16°

31°

lettera

Il pediatra Volta scrive al Papa: "Più ruoli per le donne nella Chiesa"

Volta
Ricevi gratis le news
0

Era una lettera privata quella che il pediatra parmigiano Alessandro Volta, responsabile della Pediatria di Comunità e del Servizio Neonatale all'ospedale di Montecchio  ed ex consigliere comunale, aveva spedito il 20 giugno scorso a Papa Francesco. Ma all'indomani dell'incontro e l'abbraccio tra Papa Bergoglio e l'arcivescova luterana di Uppsala, primate della Chiesa Svedese, ha deciso di rendere pubbliche le sue riflessioni. "Spero così di dare un contributo a un tema che all'interno delle comunità cattoliche è, a mio avviso, troppo debole e sottovalutato".

Ecco la sua lettera.

"Caro Papa Francesco,

ho avuto molti dubbi se scriverLe questa lettera, poi ho pensato che Lei ha l’età di mio papà e che avrei potuto rivolgermi a Lei come a un padre. Ho 56 anni, vivo a Parma, faccio il pediatra, ho quattro figli uno dei quali in affido. La fede in Cristo ha guidato la mia vita. A differenza di quanto è successo a molti  amici e parenti,  nel corso degli anni la mia fede si è rafforzata, è diventata più matura e profonda per merito delle vicende della vita. La mia partecipazione alla vita ecclesiale è sempre stata molto attiva e ho assunto ruoli associativi di responsabilità nell’ambito della mia diocesi.

Negli ultimi anni avverto però un disagio sempre più profondo, in grado di mettere in dubbio la mia partecipazione, convinta e attiva, alla Chiesa Cattolica. Mi riferisco alla ‘questione femminile’ e al ruolo delle donne nelle nostre comunità e nei vertici ecclesiastici. Provo imbarazzo e rabbia assieme nel vedere la ricchezza e i doni che perdiamo nel tenere tante donne, laiche e religiose, ai margini, affidando loro ruoli accessori e subalterni. Ogni giorno incontro donne che potrebbero adeguatamente svolgere i compiti pastorali da sempre affidati esclusivamente agli uomini, donne in grado di arricchire le nostre comunità con idee e riflessioni significative (anche l’approfondimento teologico attende da secoli di arricchirsi della visione femminile), invece le fermiamo al ruolo di catechiste, lettori e accoliti dell’eucarestia. Oltre questa soglia per loro non è possibile andare.

Nella nostra attuale società persiste ancora una asimmetria di genere nociva, in grado di produrre discriminazione e, nei casi più estremi, gravi episodi di violenze e soprusi nei confronti delle donne. Fortunatamente la struttura patriarcale e l’esercizio del potere maschile nella nostra società sta lentamente cambiando. La Chiesa Cattolica continua fortunatamente a esercitare un ruolo importante nella regolazione dei rapporti sociali e umani, riconoscere alle donne funzioni egualitarie a quelle degli uomini offrirebbe un contributo fondamentale alla attuale società civile. Gli effetti positivi coinvolgerebbero diversi livelli, dentro le famiglie nella relazione di coppia, tra le giovani generazioni, nell’ambito educativo, negli ambienti lavorativi e nei diversi contesti istituzionali. Un libro comparso in questi giorni in libreria si intitola “Dio odia le donne”; è una provocazione (anzi, una bestemmia), sappiamo benissimo che non è vero, Dio ama ogni creatura indipendentemente dal genere, ma forse è la Chiesa che, con la sua storia, deve difendersi da questa accusa.

Negli anni ho seguito le riflessioni relative al diaconato e al sacerdozio femminile (dal documento Inter insigniores del 1977 alla lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis del  1994 e le più recenti dichiarazioni di Papa Benedetto del 2010), ma sinceramente le tesi presentate mi sono sempre apparse molto deboli e poco convincenti, sia dal punto di vista laico sia da quello teologico. L’argomento della Tradizione vale per il ruolo delle donne, ma non per molti altri aspetti liturgici e della prassi religiosa, che nel tempo hanno visto profondi e utili cambiamenti (ad esempio l’uso della lingua corrente e la lettura personale della Parola).

Altre confessioni cristiane, pur con percorsi lunghi e difficili, hanno deciso di non privare le loro comunità dei doni e della ricchezza femminile, senza per questo minare in alcun modo le loro radici che restano saldamente ancorate alla stessa Parola alla quale anche noi ci riferiamo; penso ad esempio alla Chiesa Valdese Metodista che nella mia città è da tempo guidata da donne di grande energia e valore.

Allora torno a parlarLe da figlio, felice di essere nato e cresciuto battezzato, ma in difficoltà a sentirmi parte di una famiglia che non tratta con giustizia tutti i propri figli. In questi anni la Sua umanità e misericordia ha dato segni visibili, la sua capacità di ascolto è stata straordinaria, il Sinodo sulla famiglia unico per metodologia e forma. Se le donne di questo pianeta, in questo momento della storia dell’umanità, hanno doni da portare alla Chiesa, perché non dare inizio a una riflessione e a un dibattito serio e ufficiale?

La ringrazio per l’ascolto e l’abbraccio come un figlio."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro

sicurezza

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro Video

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti