12°

19°

Parma

Via Bramante, sfratto rinviato per una famiglia con due bimbi

Ricevi gratis le news
6

Lui, artigiano, ha perso il lavoro nel luglio di due anni fa. Lei non lavora. E poi ci sono due figli, di 4 anni e 3 mesi. Tutti insieme vivono in via Bramante, nel quartiere Montanara, in un appartamento in affitto, ma non pagano il canone da due anni e mezzo: per questo oggi è arrivato lo sfratto esecutivo, rinviato all'11 novembre. Sul posto questa mattina, in segno di protesta, sono arrivati i volontari della rete "Diritti in casa", mentre mancavano i Servizi Sociali del Comune che avevano proposto alla famiglia un alloggio per la madre e i piccoli in un residence convenzionato con l'amministrazione mentre per Giuseppe si sarebbero aperte le porte del dormitorio. Questa proposta non era stata accettata dalla famiglia. Il proprietario di casa ha acconsentito al rinvio, nonostante non solo non percepisce il canone, ma da tempo si è fatto anche carico delle spese condominiali (riscaldamento compreso) della famiglia.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Tony

    22 Ottobre @ 21.31

    Vorrei chiederle, signora Torri, prima di lanciare proclami a totale difesa di persone "opportuniste", si è informata anche sulla situazione in cui si trova la famiglia "Mario Rossi" (il nome è volontariamente ripreso dalla mail di Alessandro) da tutti conosciuta e, soprattutto, benvoluta nel quartiere? Quando l'11 novembre avverrà l'ennesimo tentativo di sfratto coattivo, visto che i servizi sociali non sono in grado di svolgere le attività a loro preposte, perché signora Torri, non ospita lei, GRATUITAMENTE, la famiglia del sig. Giuseppe a casa sua, per almeno un paio d'anni?

    Rispondi

  • Geronimo

    22 Ottobre @ 15.59

    Grande Wolf, come facciamo adesso visto che la famiglia è in parte italiana e straniera? il padre aiutato dai servizi sociali e la madre in romania? E i figli? uno a testa oppure in un paese neutro tutti e due?

    Rispondi

  • katiatorri

    22 Ottobre @ 11.16

    Parma - Bloccato uno sfratto al quarto accesso dell'Ufficiale Giudiziario La Rete Diritti in Casa riesce a far posticipare ancora una volta lo sfratto di Giuseppe, Angela e i loro 2 bimbi. 21 / 10 / 2010 Ennesimo sfratto, per fortuna evitato, a Parma: a essere colpita questa volta è una famiglia con due bimbi, una neonata di 4 mesi e uno di 4 anni, residente in Via Bramante, nel quartiere Montanara. Il padre, Giuseppe, è senza lavoro da oltre un anno e la famiglia si trova pertanto in stato di morosità con conseguente procedura di sfratto avviata ormai da diversi mesi. Il 9 settembre infatti, data del terzo accesso dell'Ufficiale Giudiziario, era stato già ottenuto il primo rinvio grazie alla massiccia presenza degli attivisti della Rete diritti in casa che si sono fatti trovare nell'appartamento insieme alla famiglia. Oggi l'Ufficiale Giudiziario, giunto in compagnia del proprietario dell'appartamento, del suo legale e di una pattuglia di poliziotti, ha trovato ancora una volta di fronte a sè troppi impedimenti per svolgere l'esecuzione dello sfratto: più di 30 persone hanno manifestato complicità e solidarietà alla famiglia di Giuseppe e Angela dalle 7 del mattino fino all'ora di pranzo. Nonostante l'insistenza dei proprietari dell'immobile di riappropriarsi dell'abitazione (esigenza comprensibilissima, vista la loro situazione economica non ottimale, comune a molte coppie di pensionati con un unico appartamento di proprietà), l'Ufficiale Giudiziario è stato costretto a rimandare l'esecuzione dello sfratto all'11 novembre per problemi di ordine pubblico. Durante la lunga trattativa con i proprietari e le forze di polizia, più volte si è cercato di coinvolgere i servizi sociali del quartiere che fin dall'inizio avrebbero dovuto trovare una soluzionbe accettabile alla famiglia. Ma perfino il pressing svolto dallo stesso ufficiale giudiziario si è dimostrato vano. I servizi sociali, incapaci di svolgere un servizio alle persone che chiedono loro aiuto, oltre ad essere uno strumento di vessazione che il comune utilizza per allontanare i propri cittadini dal pretendere il rispetto dei propri diritti, ci segnalano lo stato comatoso degli istituti di welfare locale. Nessun piano concreto di sostegno al reddito, nessuna forma di affitto ad canone sociale sostenibile ma solo enormi boutade mediatiche che pubblicizzano nuovi progetti di housing sociale che garantiscono solo i profitti dei costruttori e deturpano il territorio ed il verde pubblico cementificandolo. Questo è il piano per risolvere l'emergenza abitativa a Parma: distruzione dei servizi sociali, contributi a pioggia ai grandi costruttori, e nessun intervento serio per arginare l'impoverimento di fasce sempre più ampie di popolazione. A tutto questo la Rete Diritti in Casa ha deciso di dire basta. Con una promessa ben chiara alle istituzioni cittadine: nessuno resterà senza una casa. rete diritti in casa

    Rispondi

  • wolf

    21 Ottobre @ 23.12

    >Ennesima storia in cui i virtuosi “Diritti in Casa”, sempre i soliti, hanno solo cambiato la loro “Ragione SOCIALE” vi sguazzano con immensa SODDISFAZIONE !....ma cos’è sta roba ?....un proprietario di un immobile affittato, deve pagare la relativa pigione nonché le spese condominiali etc…ma la LEGGE Italiana NON prevede tale INCIVILE DEFORMAZIONE !.... ALLORA….non è possibile essere senza lavoro da due anni e mezzo nonché avere un SECONDO figlio durante tale periodo di disoccupazione !!.....sarebbe comunque GIUSTO sapere da dove tale famiglia proviene…poiché se Italiana i SERVIZI SOCIALI COMUNALI se ne devono OBBLIGATORIAMENTE farsene carico, se STRANIERA, SPIACENTE ma a casa LORO immediatamente !.....

    Rispondi

  • merilu'

    21 Ottobre @ 20.41

    ma santo cielo....due anni e mezzo che non lavori che non paghi l\'affitto,hai gia\' un bimbo e ne fai un\'altro!!!!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va