Parma

"Giulio ha gridato per un'ora, poi il silenzio"

"Giulio ha gridato per un'ora, poi il silenzio"
Ricevi gratis le news
15

Francesco Bandini

«L'ho sentito chiedere aiuto per un'ora mentre era in balia delle onde, poi all'improvviso più nulla. Venti minuti dopo so­no arrivati i soccorsi, ma Giulio era sparito». è il drammatico racconto che ha fatto alla Guar­dia civil spagnola il ragazzo te­desco che sabato scorso era in­sieme a Giulio Recusani nelle ac­que della Galizia, prima che il 26enne parmigiano svanisse nel nulla inghiottito dall'oceano. E ora i genitori dello studente uni­versitario, che ieri sono giunti a Fisterra in Spagna, lanciano un'accusa: «I soccorsi sono ar­rivati troppo tardi, solo dopo un'ora e venti». Dalle informa­zioni raccolte sul posto dai fa­miliari - assistiti dalle autorità consolari italiane -, sembrereb­be infatti che alla base di questo ritardo possa esserci stato un problema di natura burocratica, che ha fatto sì che i mezzi di sal­vataggio siano stati attivati a di­stanza di troppo tempo dalla chiamata di aiuto.

(...) Ieri le ricerche sono prosegui­te per tutta la giornata, per la prima volta con l'ausilio anche di un elicottero, che nei giorni pre­cedenti non era potuto interve­nire a causa delle condizioni me­teo proibitive

L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

LA VICENDA : Angoscia per Giulio, inghiottito dall'oceano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Dario Caradente

    26 Agosto @ 15.05

    Ci tengo a precisare, A TUTTI I LETTORI di questa serie di commenti, che il primo non l'ho lasciato io. Pur condividendo parzialmente alcune delle cose scritte, mi dissocio completamente dall'attacco al giornalista che ha prodotto l'articolo. Credo che, pur riportando fatti macabri e verità scomode, non avesse intenzione di "fare notizia": ci sono purtroppo righe da riempire e per chi già conosce i fatti, si tratta soltanto di fastidiose ripetizioni. E poi... attaccare i giornali serve a qualcosa? Può cambiare le carte in tavola? Credo che il tempo risparmiato evitando di far polemica si possa utilizzare in modo più costruttivo, per esempio concentrandosi su un "dopo" in cui bisognerà fare qualcosa per tenere viva la memoria ed evitare che il tempo inesorabilmente faccia cadere nel dimenticatoio i bei momenti che abbiamo passato con G. Grazie.

    Rispondi

  • Eleonora

    26 Agosto @ 08.25

    Credo che comunque siano andate le cose il risultato non cambi, so perchè Giulio era partito, so anche che Giulio era molto entusiasta di tutto ciò che ha vissuto, so che voleva crescere attraverso questa esperienza, so che è stato così per tutto il cammino. Giulio fino all'ultimo è stato felice. ora non c'è più, questo lo sappiamo tutti. Oggi ci saremmo dovuti vedere, per iniziare un nuovo cammino insieme. non è così. Spero che tutti possano averne un bel ricordo anche se per un breve incontro... è sopravvissuto miracolosamente alla montagna qualche anno fa, il destino ha voluto che fosse l'oceano a portarcelo via...iniziamo a sperare che ce lo restituisca presto..

    Rispondi

  • sabcarrera

    25 Agosto @ 19.05

    Luigi Pastore - " Nessuno ha sentito il bisogno di gettarsi in acqua,anche rischiando, per portargli una ciambella? Non un telefonino per chiedere aiuto,non una barca,canotto,surf? " Solo oggi in Puglia sono morte due persone cercando di salvarne una in difficoltà. Il pericolo maggiore in questi casi è il panico. In altri paesi si affrontano queste tragedie facendi si che non risuccedano, non sparando accuse a raffica.

    Rispondi

  • Fausto Tinello

    25 Agosto @ 18.28

    è un momento difficile per tutti quelli che hanno conosciuto e apprezzato Giulio ..anche solo per poche ore come me ....cerchiamo una volta tanto di stringerci tutti..alla famiglia ..agli amici ..e immagino cosa ha mosso Dario a iniziare la discussione...e la buona fede di Bandini Umanamnete Vorrei "solo" che Giulio fosse qui..

    Rispondi

  • Gazzetta di Parma

    25 Agosto @ 17.46

    Risponde Francesco Bandini, autore dell’articolo. Senza entrare nel merito di tutte le opinioni che sono state legittimamente espresse, e che io rispetto, vorrei brevemente precisare solo due aspetti che mi sembrano fondamentali per inquadrare correttamente la questione. Il primo. Quelli che da qualcuno vengono considerati dettagli crudi e che dovevano essere evitati, sono in realtà la notizia vera e propria, che piaccia o no: il fatto che il ragazzo sia rimasto oltre un’ora in acqua a invocare disperatamente aiuto è la dimostrazione (per quanto drammatica e dolorosa) che i soccorsi hanno effettivamente tardato ad arrivare. E questo mi sembra un aspetto essenziale che doveva (e sottolineo doveva) essere riferito, anche se, me ne rendo conto, non certo piacevole, specie per chi conosce Giulio. Il secondo aspetto, che forse dal punto di vista umano è ancor più importante del primo. Tutto quanto riportato mi è stato riferito dai familiari del ragazzo, i quali mi hanno chiesto di spiegare dettagliatamente come si sono svolti i fatti. Con tutto il rispetto per chi ha provato angoscia leggendo l’articolo, credo che in un caso come questo la sensibilità dei familiari conti di più di quella di chiunque altro.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS