12°

Parma

Gli asili e l'accoglienza, la Provincia è capofila di un progetto nazionale

Gli asili e l'accoglienza, la Provincia è capofila di un progetto nazionale
Ricevi gratis le news
0

A fronte della varietà di servizi e di prassi che in questi anni hanno caratterizzato l’asilo e l’accoglienza, si punta a costruire linee guida condivise per armonizzare gli approcci. A questo mira il progetto “Per un’accoglienza e una relazione d’aiuto transculturali. Linee guida per un'accoglienza integrata e attenta alle situazioni vulnerabili dei richiedenti e/o titolari di protezione internazionale”, con cui la Provincia di Parma partecipa al Fondo europeo per i rifugiati (Fer).
Proprio la Provincia è l’ente capofila dell’iniziativa, di portata nazionale, che coinvolge otto realtà impegnate da anni in progetti di aiuto e sostegno ai rifugiati e richiedenti asilo: si tratta di Naga, Associazione volontaria di assistenza socio-sanitaria e per i diritti di cittadini stranieri, Rom e Sinti, Milano; dell’Associazione Centro Astalli, Roma; di Simm, Società italiana di medicina delle migrazioni, Roma; dell’Asgi, Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, Torino; di Save the Children Italia, Roma; di Crs, Cooperativa Roma Solidarietà cooperativa sociale (Caritas), Roma; del Cerisc, Centro ricerche e interventi nei sistemi complessi, Prato; del Ciac, Centro immigrazione asilo e cooperazione internazionale, Parma-Fidenza.
Il progetto, che ha preso avvio oggi con la firma di un protocollo, è suddiviso in due azioni distinte: l’elaborazione di linee guida condivise, che poi confluiranno in un manuale, e la loro pubblicazione, diffusione e applicazione attraverso seminari e corsi formativi. Il tutto è indirizzato agli operatori dei centri di accoglienza di tutto il territorio nazionale.

Le linee guida avranno carattere multidisciplinare, e si occuperanno di problematiche giuridiche, profili psico-sociali e sanitari, gestione dei programmi di accoglienza, gestione del lavoro di rete. Il loro obiettivo è dare al “sistema asilo” gli strumenti per compiere un salto di qualità verso l’armonizzazione dei servizi e delle procedure di accoglienza. A oltre dieci anni dalla diffusione in tutto il territorio nazionale di numerosi progetti su richiedenti asilo e rifugiati, ciò che emerge è infatti la varietà e diversità delle azioni realizzate da enti di tutela, enti locali, aziende sanitarie, prefetture. Di qui la necessità di uniformare.
Il 2011 si aprirà con la pubblicazione delle linee guida. La loro diffusione cartacea ed elettronica sarà integrata da specifici incontri seminariali di carattere formativo in ogni centro di accoglienza per richiedenti protezione internazionale: incontri mirati a migliorare le condizioni di accoglienza, prestando particolare attenzione alle categorie vulnerabili.

Il progetto e le sue tappe
L’obiettivo è quello di produrre linee guida per operatori ed enti gestori di Cara (Centri di accoglienza per richiedenti asilo), Cda (Centri di accoglienza), Prefetture, Enti locali, Enti di tutela; linee guida di facile consultazione e d’indirizzo che contengano procedure e indicazioni, applicabili in concreto, per gestire al meglio i complessi interventi connessi all’accoglienza integrata dei richiedenti/titolari di protezione internazionale, con particolare attenzione alle situazioni vulnerabili, attraverso un processo di elaborazione basato su una metodologia consultiva, multilivello, multidisciplinare e transculturale. Si partirà con una ricognizione di manuali, pubblicazioni scientifiche, procedure, buone prassi, vademecum esistenti e con l’analisi della normativa statale e regionale, con particolare attenzione alle disposizioni vigenti in materia di organizzazione dei servizi socio-sanitari e alla programmazione degli interventi sul territorio; si procederà poi con la consultazione dei “portatori di interesse” (dagli organismi internazionali alle Asl e ad enti e associazioni impegnati nel settore), con un ampio confronto in un workshop nazionale previsto in Provincia di Parma e infine con l’elaborazione delle linee guida in base a quanto emerso dall’analisi della letteratura scientifica e manualistica esistente, dagli incontri di consultazione e dal workshop nazionale.

“È un tema importante, sul quale la Provincia e il nostro territorio sono impegnati da anni e sul quale abbiamo maturato un’esperienza significativa. Ora, insieme a realtà di grande prestigio, mettiamo in rete il nostro patrimonio di conoscenze in questa nuova sfida di livello nazionale, sperando che tutto ciò serva anche ad aumentare la sensibilità generale al problema”, ha detto il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli.
“È una tematica che è di sfondo a un paese che vive con complessità l’approccio alla questione, perché non esiste una normativa di riferimento particolarmente dettagliata ed esistono modalità di approccio all’aiuto, all’accoglienza e anche all’approfondimento dei temi giuridici in materia che sono molto differenziate nello scenario nazionale. A Parma viene riconosciuta una capacità di guida, avendo nel tempo avuto esperienze di grande rilievo”, ha aggiunto l’assessore alle Politiche sociali Marcella Saccani, che ha sottolineato la rete “con le associazioni che più sono impegnate a livello nazionale. Da un lato c’è l’orgoglio di far parte di un sistema che ha affrontato e affronta con serietà il problema, e dall’altro l’obiettivo di continuare in un percorso che sia di sostegno e di aiuto alle realtà che devono affrontare il tema dei richiedenti asilo”.

Sul lavoro di rete si è soffermato anche il presidente del Ciac Emilio Rossi: “Il Ciac ha dieci anni, e fin dall’inizio l’imperativo è stato sempre quello di creare una rete. Rete con i comuni, con la Provincia, con le associazioni, con le realtà che a livello non solo locale si occupano di questi temi. Il progetto che prende avvio oggi va nella stessa direzione: è tutto molto coerente con la nostra storia e con quello che fin qui abbiamo fatto. Ora dobbiamo impegnarci al meglio valorizzando al massimo le potenzialità di questa rete, formata di soggetti di grande esperienza”.

Per Gianfranco Schiavone dell’Asgi, quello che parte oggi “è un progetto che può sembrare piccolo ma ha una dimensione di carattere nazionale: questo insieme di realtà si prefigge di elaborare un “manuale” per gli operatori, per presa in carico, assistenza e accompagnamento di situazioni particolarmente vulnerabili. Linee guida che saranno diffuse su tutto il territorio nazionale e che saranno oggetto di venti seminari in tutta Italia”.

Partecipazione convinta anche da parte della Caritas di Roma: “Abbiamo aderito volentieri, conoscendo l’esperienza della Provincia di Parma e pensando che l’impegno del pubblico sia fondamentale in questo tipo di progetti, insieme alla collaborazione di tutti gli altri enti - ha commentato la responsabile dell’Area immigrati Le Quyen Ngo Dinh -. Pensiamo che i tempi siano maturi per raccogliere le idee e le esperienze: pensiamo sia importante fare concretezza”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS