18°

33°

esiti degli esami

Legionella in un'abitazione e in tre siti con torri di raffreddamento

Tredici casi di legionella
Ricevi gratis le news
1

Sono stati illustrati oggi, durante la riunione dell’Unità di crisi istituita dalla Regione, i primi risultati delle analisi ambientali effettuate nel corso delle ultime settimane. Si tratta di 90 campioni sui 180 raccolti. E’ confermata l’assenza di contaminazioni nella rete dell’acquedotto. Sono risultati invece positivi alla Legionella un’abitazione (riscontrata Legionella pneumophila di siero gruppo 3) e tre siti (Legionella pneumophila di siero gruppo 1 e 8) con torri di raffreddamento, già messe in sicurezza, bonificate o spente. Questi siti saranno resi noti non appena gli esiti delle analisi verranno ufficializzati ai titolari delle strutture.
Le analisi cliniche non ancora hanno consentito di identificare il ceppo umano epidemico,cioè di isolare e tipizzare geneticamente il germe responsabile, così da individuare - incrociandolo con quelli trovati nei campioni ambientali - la probabile fonte di contagio.
Infatti su 22 colture batteriche 13 sono concluse. In nessuna di queste sono stati trovati batteri vivi (o ancora vivi) di Legionella, e questo ha impedito la raccolta di materiale genetico, così da consentire un confronto con le Legionelle riscontrate nei campioni ambientali.
Gli esperti hanno ribadito che occorrerà attendere tutti i risultati definitivi. Hanno ricordato, inoltre, che nella letteratura scientifica sono comunque riportati numerosi altri casi di epidemia dove non è stato possibile identificare con certezza la fonte e la causa del contagio.
Sono trascorse, intanto, quasi due settimane dall’ultimo caso riconducibile all’epidemia da Legionella a Parma: è stato segnalato il 15 ottobre e si riferisce a una persona che ha avuto i primi sintomi il 9 ottobre.
L’andamento della curva epidemiologica, affermano gli esperti dell’Unità di crisi, indica che l’evento può ritenersi sostanzialmente concluso: secondo le indicazioni scientifiche internazionali, infatti, si può decretare definitivamente terminata un’epidemia dopo che è passato un periodo di tempo pari a due volte il tempo di incubazione massimo (nel caso della Legionella, 10-14 giorni), senza che si verifichino altri casi riconducibili al focolaio.
“Abbiamo seguito da subito, costantemente e con la massima attenzione l’evolversi della situazione, mettendo in campo tutte le azioni necessarie per risolvere tempestivamente l’epidemia- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi- . Possiamo considerare conclusa l’emergenza del quartiere Cittadella. L’attenzione però resta alta: abbiamo già dato disposizioni a tutte le Aziende sanitarie della regione per rafforzare, da subito, gli interventi di controllo perché vengano rispettate le Linee guida, nazionali e regionali, per la prevenzione della Legionellosi”.
L’indagine epidemiologica
L’epidemia ha interessato un’area residenziale del quartiere Cittadella di Parma, compresa tra le vie Montebello, Traversetolo e Pastrengo.
I casi confermati attribuiti al focolaio sono 43. La diagnosi è stata fatta sulla base degli esiti della ricerca dell’antigene urinario di Legionella pneumophila, positiva in tutti i pazienti, e della PCR (test molecolare) per la ricerca di Legionella pneumophila su materiale delle vie respiratorie, positiva in 8 pazienti.
L’età media dei casi è di 66 anni. Due persone sono decedute; ciò significa che l’epidemia di Parma ha registrato una letalità del 4,6%, inferiore a quanto viene riportato dalla letteratura scientifica (5-30%, con punte fino al 50%). I pazienti sono stati intervistati per acquisire informazioni sui fattori di rischio individuali e su possibili esposizioni (attività lavorativa, luoghi/aree della città frequentati, e così via).
La maggior parte delle persone che si sono ammalate abita nel quartiere Cittadella di Parma, o ha riferito di averlo frequentato nelle due settimane che hanno preceduto l’insorgenza dei sintomi.
Al momento non sono stati identificati altri luoghi di esposizione comune. Gli esperti considerano la manifestazione dell’epidemia concentrata, in particolare, in un paio di settimane: non si può quindi considerare l’area interessata come a rischio permanente.
Le indagini ambientali
Sono state adottate immediatamente misure precauzionali urgenti: la disinfezione aggiuntiva della rete acquedottistica interessata, la cui acqua era già sottoposta a trattamento di disinfezione con raggi UV (compreso quella del pozzo Bizzozzero), la disattivazione di impianti, e un provvedimento del sindaco che ha ordinato a tutti i possessori di torri di raffreddamento interventi straordinari di pulizia, manutenzione e disinfezione e la consegna della documentazione inerente la gestione degli stessi impianti. Le indagini hanno riguardato le abitazioni e altri luoghi frequentati dai pazienti, la rete dell’acquedotto, impianti per il trattamento dell’aria, attività commerciali e di servizi del quartiere interessato, e le torri di raffreddamento situate sia in prossimità dell’area che a distanza di alcuni chilometri.
I 13 casi di Legionellosi a Parma e provincia nel 2016 prima del focolaio della zona Montebello
Prima dell’epidemia in questione, da inizio 2016 a Parma e provincia si sono registrati 13 casi di Legionellosi (di cui 7 a Parma città), che non hanno nulla a che vedere con l’emergenza della zona Montebello. E’ stato dimostrato, infatti, che la fonte del contagio era in impianti idrosanitari del domicilio, in strutture collettive e ricettive. Sono stati casi singoli, ad eccezione di due, che si sono ammalati per esposizione da un’unica fonte. Nel 2015 i casi di Legionellosi a Parma e provincia sono stati 23; dal 1999 allo scorso anno, la provincia ha registrato un numero di casi in linea con l’andamento regionale.
Cloro o raggi ultravioletti
Dal 2009, nel pozzo Bizzozzero è attiva una disinfezione con raggi ultravioletti. Questa nuova modalità è stata adottata da IRETI perché l’acqua del pozzo è particolarmente pura dal punto di vista microbiologico e per le caratteristiche della rete idrica. Le due modalità - raggi ultravioletti e cloro - sono entrambe valide.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    21 Ottobre @ 20.21

    mandra_sala@libero.it

    Quindi ancora non si sa nulla. Si brancola nel buio... ed il sindaco non dice nulla..

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

4commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente