Parma

Prostituta per terra alla polizia municipale: polemiche e chiarimenti

Prostituta per terra alla polizia municipale: polemiche e chiarimenti
Ricevi gratis le news
5

Continuano le polemiche sul trattamento riservato a una prostituta nigeriana fermata venerdì notte in una retata della polizia municipale di Parma e immortalata da alcune foto mentre era sdraiata seminuda in una camera di sicurezza del Comando. Un’interrogazione parlamentare è stata rivolta al ministro dell’Interno Roberto Maroni e firmata da due senatori radicali e un’altra è in arrivo all’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna da parte del Prc. Al ministro dell’Interno Roberto Maroni i radicali Marco Perduca e Donatella Poretti chiedono «se non ritenga che i poteri e le forme di intervento dei reparti della polizia municipale devono essere conformi alle disposizioni di legge e che le persone sottoposte a provvedimenti anche temporanei di limitazione della libertà hanno il diritto a essere trattati civilmente e con tutte le garanzie previste dalla legge».

I senatori chiedono anche di sapere «per quali motivi l’operazione è stata preannunciata alla stampa con il coinvolgimento di giornalisti e fotografi, unitamente alla presenza dell’assessore (alla sicurezza Costantino Monteverdi, ndr) senza che venisse adottata alcuna precauzione a garanzia e tutela delle persone fermate» e se è vero che nel comando dei vigili urbani di Parma «esiste una struttura di detenzione di sicurezza dotata di imbottiture perimetrali, tali da proteggere l’incolumità di ospiti irrequieti».

Critici anche gli esponenti emiliano-romagnoli del Prc, Nando Mainardi e Leonardo Masella, rispettivamente segretario regionale e capogruppo del partito in Regione. Convinti che la spettacolarizzazione dei controlli sia stata espressamente voluta dall’amministrazione, che ha invitato all’operazione giornalisti e fotografi, per Rifondazione «è la conferma che l'emergenza securitaria lanciata dal Governo, attraverso il decreto che attribuisce ai sindaci maggiori poteri in termini di "incolumità pubblica e sicurezza urbana", punta a colpire i più deboli socialmente mentre lascia inalterati i grandi e veri fattori di insicurezza che attraversano il Paese, come ad esempio il nodo degli infortuni e dei morti nei luoghi di lavoro». 

Da parte sua l'assessore Monteverdi replica affermando che non c'è stato alcun trattamento incivile, e fornisce dati sull'operato del Comune per assistere queste ragazze spesso vittime di sfruttamento. Guarda l'intervista a Tv Parma in videogallery.

IL PRESIDENTE DEL SENATO CHIEDE SPIEGAZIONI. Il presidente del Senato, Renato Schifani ha chiesto chiarimenti sull'episodio al prefetto Paolo Scarpis. Lo rende noto l'ufficio stampa di Palazzo Madama.  "La drammatica foto pubblicata - prosegue la nota - rischia infatti di trasmettere un'immagine del nostro Paese diversa da quella che è in realtà e di quanto si sta facendo a tutela   dell’ordine pubblico, ma nel rispetto dei diritti inviolabili della persona. Chi intende adottare il criterio della "tolleranza zero" è tenuto a farlo non sottraendosi mai alla tutela della dignità della persona e della sua privacy. Pertanto il Presidente del Senato auspica che venga fatta al più presto opportuna e doverosa chiarezza sull'intero accaduto". 

LA POSIZIONE DEL COMUNE(comunicato stampa) “Basta speculazioni sulla pelle delle persone”. “Stop al tentativo di trattare come uno scandalo un’operazione che aveva l’obiettivo di contrastare la prostituzione e promuovere per queste ragazze percorsi alternativi”. “Nessuno ci venga a parlare di diritti quando queste persone vengono soccorse e trattate umanamente, come probabilmente mai sono state trattate nella loro vita”. L’assessore alla Sicurezza del Comune di Parma Costantino Monteverdi risponde così al caso nato dopo la foto scattata da un giornalista all’interno del Comando provinciale della Polizia municipale di Parma.
“Basta speculazioni sulla pelle di persone” – La strumentalizzazione nata su una foto scattata da un giornalista, e pubblicata decontestualizzata da ciò che è realmente avvenuto, la dice lunga, come sostiene Monteverdi, “sul clima che si vuole generare nei confronti di temi caldi per la cittadinanza come la sicurezza. Qui non ci si chiede chi è questa persona e cosa sia realmente accaduto, ma si esprimono giudizi aprioristici che vanno soltanto a sollevare un clima negativo verso persone e situazioni. Giudizi che indirettamente vanno anche a coinvolgere le fasce deboli come queste ragazze, ultimo anello di quello che è una catena delinquenziale rappresentata dal racket della prostituzione”. “Certe speculazioni sul dramma della prostituzione sono l’ennesima violenza che queste persone devono subire”. “Cosa c’entrano poi i sindaci sceriffi – si chiede con sdegno Monteverdi - quando queste operazioni sono sempre state condotte per dare un segnale di fermezza alla criminalità e per cercare di dare una possibilità di nuova vita a queste ragazze?”.
“Stop al tentativo di trattare come uno scandalo un’operazione che aveva l’obiettivo di contrastare la prostituzione e promuovere per queste ragazze percorsi alternativi” – “Non ha senso parlare di scandalo, quando si ritrae una ragazza a terra mentre dorme stremata dopo una crisi nervosa” continua l’assessore Monteverdi. “Questa persona era impaurita dal possibile comportamento del suo protettore per il mancato incasso di quella sera e ha avuto una reazione forte. Per farla calmare è stata introdotta in una stanza che, per legge ministeriale, devono avere tutti i comandi che procedono alla foto segnalazione. Questa stanza non è una cella, è senza maniglie, appigli, smussata come vuole la normativa per impedire alla persona di farsi male. E’ bene chiarire che la prostituta è stata accompagnata al Comando in seguito alla mancanza di documenti: per legge si doveva verificare la sua identità. I sindaci sceriffo non c’entrano dunque nulla. Quando si è rialzata ha raccontato la sua storia all’ispettrice che conduceva le operazioni, ha accettato acqua, caffè, le coperte per la notte (in attesa della risposta sull’identità del Viminale) e anche la colazione, che gli hanno offerto gli agenti. Infine una pattuglia della Polizia municipale, alla mattina, è uscita a cercare i vestiti della ragazza per darle la possibilità di tornare a casa in modo dignitoso”. “Nei resoconti dei giornalisti presenti in ogni momento dell’operazione non c’è traccia di alcuna violazione di diritti”.
“Nessuno ci venga a parlare di diritti quando queste prostitute vengono soccorse e trattate umanamente come probabilmente mai sono state trattate nella loro vita” – Continua Monteverdi: “Ma non solo questa ragazza come tutte le altre prostitute, e come testimoniano i giornalisti presenti, è stata trattata con grande umanità, ma le è stato prospettato anche un percorso di riabilitazione. Questo percorso, voluto dal Comune di Parma grazie ad una legge nazionale, ha permesso a 54 ragazze solo nel 2008 di uscire dalla strada e iniziare un reinserimento nella vita civile, che tutti noi ci auguriamo possa terminare con un lavoro e il permesso di soggiorno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco antonio

    13 Agosto @ 23.11

    SICURAMENTE, LA NOTIZIA DESTA PREOCCUPAZIONE. NEL CASO IN CUI FOSSERO STATI LESI I DIRTTI UMANI!!!!!!!!!! IO SPERO DI NON VEDERE PROSTITUTE PER STRADA, ED ALLORA AVANTI PER QUESTA STRADA IN TUTTA ITALIA.

    Rispondi

  • Giorgio Russo

    13 Agosto @ 14.48

    Purtroppo ce ne sono troppe! Troppa gente viene buttata in Italia senza nessuna guida e in modo disumano.Gli incidenti di percorso possono accadere. Dobbiamo aiutare l'Africa ad essere autosufficiente, lavoro, acqua, risparmio, energia sul loro territorio. Non aiuti per farlli restare NON autosufficienti.

    Rispondi

  • Stefano

    13 Agosto @ 12.25

    E adesso che anche l'esercito si metterà a fare ste cose....sarà ancora peggio. A quando il coprifuoco?

    Rispondi

    • Giorgio Russo

      13 Agosto @ 14.57

      Purtroppo il coprifuoco c'è già diversi anni. Da genitore dico che ormai i ns. figli o le ns. donne non possono più girare tranquilli in certe zone anche di giorno.Ne capita di ogniA Roma anche grazie a due soldati si è evitato uno stupro.Servono anche da deterrente.Vedi Maxi rissa in Piazzale della Pace.Non è copri fuoco quello?Non possiamo abituarci a queste cose che non sono mai accadute a Parma.Basta!

      Rispondi

  • Franco

    12 Agosto @ 18.38

    Spettabili cittadini, Di recente sono state approvate disposizioni legislative che hanno permesso l’emanazione di alcuni provvedimenti degli Enti Locali, come le Ordinanze Sindacali, i quali si stanno sostituendo alle norme nazionali e stanno introducendo divieti ed obblighi che queste non prevedono.\r\nTali disposizioni stanno causando una frammentazione del suolo italiano in più ordinamenti giuridici, simili a quelli di Stati quasi indipendenti, corrispondenti al territorio dei vari Comuni in questo Paese.\r\nCon la presente, in caso si venisse sanzionati per una violazione di qualsiasi Ordinanza che non ricalchi i divieti delle leggi nazionali, pongo l’invito a svolgere l’atto di relativo ricorso, scrivendo una tesi difensiva in carta semplice a chi ha emanato il provvedimento locale, ai sensi dell’articolo 18 legge 689/1981.\r\nIn tale scritto si può dichiarare il disaccordo sul verbale contestato, poiché le norme statali non prevedono alcun illecito in merito ai fatti compiuti e che l’articolo 54 commi 1 e 4 del Decreto Legislativo 267/2000, il quale concede il potere ai Sindaci di emanare diverse Ordinanze in materia di Sicurezza Pubblica, non risulta conforme agli articoli 70 e 117 secondo comma lettera h della Costituzione Italiana, siccome tali atti dei borgomastri si possono sostituire ai dettami della legislazione nazionale.\r\nSe successivamente si dovesse ricevere come risposta l’Ordinanza-Ingiunzione del relativo verbale, suggerisco di svolgere la pratica di ricorso al Giudice di Pace, chiedendo al detto magistrato di sollevare la questione di legittimità costituzionale della normativa succitata (articolo 54 commi 1 e 4 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267), poiché in contrasto con i detti articoli della Costituzione Italiana (70 e 117 comma 2 lettera h); i quali dichiarano che la potestà legislativa, soprattutto in materia di Ordine e Sicurezza pubblica, spetta allo Stato.\r\nGrazie.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti