-2°

Reportage

Gabbie e divani in finta pelle nello zoo senza animali

Davide Barilli ripercorre un reportage in un club privé

Gabbie e divani in finta pelle nello zoo senza animali
Ricevi gratis le news
0

Dentro al tempio della perversione. L'effetto è quello di uno zoo senza animali. Gabbie in cui esibirsi. Divanetti rossi di finta pelle, al piano superiore camere con letti di ogni forma, separé e piccole stanzette ovattate divise da pareti «traforate» e tende a filamenti. Sei tivù proiettano video porno no-stop, perché nel regno delle orge tutto deve essere estremo. Ecco spiegato il motivo delle pareti «groviera». Da una parte lettoni per performance a «luci rosse», dall'altra voyeur in azione.
Sembra una vita fa. E in effetti 17 anni non sono pochi. Era il novembre 1999 quando con la collega Paola Guatelli fingemmo - da giovani cronisti quali eravamo - di essere una coppia in cerca di emozioni forti. Una coppia scambista. E il caso vuole che teatro del nostro reportage a doppia firma (poi uscito sulla Gazzetta e qui riproposto in ampi stralci) fosse un club privè che si trovava a pochi metri dall'Angelica Vip Club. La casa - una villotta rustica a due piani, senza troppi fronzoli - era la quintessenza dell'anonimato. Non dava nell'occhio, se si eccettua il portone illuminato con luci soffuse, davanti a cui stazionavano due body guard. A prima vista, un rustico di campagna rimesso a nuovo. Anche l'ingresso sembrava più quello di un night vecchio stampo che di un tempio del sesso senza limiti. Nel parcheggio: fuoriserie, auto sportive, ma anche un furgone sgangherato, una 128 targata Reggio, un'Alfa con gli alettoni sopra le ruote. Il gestore ci aveva raggiunti appena scesi dall'auto, accogliendoci con una domanda a bruciapelo: «E' la prima volta che venite?». Imbarazzo totale. Il finto marito (cioè io) aveva balbettato qualcosa, «salvato» dalla finta moglie-vera collega: «Sì, questa è la prima volta che veniamo qui, ma abbiamo già frequentato privè di altre province...». «Bene - aveva risposto il gestore - comunque, vi spiego come funziona da noi». Primo «esame» passato. Il giovanotto, modo di fare accattivante, ci aveva illustrato le regole del «gioco» (e i prezzi: 100mila la coppia, e 300 il single, ammesso solo a discrezione del titolare). Tanto per cominciare ci aveva spiegato che per entrare dovevamo diventare soci del locale. D'obbligo un documento («per evitare che si infiltrino degli irregolari») prima della consegna di una tessera anonima: «Il nostro è un posto serio, niente prostituzione, niente droga, non vogliamo avere grane». Et-voilà: «schedati» pure noi, cronisti-scambisti per una notte, con in mano la tessera associativa, e nel profondo, la speranza di riuscire a trovare una scappatoia per uscirne il più presto possibile dopo aver memorizzato il materiale giusto per il reportage.
Era bastato varcare la soglia, dare una rapidissima occhiata per rendersi conto di dove si eravamo entrati. Un «porto franco», una «riserva» in cui i soci accettano regole di un decalogo che faceva impallidire. «Ragazzi, all'interno del locale tutto è consentito, non c'è altro limite che la reciproca disponibilità». Sembrava un pr da discoteca, il titolare. Giubbotto sportivo, faccia furbetta, incorniciata dal pizzetto. Il suo compito era ambiguo: un po' confidente, un po' «sensale». E' lui che, con fare garbato, spiegava come vanno le cose dentro al «tempio» degli scambisti, mostrando le varie specialità offerte dalla casa.
Un onanista solitario abbarbicato alla parete coi fori, per nulla seccato o stupito o infastidito dalla nostra presenza, si illanguidiva nelle sue pratiche. Giacca stazzonata a quadri grigi e bianchi, ciuffo «a banana» sulla fronte, scarpe infangate, un'aria tra il rustico e il fané del tutto involontaria. Gente stravaccata sui divanetti. Poche coppie: fra cui un obeso con moglie a seguito. Lui, maglione che gli fasciava le trippe. Lei, mora, stivaloni di vernice fino all'inguine, calze autoreggenti e occhi bistrati da cerva attempata. Qualche divanetto più in là, la seconda coppia: sui quarant'anni, seduti come fossero su un tram. Serissimi, sguardo basso. Tra lo sperduto e l'incuriosito, un single si era lanciato in pista. Naso prominente, vestiti buoni della festa. Idee un po' confuse sul da farsi. Un'altra coppia, vedendolo, si era avvinghia in un lento sgangherato. Lui, belloccio sui trentacinque anni, ballava svogliato - con movenze alla Tony Manero - davanti alla sua lei che guardava nel vuoto. Poi si era allontanato verso il bar per farsi un alcolico. La donna, una bionda ossigenata dal corpo inguainato in un abito di pelle nera, aveva accettato il dialogo. «Io e mio marito frequentiamo questo locale da tre anni», aveva confessato arrotando le vocali. Ci aveva spiegato che bisogna diffidare dai locali per «scambisti» troppo pieni. «Vuol dire che molte coppie sono fasulle, formate da mercenarie. Insomma, dietro c'è la prostituzione. Qui c'è meno gente, ma almeno sono tutte coppie vere».
Tornato il marito, sguardo seccato e nessuna voglia di parlare, era stato meglio cambiare aria. Dal piano superiore, quello delle stanze, ecco ridiscendere le scale - come fossero reduci da una scampagnata - il corpulento cliente con la sua dark lady.
La moracciona, sgranati gli occhi, si era accosciata sul divanetto e aveva acceso una sigaretta. «Se volete possiamo fare una cosina a quattro», si era offerta senza troppi preamboli. Per poi, candida come Cenerentola, spiegare come funzionavano le cose: «Sai, io sono bisessuale. Di solito ci piace farlo in tre con una donna, ma va bene anche con un'altra coppia». Lei parlava, smozzicando un accento ruspante della campagna reggiana, mentre il marito - sguardo inebetito - fissava una tivù appoggiata a un tavolino su cui scorrevano immagini di un film porno. E non potevi fare a meno di immaginarli senza «maschere», in ciabatte e felpona, seduti sul divano di casa, a litigare per il possesso del telecomando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

9commenti

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

spagna

Igor era in Spagna da settembre. "Accetto l'estradizione in Italia"

15commenti

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5