10°

22°

Parma

Sembrava un incidente, ora si indaga per omicidio

Sembrava un incidente, ora si indaga per omicidio
Ricevi gratis le news
1

di Georgia Azzali

Il colpo di scena, martedì mattina, quando le tute bianche del Ris  si  presentano alla porta di casa.  E' in quel momento, come prevede la legge, che a  Federico Pedroni  viene notificato un avviso di garanzia per omicidio volontario. Per gli inquirenti, l'incidente stradale  di Manzano, in cui il 30 settembre 2009 morì sua moglie Argia Lazzari, potrebbe  nascondere una realtà inquietante. Tutta da dimostrare. Ma il sospetto  degli investigatori è che l'uomo, alla guida dell'auto, abbia simulato l'incidente dopo aver ammazzato la donna. 
 Avviso «dovuto»
«L'informazione di garanzia era un atto dovuto - sottolinea il procuratore Gerardo Laguardia - perché nel momento in cui si decide di effettuare accertamenti tecnici  a cui la difesa ha diritto di assistere, l'avviso va notificato, altrimenti si rischia  la nullità degli atti».
Dall'accusa di  omicidio colposo, perché era al volante della macchina,  a quella pesantissima    di aver ucciso la moglie. La svolta clamorosa è il frutto di un'indagine complessa, coordinata dal pm Paola Dal  Monte, che è  partita subito dopo l'incidente.   
Dieci mesi fa la tragedia
Quella mattina del 30 settembre, Pedroni  parte in auto da casa, nella frazione di Quinzano di Sotto, insieme alla moglie. C'è lui alla guida della Peugeot familiare grigia di proprietà di Argia. Escono  presto, perché  Pedroni, 40 anni, veterinario nel distretto Sud-Est dell'Ausl, ha  un appuntamento   a Langhirano poco prima delle 8 con il collega Michele Perlini -   come confermò  quest'ultimo subito dopo l'incidente - per fare un sopralluogo in un  allevamento  di suini.   Una volta arrivati a Langhirano, la moglie avrebbe dovuto proseguire per Castelguelfo, dove lavorava come cuoca al ristorante «Le Botteghe». La Peugeot sta  percorrendo la strada di  Cozzano,  quando improvvisamente, invece di percorrere la curva a sinistra, all'altezza dell'incrocio con lo stradello del cimitero di Manzano, esce di strada, finendo nella  scarpata sottostante. Dopo aver sfiorato un palo in cemento armato, l'auto  finisce  la sua corsa contro un terrapieno a fianco dell'entrata del cancello del cimitero.  Quando arrivano i soccorsi, la donna, 42 anni, è  già morta, mentre Pedroni,  ferito non gravemente, ha  da poco ripreso conoscenza, secondo quanto racconta subito dopo. Non è lui, infatti, a chiamare il 118, ma un passante che, verso le 9, vede l'auto fuori strada.   
Le anomalie dell'incidente
Un buco,  tra il momento dell'incidente e l'arrivo dei soccorsi,  di cui Pedroni non sarebbe in grado di raccontare nulla, perché svenuto. E per gli investigatori un'anomalia su cui fare luce.  Ma i dubbi degli inquirenti,  in realtà, sono  sorti subito dopo la consegna della relazione dei carabinieri che avevano effettuato i rilievi.  E' a quel punto, infatti, che il pm decide di affidare a un esperto  la consulenza tecnica sulla ricostruzione dell'incidente. Uno studio  per approfondire gli aspetti della dinamica e della cinematica di quello scontro e valutare la compatibilità tra l'impatto e le lesioni riportate.  E sono  proprio le conclusioni della  relazione a  far  scattare i veri campanelli d'allarme negli inquirenti, perché l'esperto avrebbe evidenziato alcune anomalie che, incrociate con i risultati dell'autopsia, farebbero dubitare di quell'incidente.  In particolare, pare che la grave lesione al capo riportata da Argia potrebbe anche non essere compatibile con lo scontro.
Gli accertamenti del Ris
Perplessità pesanti. Ma sempre e solo ipotesi per ora, sottolineano con forza anche gli inquirenti.  Che, comunque, vogliono vederci chiaro. I carabinieri del Ris hanno ispezionato la casa di Quinzano di Sotto in cui Argia viveva con il marito. Raccolto reperti e, pare,  spruzzato il luminol in varie aree dell'abitazione,  ma su questo aspetto il riserbo è assoluto.  E' altrettanto probabile che abbiano selezionato gli oggetti compatibili con un'eventuale arma del delitto, benché, a dieci mesi di distanza, ammesso che di omicidio si tratti, sarebbe difficile  ipotizzare che si trovi ancora in casa.  Nessun rilievo, invece, da parte del Ris sarebbe stato fatto sull'auto, tuttora sotto sequestro. «Vedremo a cosa porteranno questi accertamenti - sottolinea Laguardia -.  Era doveroso approfondire, tuttavia bisogna comunque essere cauti». Ma  quale movente avrebbe avuto Pedroni per uccidere la moglie?  Poco o nulla trapela. Certo è che si scaverà nei rapporti   familiari. E se la procura invita alla cautela, l'avvocato Amerigo Ghirardi - che assiste Pedroni insieme al collega Ludovico Bazini - si limita a dire: «Attendiamo gli sviluppi dell'inchiesta. Vedremo se e cosa emergerà dagli accertamenti tecnici». Perché è dalla scienza che ora si attendono risposte.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dispiaciuta

    30 Luglio @ 16.04

    Robe da matti!!!!!!!!! Speriamo non sia vero!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

1commento

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto