-2°

Parma

La matita di Dio che ha cambiato la nostra città

La matita di Dio che ha cambiato la nostra città
Ricevi gratis le news
1

di Pino Agnetti

Domani sarà una giornata di grazia per l’intera città. Per i credenti, così come per i non credenti. Perché Anna Maria Adorni è stata, fino in fondo, una di noi. Con il suo amore inesauribile di donna, sposa e madre. I tre volti - in realtà sempre lo stesso - di una figura straordinariamente semplice e umile, forte e sconcertante insieme. Proprio come Madre Teresa, che amava ripetere di sé: «Io sono solo una piccola matita nelle mani di Dio».

E Anna Maria Carolina Adorni (che si firmava solo con il terzo nome non ritenendosi degna di portare quelli della Madonna e della madre di quest’ultima) è stata davvero la «matita di Dio» nella Parma dell’Ottocento. Lo è stata scegliendo di essere povera fra i più poveri. Di esporsi al pettegolezzo e alla condanna dei benpensanti del suo tempo. Che potrebbe essere benissimo anche il nostro, poiché la santità non è mai stata un fatto granché «comodo» per nessuno. Men che meno, per i poteri e per i potenti di turno.
Ecco perché la solenne cerimonia che si terrà domani alle 15.30 nella Cattedrale di Parma assume, in realtà, un significato del tutto particolare. E che va al di là del fatto, comunque già in sé eccezionale, che si tratterà della prima beatificazione mai celebrata nella nostra città. La vita e le opere di Anna Maria Adorni, infatti, sono ancora lì a parlarci. A interrogarci. A provocarci. A proporci la strada, mai facile e a buon mercato, di un sincero e radicale «risveglio», sia individuale che collettivo. Come quello che la bambina di Fivizzano che ad appena sette anni  aveva tentato di fuggire nelle Indie per portarvi il Vangelo seppe generare e diffondere, dapprima, nella Parma di Maria Luigia e di Luisa Maria di Borbone (l’ultima regnante del Ducato). Quindi, in quella entrata a far parte del nuovo Stato unitario. Due epoche solo in apparenza distinte, giacché accomunate dalla tremenda povertà del popolo. Dai borghi malsani dell’Oltretorrente - lo «zulù land» citato in diverse cronache della Gazzetta di Parma dell’epoca - stracolmi di disgraziati esposti alla fame più nera e alle malattie, alla cronica mancanza di lavoro e a un ancor più devastante degrado umano, morale e spirituale.

E’ in «questa» Parma che Anna Maria, rimasta vedova di un funzionario della corte di Maria Luigia al quale aveva dato sei figli, troverà la sua terra di missione. Le sue «Indie». Cominciando a frequentare il carcere femminile ricavato nella ex chiesa di Santa Elisabetta e a raccogliere per strada le prostitute e le ragazzine coperte di stracci pronte a vendersi «per un baiocco». Fino a diventare la madre di quell’esercito di reiette in cui lei vede solo delle figlie e delle sorelle. Fino a offrire loro e addirittura a condividere (altro motivo di inaccettabile scandalo per quel tempo) un tetto e una casa. Insieme a una occasione di riscatto umano e materiale e di incontro con Dio: l’obiettivo ultimo, e più volte richiamato nei suoi emozionanti scritti, di tutta la sua esistenza.
Anna Maria si spegne nell’ex convento di San Cristoforo, divenuto il riparo delle prostitute, delle figlie di prostitute, delle ladre e delle infanticide da lei salvate, nel 1893. Lo stesso anno in cui giunge a Parma padre Lino Maupas. Quasi un passaggio di testimone, fra questi due autentici giganti della carità. Ed è abbastanza singolare che, finora almeno, sia stato solo il secondo a radicarsi fortemente nell’immaginario collettivo di questa città. Io stesso devo confessare che, prima di scrivere «Il miracolo di Anna Maria», non conoscevo quasi nulla di lei. Né del miracolo in base al quale la Chiesa ha deciso di dichiararla Beata al termine, per altro, di un processo canonico durato decenni. La guarigione - ragione e scienza alla mano del tutto inspiegabile - di un contadino veneto dato per spacciato e risvegliatosi di colpo nel suo letto di morte. Un «risveglio», appunto. Ma certo non l’ultimo di quelli attribuibili alla fondatrice delle Ancelle dell’Immacolata che, come tante «matite di Dio» a loro volta, in questi anni sono riuscite a sottrarre alla schiavitù del sesso più di mille donne. A dimostrazione che il miracolo di Anna Maria continua. E che il vero miracolo, semmai, è stata e resta proprio lei. Con la sua intatta capacità di testimoniarci che la santità, proprio come diceva Madre Teresa, non è un lusso di pochi. Ma qualcosa che, al contrario, compete e spetta a tutti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Magdi

    04 Ottobre @ 23.13

    Davvero la figura di Anna Maria Adorni rivesto oggi di una particolare luce e richiamo; lei, così particolare nella sua semplicità, così materna nella sua piccollezza, così presente in mezzo a noi, per insegnarci qualcosa sulla verità della persona umana e sulla vita autenticamente vissuta, vuole portare un vero "risveglio" nella città di Parma, così come ama sottolineare lo scrittore Agnetti. Madre Adorni ci invita oggi ad avere il coraggio della verità in una vita spsa per il bene degli altri, alla luce dell'Amore, che non tramonta mai.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

TV PARMA

Parma calcio, stasera a Bar Sport parla la società: in studio Malmesi

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

PARMA

Cinquanta ragazzi di Baganzola a scuola... di golf Foto

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto