22°

la testimonianza

Parma 2016: una ragazza, un ragazzo e quelle chiacchiere pericolose sul bus

Parma 2016: ecco cosa capita a una ragazza sul bus
Ricevi gratis le news
15

Il finale della storia potremmo definirlo "lieto", anche se condito di paura. Di certo ha molto da insegnare e molto su cui riflettere la vicenda che ha come teatro un bus parmigiano e che racconta una studentessa universitaria. Testimone sin dall'inizio, co-protagonista in un secondo momento, quando il "banale" approccio a base di chiacchiere di un ragazzo a una ragazza si stava trasformando in qualcosa di potenzialmente più pericoloso.

Pubblicato anche sulla pagina di "Maschi che s'immischiano", il gruppo di uomini parmigiani che ha iniziato a settembre il suo impegno "rumoroso" contro la violenza sulle donne, ecco il racconto in diretta della studentessa, e le sue domande finali.

 "Dopo la lezione all’università sono salita sul solito bus 7 che mi portava a casa; stranamente mi sono seduta negli ultimi posti, quelli sempre più “infelici”. Nei posti in senso contrario alla marcia, proprio di fronte a me, noto quella che mi pare una coppia: un ragazzo giovane, sui vent’anni, di bell’aspetto, ordinato. Uno sbarbatello. La ragazza che gli siede al fianco, altrettanto giovane, è molto carina, fresca, vestita elegante. Li vedo parlare tranquillamente; poi lei, con la scusa di spostare la valigia, si alza e rimane in piedi di fianco al seggiolino. Lui allora le dice insistentemente di ritornare a sedere al suo fianco, aggiunge di voler usare il suo telefono, le chiede con chi parla. La ragazza rimane in piedi, ma continua a rispondere alle domande di lui; sorride vagamente come quando si è compiaciuti per un apprezzamento ricevuto.

Le domande di lui aumentano, le risposte di lei anche ma più scocciate. Comincio ad insospettirmi, capisco che lui la sta importunando pesantemente e decido di tenerli d’occhio. Osservo lui, che alterna momenti in cui la guarda con uno sguardo assatanato, come se stesse per saltarle addosso, a momenti in cui il suo sguardo si perde fuori dal finestrino. Noto atteggiamenti tipici di chi si è appena fatto un tiro di coca (per preparare lo stomaco al pranzo ovviamente), come il gesto di liberare il naso tirando su l’aria, per ridare sensibilità alle narici. Poi la sua attenzione ritorna a lei, e le chiede «*** *(a questo punto le informazioni ottenute da lei sono molte), dove scendi? [risposta] Ah si? . Allora scendo con te». Lo sguardo è ancora da invasato.

Lei a questo punto si rende conto che un limite è stato superato e la vedo sbiancare; cerca di sparire dentro al telefono che tiene in mano nervosamente.

Siamo quasi arrivati e allora decido che quella storia mi avrebbe riguardato.

Mi alzo e all’orecchio le chiedo se ha qualcuno che può venirla a prendere. Lei mi guarda come se fossi un’apparizione e, terrorizzata, mi dice di no. Decido che l’avrei accompagnata e, nel mentre, mi frappongo fisicamente fra lei e lui che, dimenticato il finestrino e non badando a me, cerca di accarezzare la ragazza chiedendole dove l’avrebbe portato di bello. A quel punto intervengo, mi volto verso di lui e dico «tu non so dove vai ma io e lei andiamo insieme». Lui mi nota è disturbato da me; non crede che io possa conoscere la ragazza e mi vede come un ostacolo. Ed ecco che parte l’insulto: «Ah sentiamo, cosa faresti con lei? Siete due lesbiche? Beh! Dimmelo! Dimmi dove andate». Con una voce grossa che non mi appartiene continuo a dirgli di non preoccuparsi dei nostri affari; innervosito sbotta: «Tu sei una di quelle che mi fanno incazzare. MI STAI PROPRIO FACENDO INCAZZARE». Il dito che mi punta contro mi sembra minaccioso almeno quanto le sue spalle sufficientemente muscolose. Qualcosa lo distrae e guido rapidamente la ragazza verso l’autista, creando una barriera per noi con gli altri passeggeri; dico velocemente quello che sta succedendo all’autista che frena e accosta. Mi chiede di indicare il ragazzo che nel frattempo, con aria di sfida, si è avvicinato, e per i successivi minuti lo affronta viso a viso, tenendoci separate dai suoi insulti e dalle sue accuse.

Il ragazzo è in una situazione di minoranza e quando l’autista apre le porte per farlo scendere, prende a camminare rapido in strada. Lo guardiamo tutti e non posso fare a meno di notare la somiglianza con uno scimmione.

Questa storia è finita bene, anche se con due ragazze molto spaventate. Ci sarebbero mille osservazioni da fare: chi direbbe «ah ma la ragazza era vestita provocante….così bella poi!» chi direbbe «ah ma dove erano tutti gli altri passeggeri? Perché nessuno ha agito?».

Eppure quello che a me sembra rilevante è altro. Ciò che mi preoccupa veramente è che una ragazza di vent’anni non abbia saputo riconoscere il limite PRIMA di averlo sorpassato. Perché ha dato tutte quelle informazioni a un ragazzo che la trovava bella? Perché, fino al punto limite che l’ha avviata alla paura, c’era in lei un certo sorriso “appagato”, quasi lusingato dalle attenzioni ricevute, proprio quel sorrisetto ingenuo e innocente, che ho osservato sin dall’inizio e che mi aveva fatto pensare che fossero amici?

A mio parere, se non insegniamo alle nostre giovani ragazze, alle future donne, ad amarsi da sole, a non rincorre banali lusinghe che mascherano beceri istinti puramente sessuali, a non essere così ”credulone”, ad autoapprezzarsi…beh, non credo si possa fare un vero cambiamento".

Una riflessione da affidare alle donne di tutte le età, che hanno il dovere di aiutarsi a "salvarsi", ma che coinvolge anche gli uomini e la visione di rapporti troppo spesso sbagliata. E pericolosa. E la strada del cambiamento è lunga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    13 Dicembre @ 23.29

    Concordo pienamente con Marco. Se Michele, invece di commentare in modo infantile e superficiale ogni notizia, riuscisse a scoprire il mondo (da quello che leggo ogni giorno deduco non sia mai uscito da Parma una sola volta nella vita...) si accorgerebbe che é l'intera Italia che sta sprofondando... Ho lasciato con dispiacere il mio paese per cercare di creare una vita migliore a me e alla mia famiglia e devo ammettere che fuori dall'italia è stato molto più semplice di quanto credessi. "Purtroppo" me ne sono accorto tardi, ma non troppo...

    Rispondi

  • jep

    13 Dicembre @ 23.23

    Non sono d'accordo che una ragazza non debba aprezzare un complimento. Una persona normale sa la differenza tra un complimento e una violenza. Semplicemente in un caso del genere quando la situazione iniziava ad essere "difficile" bastava spostarsi e andare invece di rimanere li a prendere insulti e altro. Parlo ovviamente di questa situazione alla luce del sole e in mezzo a un Autobus a quanto pare non vuoto (anzi...).

    Rispondi

  • Massimiliano

    13 Dicembre @ 19.31

    Il 112 o 113 per questioni del genere arriva eccome se arriva...

    Rispondi

    • salamandra

      14 Dicembre @ 09.07

      E chi ha detto che non arrivava. Ma ora che gli spieghi la situazione e ora che arrivano...

      Rispondi

  • Uccio

    13 Dicembre @ 18.08

    Franco...Redazione Gazzetta...forse l'ho presa un po' larga ma il racconto del bus sfiora solo il discorso più articolato e apparentemente fuori tema ma parla comunque di potenziale violenza o presunta tale. Quando più in generale, si parla di violenza sulle donne...direi che, al 50% vi è una implicazione almeno iniziale di tipo sessuale che poi può sfociare anche all'omicidio (fatti frequenti anche recenti). Prendendo in considerazione solo la parte che si riferisce a questo tipo di violenze ..volevo solo dire quello che ho scritto nel mio commento precedente.

    Rispondi

  • Michele

    13 Dicembre @ 17.23

    mandra_sala@libero.it

    @Marco non sei informato. Parma è 96 esima nella classifica della sicurezza. Paraticamente ultima.... significa che a parità di condizioni quasi tutte le città fanno MEGLIO. Meglio di Casa e pizzarotti.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro