21°

31°

Rifiuti

Inceneritore, la Regione conferma: "La capacità aumenta solo a Parma"

A Ugozzolo 30mila tonnellate in più per due mesi. L'assessore Gazzolo smentisce un aumento generalizzato delle quantità

L'inceneritore di Ugozzolo

L'inceneritore di Ugozzolo

Ricevi gratis le news
5

«Smentisco con forza che ci sia un aumento generalizzato delle quantità di rifiuti destinati ai termovalorizzatori del territorio rispetto a quanto già autorizzato. Solo l’impianto di Parma sarà chiamato, per un periodo limitato di due mesi e quindi fino al 31 dicembre, a trattare circa 30mila tonnellate aggiuntive, ma comunque ampiamente nei limiti della valutazione di impatto ambientale già svolta». Lo ha detto l’assessore regionale alle Politiche ambientali, Paola Gazzolo, dopo la delibera approvata dalla Giunta e che era stata illustrata la scorsa settimana in commissione.
Di «aumento della portata deciso dalla Giunta per cinque inceneritori» hanno parlato in una nota i consiglieri regionali Gianluca Sassi ed Andrea Bertani del M5S, sostenendo che la delibera affronti «le variazioni di capacità degli inceneritori di Parma, Modena, Ferrara, Rimini e Forlì».
L’assessore però sottolinea il solo caso di Parma e come «scelta temporanea, assunta sulla base del criterio di prossimità territoriale e di bacino gestionale. Dall’1 gennaio il carico autorizzato per l’impianto di Uguzzolo tornerà quello previsto nella pianificazione regionale, ossia 130mila tonnellate, così come ho spiegato ai consiglieri in commissione. I dati economici indicano che crescono i consumi, l’occupazione e le presenze turistiche sulla costa, quindi anche i rifiuti prodotti, nonostante un costante incremento della capacità di differenziare e ridurre l’indifferenziato. La nostra regione si conferma comunque totalmente autosufficiente nello smaltimento, come previsto dal Piano: gli impianti attivi riescono ad assorbire l’aumento dei rifiuti urbani prodotti sul proprio territorio, nel limite delle capacità già autorizzate».

L’assessore Gazzolo sottolinea poi che «per l’impianto di Ferrara le circa 12mila tonnellate provenienti dalla Puglia e trattate nei mesi estivi, fino a settembre, erano già contemplate nell’autorizzazione al funzionamento, mentre quello di Forlì tratta solo rifiuti urbani provenienti dal territorio provinciale. In sintesi, gli impianti di termovalorizzazione tratteranno più rifiuti urbani e meno speciali che, a loro volta, verranno parzialmente assorbiti dalle discariche già autorizzate, nel pieno rispetto della pianificazione regionale. Il 2016 rappresenta chiaramente un periodo di transizione: i rifiuti indifferenziati calano, ma gli effetti positivi delle misure previste dalla legge sull'economia circolare e dal Piano regionale, approvato solo lo scorso maggio, si dispiegheranno a partire dal prossimo anno. Fino al 2020 - conclude - ci attende un continuo work in progress, che intendiamo svolgere fianco a fianco di Atersir, Comuni e cittadini, per rendere la nostra regione sempre più virtuosa e sostenibile». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    19 Ottobre @ 20.11

    mandra_sala@libero.it

    I viene da ridere a CREPAPELLE !!!! Solo a Parma. Dovevano chiuderlo. ... poi hanno cambiato idea e li volevano affamare. Ora la regione lo INGOZZA !!!!! Ecco cosa ha fatto pizzarotti. Il contrario di quelli che promise con Grillo in piazzale della Pace. Piazzale della Pace ora uno dei tanti simboli del degrado, dello spaccio, della delinquenza. Grande capacità di trattativa. .... di questa giunta. Hahahahaha

    Rispondi

  • Davide

    19 Ottobre @ 19.17

    Non capisco tutte le polemiche sugli inceneritori...permettono una gestione dei rifiuti ottimale, producono energia (teleriscaldamento), evitano una raccolta differenziata spinta che tanto tedia i cittadini, permette di abbassare la tassa sui rifiuti così pubblicizzato durante la scorsa campagna elettorale e infine non inquina o perlomeno nei famosissimi limiti di legge che certificano che non faccia male alla salute. La proposta quindi a mio parere deve essere una altra perchè non ne mettiamo anche uno a parma sud magari più piccolo così da poter raggiungere con il teleriscaldamento i quartieri vicini? Se economicamente sostenibile non vedo criticità.

    Rispondi

    • salamandra

      19 Ottobre @ 22.24

      No guardi che nessuno certifica che non facciano male. Certificano che sono a norma. Che facciano male lo dice la letteratura scientifica.

      Rispondi

    • Vercingetorige

      19 Ottobre @ 19.33

      Parole sante ! Dai Virginia , manda , manda ché i "grillini" superstiti devono star zitti , se no Grillo scomunica anche loro !

      Rispondi

  • Vercingetorige

    19 Ottobre @ 18.46

    VOLETE VEDERE CHE LA BELLA E FURBETTA VIRGINIA , dato che Roma è sommersa dall' immondizia , ma lei inceneritori e discariche non ne vuole , ce la manderà ad Ugozzolo ? Ma , allora , cosa facciamo ? Ci mettiamo a spentolacciare in piazza contro la Virginia ?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti