più di 5-6 metri. Ripartendo praticamente da fermo. Come è possibile che la donna - anche accettando l'ipotesi del tragitto da «aggrappata» alla portiera - abbia rimediato un trauma cranico facciale così violento? I due uomini non hanno poi spiegato per quale ragione una donna (che i vicini descrivono come una persona tranquilla, gentile, abbastanza sola e va detto non contornata da quello che si definisce in certe situazione «viavai sospetto») si attacchi improvvisamente alla portiera di un'auto? Perché nessuno sente il bisogno di dare a noi, e quindi alla città delle spiegazioni? Forse perché è una cittadina straniera e sola in tutti i sensi?

Sono domande semplici. Quasi banali. Domande che aspettano una risposta. Interrogativi che, fino a quando dagli inquirenti non arriveranno delle risposte convincenti, non ci stancheremo di rifare.

Come nella vicenda della legionella. Che sta assumendo il contorno di un «pasticciaccio brutto» avvolto per lo più da un mistero che invece di diradarsi si infittisce ogni minuto sempre di più.

Sono passati oltre quaranta giorni dall'epidemia, e circa due settimane dai primi due morti, ma non sappiamo ancora dove e in quale concentrazione si annidi il batterio. Nessuna comunicazione ufficiale, anche se «annunciata» più volte dall'Ausl: risultati che sarebbero dovuti arrivare entro una settimana, entro due giorni, di fatto mai. Perché? Il cittadino non ha il diritto di essere informato sulla sua salute, una delle cose più importanti, anzi la più importante della sua vita?

Gli insediamenti controllati dalla stessa azienda sanitaria - le cosiddette «torri di evaporazione» - sarebbero almeno cinque, anzi, stando agli ultimi aggiornamenti, di più. Oltre alle torri di Banca Intesa e Poste, perché non viene spiegato in quali altri impianti si stanno facendo le analisi? E perché proprio la nostra città (e non Reggio, Modena, Milano) si è trovata improvvisamente dentro questo epidemia che, senza risposte «chiare e distinte» rischia di trasformarsi in un incubo? Non rassicurano nemmeno le dichiarazioni di Paola Borella, la super esperta incaricata dalla Procura, che ha annunciato che l'indagine sarà molto complessa e che sarà difficile trovare la causa. Ha però dichiarato che lavorerà in libertà, «con impegno e trasparenza». Confidiamo in lei.

pguatelli@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    15 Ottobre @ 20.01

    A parte il fatto che tutta questa gente terrorizzata in giro non mi pare di vederla , mentre vedo molti Tribuni della Plebe impegnati a far chiasso a scopo propagandistico , "la Città" vorrebbe 3 cose : 1 ) che la fonte del contagio fosse una sola . 2 ) che venisse identificata e bonificata , in modo da 3 ) avere la garanzia di non contrarre la malattia. Nessun tecnico serio può garantire queste tre cose , né , tanto meno , può garantirle una gazzarra assembleare.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    15 Ottobre @ 19.33

    RISPOSTA ALLA PRIMA DOMANDA : le indagini dei Carabinieri e della Procura chiariranno quel che c' è da chiarire. RISPOSTA ALLA SECONDA DOMANDA : 1 ) Non è detto che la fonte del contagio sia una sola , e non è detto che si riesca ad identificarla e ad identificarle tutte. La lezione che si deve trarre da questa esperienza è che gli impianti di condizionamento d' aria devono essere tenuti puliti e disinfettati , con una manutenzione scrupolosa e puntuale. Più stimolante la domanda della ragione per cui le città viciniori siano apparentemente immuni dall' epidemia , ma sono veramente immuni o non è stata fatta la diagnosi ? Del resto la stessa domanda si può fare su scala più ristretta : perché gli ammalati , almeno finora , sono tutti nel quartiere Montebello , e non negli altri quartieri della città ?

    Rispondi

  • Michele

    15 Ottobre @ 12.58

    mandra_sala@libero.it

    La città attende risposte da ormai 5 anni. La città chiede ancora che venga attuato il mandato elettorale con cui pizzarotti fu eletto con M5S.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"