17°

testimonianza

Tiziano Tassi: "Il mio viaggio nel mito della Silicon Valley"

Il mio viaggio nel mito della  Silicon Valley
1
 

Ho appena trascorso tre settimane negli Stati Uniti. Sono stato lì perché desideravo fare un viaggio importante e prendermi un periodo di totale off, ma soprattutto volevo con tutto me stesso visitare un’area specifica ormai diventata per molti (tra cui il sottoscritto) una terra “mitica”.

Quindi ho preso la decisione, quasi all’improvviso, e ho prenotato il viaggio, diversi hotel e un’auto, e dopo un mese e mezzo sono salito su un aereo diretto verso la California, per atterrare a San Francisco e visitare così - finalmente - gli Stati Uniti e la Silicon Valley.

Ho pianificato diverse visite. Ho potuto visitare l’headquarter di Facebook, il Googleplex, il coworking più cool, Galvanize, e vedere e chiacchierare negli headquarter di LinkedIn, Apple, Tesla, Evernote e altri (Zappos a Las Vegas o Snapchat a Los Angeles).

Ciò che mi ha davvero colpito e lasciato dei messaggi, però, sono stati alcuni luoghi “nostal-geek”.

Ecco cosa mi porto a casa e penso valga la pena di condividere, da cui ho tratto quattro insegnamenti che voglio portare con me.

L’eccezionale può  nascere nell’assoluta normalità

Questo è il garage dove Steve Jobs e Steve Wozniak hanno creato Apple. Qui sono nati i primi Apple I, dei computer profondamente diversi da ciò che conosciamo oggi. Si trattava “semplicemente” di schede madri piene di elettronica, a cui connettere una tastiera e uno schermo.

L’inizio dell’era dei micro-computer, che inizierà ufficialmente nel 1976, è racchiusa lì dentro, in un garage della periferia californiana. In quell’anno l’Apple I fu commercializzato in circa 200 esemplari.

Un garage in cui si lavorava senza aria condizionata, in uno spazio un po’ buio e non certo “professionale” o “corporate” a Los Altos, in una zona suburbana della città, dove si ricevevano possibili clienti e finanziatori.

Sono stato lì per circa un’ora.

A guardare, quasi esterrefatto, la normalità del luogo e della strada.

Non c’è nulla, lì. Ma proprio nulla.

È una strada dove, in un pomeriggio di un giorno qualunque, sono passate solo un paio auto.

KEY LEARNING l’eccezionale può nascere nell’assoluta normalità: non importa il luogo, il contesto, l’ambiente. Queste sono solo scatole: sono le persone a riempire e dare significato a questi contenitori con le loro idee, energia, coraggio e costanza.

Il successo si costruisce giorno per giorno,  ogni singolo giorno

Il quartier generale di Facebook è entusiasmante, nonostante sia in mezzo a un terreno abbastanza paludoso (non sono proprio le paludi nostrane, si tratta di salt marshes).

La sede è dentro l’ex campus di Sun Microsystems. Il campus è molto figo: un piccolo ecosistema, con servizi, ristoranti tematici, open bar (specifico: si beve caffè, non alcool!), uffici con grandi open space, spazi di ristoro e socializzazione comuni, servizi come lavanderia, o temporary store. Piccola nota di colore: l’asilo nido aziendale ancora non c’è: dopotutto solo dopo 10 anni di Facebook l’età media sta diventando quella di persone che hanno un figlio o cominciano a pensare di averlo.

All’incrocio dell’ingresso al campus con la strada principale, si trova la famosa insegna con il pollicione all’insù. Una tappa obbligata per chi visita il campus, oppure semplicemente anche per chi passa da quelle parti e scopre che proprio lì ha sede Facebook.

Non tutti coloro che scattano l’iconica foto, però, sanno che l’insegna di Facebook è stata creata sul retro dell’insegna originale di Sun Microsystem.

Sun Microsystem è stata una delle più note aziende produttrici di software e semiconduttori. Credo che i più la conoscano per aver creato e introdotto il linguaggio di programmazione Java. L’insegna con il logo di Sun è ancora lì, da più di 5 anni, sul retro di quella di Facebook, per comunicare un messaggio tanto forte quanto semplice.

Sun Microsystem è stata comprata da Oracle (che ha preceduto Ibm nella trattativa) e poi inglobata, perdendo la sua cultura e identità. Certo, così Sun ha salvato gli asset e la maggior parte dei posti di lavoro.

Questa operazione, che ha cancellato tutto ciò che Sun ha costruito in trent’anni arrivando a essere tra i leader nel suo settore, è riconosciuta come tutto fuorché una vittoria: una ritirata onorevole tutt’al più, che ha salvato il salvabile dell’azienda.

KEY LEARNING non importa quanto grande e importante sei oggi. Ogni giorno sei messo in discussione e devi dimostrare quanto vali. Il successo si costruisce giorno per giorno, ogni singolo giorno.

Il lavoro evolve ogni giorno, e non  dobbiamo avere  paura di cambiare

La visita al Computer history museum è una tappa obbligata per ogni geek che si rispetti. Ma non solo per i geek. Finalmente, la domanda che ognuno di noi si è fatto almeno una volta durante gli anni di scuola, cioè “ma a che serve la matematica?” trova una risposta.

Il museo è un viaggio nella storia della matematica, che è alla base di tutta la tecnologia che oggi e in futuro arricchirà la nostra vita. Credo che dovrebbe essere “obbligatorio” organizzare un tour virtuale per tutti i ragazzi che stanno per iniziare le scuole medie (avremmo avuto tutti voti migliori in aritmetica - o almeno io li avrei avuti!).

Reperti di tecnologia e di orgoglio tricolore ogni tanto spuntano fuori durante la visita del museo, come la leggendaria Olivetti P101, considerata come il primo personal computer nella storia, lanciata nel 1965, e sono citate anche leggende come Federico Faggin, considerato il padre dei micro-processori per il lavoro fatto alla Intel (dopo aver fatto esperienza sul modello precedente alla Olivetti P101).

Quello che però mi ha lasciato di stucco è stato scoprire che, una volta, i computer non erano macchine. Erano umani.

Quello del lavoro che evolve è un tema di grande, grandissima attualità: la paura del nuovo, del futuro, dell’evoluzione e del cambiamento fomentate dalla minaccia dei computer e delle macchine che “ci ruberanno il lavoro”.

In Italia si suol dire, da Machiavelli in poi, che “la Storia si ripete”.

Machiavelli attribuiva però alla cosiddetta virtù dell’uomo una grande importanza, poiché fonte della capacità dell’uomo di dominare il corso degli eventi utilizzando le esperienze provenienti dal Passato.

Scoprire che i computer erano umani e che sono stati sostituiti dalle macchine è certamente un messaggio inquietante su questo tema.

Solo, però, finché non si guarda anche l’altra faccia della medaglia: infatti coloro che persero la mansione di computer umani poterono evolvere il loro lavoro e diventare così programmatori. Coloro che programmano i computer. Ed è diventato uno dei migliori mestieri al mondo.

Oggi nessuno sogna di diventare il miglior calcolatore umano al mondo.

Ma essere il miglior programmatore sì, lo vorrebbero essere in tanti.

KEY LEARNING non bisogna avere timore del cambiamento, e anzi dobbiamo avere il coraggio di cambiare. L’evoluzione apre opportunità incredibili che devono essere colte.

Il cammino più facile  e sicuro non è sempre quello di maggiore  successo per sé e per  la comunità

Quello che mi ha colpito di più, in assoluto, è stato un altro garage, meno famoso ma non meno importante di quello di Steve Jobs.

Si tratta del luogo dove William R. Hewlett e David Packard hanno fondato HP, in una strada residenziale a Palo Alto. Anche questa è una strada residenziale normalissima: tante villette americane con il giardino e un vialetto per riporre l’auto nel proprio garage. Alcune di legno, altre con i mattoni a vista.

Questo garage, rispetto a quello di Google (che si trova sempre nei dintorni, ma in un cortile alle spalle della casa che c’è di fronte alla strada), ha una caratteristica che lo rende unico rispetto agli altri.

In questo luogo HP è stata fondata nel 1938, e allora non c’era nulla di ciò che conosciamo oggi come Silicon Valley. Non esisteva il digitale ai tempi della II Guerra Mondiale.

David e William seguirono il consiglio di un professore di Stanford, Frederick Terman, che spingeva gli studenti del suo corso ad aprire una propria azienda in California invece di entrare in grandi aziende consolidate della East Coast.

La scelta di William e David ha contribuito in modo chiave alla nascita di quell’ecosistema che poi è diventata famoso come Silicon Valley.

Nella sliding door che non abbiamo visto, dove i due entrano in qualche grande azienda di Boston, New York o Atlanta, il mondo potrebbe essere molto diverso -  e forse molto meno digitale, ma sicuramente con una HP in meno e forse una Silicon Valley meno famosa e leggendaria.

KEY LEARNINGil cammino più facile e sicuro non è sempre quello di maggiore successo e, soprattutto, seminare con un po’ di sacrificio un terreno incolto ma fertile può produrre frutti straordinari.

Un obiettivo da  raggiungere insieme

Ero curioso di fare questo viaggio, perché mi chiedevo come sarei cambiato.

Dopotutto, ognuno di noi è la somma delle esperienze e di ciò che ha vissuto durante la sua vita, e il viaggio permette di accumulare tantissime esperienze e stimoli concentrati in poco tempo.

Per me è impossibile non collegare quanto ho vissuto con quello che stiamo facendo in Caffeina.

Insieme a più di 50 persone stiamo provando a ritagliarci un ruolo nelle nostre comunità. Quelle dei creativi, dei developer, dei digital marketer. Ma anche quella del Paese in cui viviamo, dove siamo cresciuti, che ci ha dato una Cultura e un retaggio storico senza eguali.

Parma è una città dalle tante qualità, che ha dimostrato di essere resiliente, che nel recente passato si è trovata di fronte a difficoltà superate grazie alla capacità di adattarsi e cambiare. Parma è una città che vive e prospera grazie alla capacità di chi è venuto prima di noi di costruire le eccellenze che oggi la rendono il piccolo gioiello che conosciamo, e a quelle che continuano il lavoro iniziato dalle generazioni precedenti. Penso alle Barilla, alle Chiesi, alle Parmalat, alle Mutti, e a tutte le altre eccellenze del nostro territorio.

Abbiamo una responsabilità: continuare a costruire il nostro futuro lavorando nel presente, con coraggio e costanza.

Costruire un’azienda, una città, un Paese, un ecosistema capace di generare ricchezza e posti di lavoro, di offrire servizi di qualità e ad alto valore aggiunto, di attirare talenti da dal di fuori invitandoli a crescere insieme a noi.

#neversleep

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    18 Ottobre @ 13.51

    Bellissima testimonianza.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La notte degli oscar

culture

No alle scollature: la notte degli oscar censurata in Iran Video

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

ladre operazioni carabinieri

Via Mascagni

Arrestata un mese fa svaligia ancora le case con uno shampoo

Con una complice utilizzavano la confezione in plastica per aprire le porte blindate: le due donne sono state fermate

1commento

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

anteprima gazzetta

Sifilide e tbc: il ritorno delle malattie scomparse Video

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

4commenti

parma

Bassi crociato fino a giugno: primo allenamento

Domani la presentazione del nuovo portiere a Collecchio

CHICHIBIO

Antica Trattoria Il Duomo: la buona tavola di casa

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

skatepark

Biker trial fa cadere il figlio in skateboard, la furia del padre

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

SPORT

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva