22°

Parma

Scuola per l'Europa, via al nuovo anno scolastico

Ricevi gratis le news
0

E' stato inaugurato oggi il nuovo anno scolastico della Scuola per l'Europa, la realtà che permette a circa 600 bambini e ragazzi dalle materne alle superiori di accedere a un'istruzione europea studiando anche in lingue diverse da quella madre. In via Saffi, nel centro storico di Parma, questa realtà esiste dal 2004. E' qui che l'assessore comunale alle Politiche scolastiche Giovanni Paolo Bernini ha partecipato all'apertura dell'anno.
"A beneficiare della presenza in città di questa importante realtà educativa - ha spiegato Bernini - non sono solo i bambini figli dei dipendenti dell’Efsa, ma anche i piccoli parmigiani, che possono abbattere tra i banchi di scuola barriere linguistiche e culturali. Pur salvaguardando il primato della lingua madre, a partire dalla prima classe del ciclo primario l’alunno studia una lingua straniera; una seconda lingua viene introdotta al secondo anno del ciclo secondario; una terza a partire dal quarto. Tutti i docenti sono madrelingua. E a partire dalla terza classe del ciclo secondario, i corsi di storia e geografia sono impartiti nella prima lingua straniera. Fin qui il percorso formativo istituzionale. Ma l’atmosfera senza frontiere, gli intervalli tra le lezioni, i giochi e la ginnastica vissute gomito a gomito con un compagno di altra nazionalità, rappresentano l’inestimabile ricchezza della scuola. Il nostro modello vuole essere innovativo ed inclusivo. Vogliamo crescere ancora, tessere una rete aperta verso la città. In futuro, puntiamo a un’integrazione ancora maggiore, ad essere un punto di riferimento per la realtà locale. Questa è l’Europa che va avanti. Passo dopo passo, a partire dai suoi bambini". Sulla realizzazione della nuova Scuola per l’Europa al Campus, l’assessore Bernini ha ricordato che “questo è un progetto nel quale l’amministrazione comunale crede fortemente, e quindi non ci saranno passi indietro. Anzi, verrà fatto di tutto per velocizzare la realizzazione della nuova struttura”. Per quanto riguarda le altre scuole della città, Bernini ha aggiunto che “il Comune vorrà fare la propria parte cercando di colmare i disagi che derivano dal mancato invio di risorse da parte del governo nazionale”.

Nel frattempo, gli studenti più grandi usufruiranno degli spazi allestiti nel plesso di via Toscana. Qui la Provincia ha adibito sei nuove aule, due laboratori e una sala insegnanti, più un locale adibito allo studio guidato.  Questa mattina l’assessore provinciale alla Scuola Giuseppe Romanini ha visitato i nuovi spazi realizzati insieme alla vice responsabile dell’Ufficio scolastico provinciale Loredana Morace e al dirigente Sergio Olivati e nell’occasione si è intrattenuto con il corpo docente e alcuni alunni.
“ Di fronte ad un aumento dell’utenza abbiamo predisposto in questa sede nuovi locali che possono rispondere alle esigenze didattiche del vostro istituto – ha spiegato Romanini  al corpo docente e ad alcuni alunni – La Scuola per l’Europa per Parma è una grande opportunità. Il mio augurio agli studenti che rappresentano veramente il mix di  popoli e civiltà che ci sono in Europa è quello  di trovarsi a casa loro in una città che vuole essere sempre più europea”.
Inserita a pieno titolo nel sistema scolastico pubblico, la scuola per l’Europa di Parma conta complessivamente 230 studenti compresi quelli che frequentano la sede di via Saffi. La scelta di mettere a disposizione dell’istituto ulteriori spazi nella sede temporanea di via Toscana, dove è allocato il Liceo Bertolucci, è maturata alla fine di luglio e realizzata in un mese di lavoro.
La soluzione si è trovata attraverso la sinergia tra l’Itis e l’Ipsia che hanno messo a disposizione il primo i locali adatti per l’attività didattica, traslocando il proprio materiale depositato in quegli ambienti presso stanze dell’Ipsia.
“ Siamo in una condizione ottimale per svolgere il nostro lavoro e penso che la scuola in questi nuovi locali possa funzionare bene – ha detto Olivati augurando ai ragazzi un anno scolastico proficuo “capace di offrire loro occasioni non solo di competenza e conoscenza ma anche di integrazione  con gli altri ragazzi di tutte le altre nazionalità, con quelli del Bertolucci che ci ospita e che suia un anno importante per il loro futuro”.  "Tutto prosegue per il meglio – ha commentato Morace -  e l’avvio dell’anno scolastico per la scuola per l’Europa è assicurato. L’attività proseguirà sulla base della notevole esperienza avuta negli ultimi anni e con la certezza per alunni e genitori di avere risultati”. Alla visita di oggi sono intervenuti anche i dirigenti della Provincia Ermes Mari, Area viabilità e Patrimonio, con la collega Paola Cassinelli che segue il settore del Patrimonio e il responsabile del servizio Politiche scolastiche Nicola Fusco. Nell’ambito dei lavori si è proceduto con l’adeguamento degli impianti dei locali, compreso la realizzazione di un impianto di anti intrusione. Si è intervenuti anche negli spazi del Liceo Bertolucci realizzando il nuovo ufficio di presidenza e nuovi uffici di segreteria. L’importo complessivo dell’intervento ammonta a 112.000 euro.
 
LA SCUOLA
- La Scuola per l'Europa segue interamente il curricolum delle scuole Europee. Le discipline principali sono insegnate nella lingua materna degli alunni. I programmi d'insegnamento sono armonizzati e basati su criteri e metodi uniformi. Allo scopo di favorire gli scambi culturali tra gli alunni delle varie sezioni linguistiche, alcune discipline (ed. artistica, musica, ed. fisica…) vengono insegnate in comune a più classi dello stesso livello (ore europee).
Nella Scuola per l'Europa di Parma si può conseguire un diploma (Baccalauréat Europèen) riconosciuto a tutti gli effetti legali in tutti i paesi membri dell'UE e in numerosi altri paesi extracomunitari, consentendo l'iscrizione a tutte le università dei paesi appartenenti all'Unione Europea e a molti stati del Nord America.
La Scuola per l'Europa garantisce agli alunni una formazione multiculturale e multilinguistica pur mantenendo l'identità culturale del paese in cui ha sede. Il percorso educativo non ha solo l'obiettivo del conseguimento di un titolo di studio, ma conduce ad una presa di coscienza europea arricchita dalle diverse culture individuali.
Offre anche un approfondito apprendimento delle lingue straniere attraverso insegnanti di madre lingua. Inoltre, la prima lingua straniera scelta nel ciclo primario diventerà, nel ciclo secondario, lingua di insegnamento di tre o più discipline. 
La scuola per l'Europa è organizzata in tre cicli:
-Ciclo materno (4/5 anni) con 60 bambini iscritti;
-Ciclo primario (6/10 anni) con 262 alunni;
-Ciclo secondario (11/18 anni) con 234 giovani iscritti.
Ogni ciclo comprende tre sezioni linguistiche: italiana, francofona e anglofona

Un ruolo importante, come in tutte le scuole europee, è ricoperto dall'associazione dei genitori  che coadiuva la scuola nell'organizzazione e gestione di attività e iniziative varie.
Proprio dall'associazione genitori è stata voluta e introdotta la divisa della scuola per tutti i bambini: maglietta blu con il logo della scuola europea e jeans, un segno di riconoscimento, un modo per distinguersi e sentirsi parte della scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Elio e le Storie Tese, dopo 37 anni il valzer d'addio

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

1commento

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

19commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»