Parma

Mafia e appalti: a Parma i prefetti hanno discusso le strategie da adottare

Mafia e appalti: a Parma i prefetti hanno discusso le strategie da adottare
Ricevi gratis le news
3

Comunicato stampa

Si sono riuniti oggi a Parma i Prefetti dell'Emilia-Romagna, nel quadro degli incontri periodici dedicati all’esame e all’approfondimento di tematiche di particolare attualità e interesse. Nel corso della riunione, presieduta dal prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia (ex prefetto di Parma, ndr), si è discusso delle più idonee iniziative da adottare per l’attuazione, in ambito regionale, della recente direttiva del Ministro Maroni per il contrasto all'infiltrazione mafiosa negli appalti pubblici, individuando modalità di azione il più possibile omogenee.

Il settore degli appalti è da tempo all’attenzione del Ministero dell’Interno per le forti esposizioni al pericolo di condizionamenti da parte della criminalità organizzata.
Ciò ha portato, negli anni, a rendere sempre più stringenti ed estesi i controlli antimafia, soprattutto per opere pubbliche di particolare ampiezza: dalle “Linee guida sulle Grandi Opere” del giugno 2005, alla normativa sulla ricostruzione post-sisma in Abruzzo, a quella sulla realizzazione delle opere per l’Expo a Milano 2015 a quella, da ultimo, sull’urgente costruzione di istituti penitenziari.

Le principali novità introdotte dalla direttiva Maroni sono due: l’estensione dei controlli e delle informazioni ad attività che ne erano finora escluse, e la realizzazione di uno screening antimafia preventivo su tutte le aziende che  astrattamente potrebbero essere interessate alla partecipazione a gare pubbliche.

La necessità di una maggiore vigilanza si pone in particolare con riferimento a quei filoni di attività imprenditoriali “a valle” della fase di aggiudicazione degli appalti che si sono rivelate più permeabili al pericolo di condizionamento mafioso: le attività estrattive, il ciclo del calcestruzzo e degli inerti, i cottimi e i noli a caldo e a freddo, il trasporto terra, lo smaltimento in discarica dei residui di lavorazione e dei rifiuti, i servizi di guardiania.

I prefetti della regione hanno quindi convenuto su linee guida omogenee da seguire per attuare le misure previste nella direttiva, sia sensibilizzando le stazioni appaltanti al puntuale rispetto degli adempimenti cui esse sono tenute (comunicazione dei bandi di gara), sia promuovendo - come indicato dal Ministro - lo strumento di protocolli di legalità con amministrazioni pubbliche, enti pubblici e concessionari di opere pubbliche.

Tali protocolli, che saranno sottoposti all’attenzione delle diverse stazioni appaltanti ai fini della sottoscrizione, impegneranno le stesse ad estendere la richiesta delle verifiche antimafia a tutti i contratti per cui esse non sono già previste dalla normativa (i cosiddetti contratti “sottosoglia”, ossia di importo inferiore alla soglia comunitaria), nonché a tutte quelle attività che, pur rientrando nell’ambito di contratti, sono affidate ad altre imprese  in forme diverse da quelle del subappalto e assimilati,  e finiscono così per essere di fatto esenti da ogni controllo.

In tal modo gli effetti ostativi sulle attività imprenditoriali soggette a rischio mafioso si produrranno in ogni caso, anche per le opere pubbliche “sottosoglia” che non comportano alcun obbligo di preventiva comunicazione da parte della stazione appaltante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanni FESTA

    30 Luglio @ 14.08

    .......... Gian Luca ha lanciato una giusta" provocazione a Voi Giornalisti, in passato più volte le avete tutte "ignorate" farete lo stesso anche questa volta? Nel Territorio Parmense da alcuni anni è insediata, come in altri Territori, un "braccio operativo della P3" si sanno nomi, cognomi e dove operano. La Procura di Parma sà, la Digos sà! Cosa accadrà? Quello che è accaduto sino ad ora. Niente!

    Rispondi

  • alessandro

    30 Luglio @ 09.33

    La mafia a Parma??? Ma non diciamo buffonate

    Rispondi

  • gian luca

    30 Luglio @ 08.13

    Speriamo , visti i risultati più recenti , che la mano di Maroni sia un toccasana per la nostra città , visto che già da tempo i gangli delle associazioni malavitose hanno attaccato il nostro sistema città , purtroppo nessuno fa o dice nulla, probabilmente perchè la collusione tra malavita e istituzioni/impenditoria sta raggiungendo una posizione di controllo dominante.... Anche questa sarebbe una bella battaglia giornalistica da condurre con una bella inchiesta che parli un pochettino di appalti e altro ma c'è da occuparsi di cose più importanti per la città come miss italia , lucarelli al napoli o la piscina preferita dai parmigiani.... Serve da parte di tutti un bello scatto di orgoglio , guardiamoci attorno e comportiamoci da uomini...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat