Parma

Caritas: in Emilia crescono nuovi poveri tra chi ha lavoro

Caritas: in Emilia crescono nuovi poveri tra chi ha lavoro
Ricevi gratis le news
7

Una regione che soffre la crisi in modo leggermente inferiore alla media nazionale, ma in cui non mancano le nuove forme di povertà. È la fotografia dell’Emilia-Romagna come emerge dal secondo dossier sulle povertà presentato dalla Caritas regionale a Bologna.

«Questo rapporto non è un punto di arrivo ma un punto di ripartenza – ha detto il delegato regionale Caritas Gianmarco Marocchini aprendo i lavori – Vuole essere un modo per parlare e fare delle riflessioni sulla povertà». Il documento, intitolato 'Quanto manca all’aurora?', è basato sui dati Istat e su quelli delle persone che si sono rivolte ai centri di ascolto Caritas suddivisi per diocesi. Il risultato è una regione in cui, nonostante un sistema di ammortizzatori sociali e familiari sostanzialmente funzionante, i poveri sono in aumento.

Secondo l’Istat, nel 2009 in Emilia-Romagna le famiglie in condizione di povertà relativa erano oltre 73.000, pari al 4,1% del totale. In aggiunta ci sono i cosiddetti nuovi poveri ossia persone occupate o in cassaintegrazione improvvisamente travolte da spese che non riescono più a sostenere. Non a caso è aumentata la percentuale di occupati che si sono rivolti ai centri di ascolto dell’Imolese, del Ravennate, nella zona di Carpi e nella provincia di Piacenza in cui i 'working poor' hanno superato il 20% del totale.

Lo scorso anno la Caritas ha incontrato 18.396 persone. A pesare molto sono soprattutto la carenza di abitazioni adeguate, i problemi legati a sfratti per morosità e l’indebitamento. In aumento anche le donne, gli stranieri con permesso di soggiorno e le persone con disturbi psicologici. «Dalla chiesa viene uno stimolo alla giustizia ed è compito della politica rimuovere gli ostacoli che ci sono – ha detto l’assessore regionale alle politiche sociali Teresa Marzocchi – Nella lotta alla povertà stiamo andando bene, ma siamo in grandissima difficoltà. Durante la crisi abbiamo lavorato soprattutto su coloro che hanno sceso lo scalino della povertà. Uno sforzo che economicamente ci ha tagliato le gambe. Vogliamo preservare il welfare sviluppando dei nuovi modelli di intervento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    24 Ottobre @ 19.55

    La crisi esiste anche perchè si preferisce cambiare ogni 6 mesi il cellulare e prenderlo da 500 euro all'ultima moda piuttosto che mangiarsi una pizza. siamo il paese al mondo con più cellulari procapite, ne abbiamo più di uno a testa. Ma mi chiedo, siamo normali?

    Rispondi

  • coruzzi angela

    24 Ottobre @ 15.02

    Per Peter: La Caritas - quindi la Chiesa - aiuta tutti indistintamente, senza guardare la provenienza geografica delle persone, tantomeno il loro credo politico o religioso. Glielo assicuro, perchè ho la fortuna/sfortuna di toccare con mano, nel vero senso della parola! Sono tanti gli aiuti, dai generi alimentari, agli indumenti, al pagamento delle bollette, ecc. al fine di non farli ulteriormente indebitare presso finanziarie senza scrupoli o - peggio ancora - strozzini. La Caritas aiuta tutti coloro i quali si ritrovano in una situazione di povertà e purtroppo anche gli italiani che non arrivano più a fine mese e le garantisco che sono tanti... tantissimi. Si vede che il Popolo Italiano aveva alzato troppo la cresta e stava troppo bene... E allora vai che gli tagliamo le gambe! Il nostro governo dovrebbe essere più ragionevole e noi Italiani più riflessivi di fronte alla scheda elettorale. Saluti. Charlotte

    Rispondi

  • morris

    24 Ottobre @ 10.41

    Naturalmente per rimediare a questa situazione di disagio il rimedio esiste ed e' semplice: " accogliere un numero crescente di immigrati"..... e la Caritas e' in prima linea nell'applicazione di questo principio di " buon senso"..... congratulazioni vivissime.

    Rispondi

  • Way to Freedom

    24 Ottobre @ 10.41

    I nuovi poveri sono tutti quelli che guadagnano intorno ai mille euro al mese e magari devono anche mantenere una famiglia. Quando siamo entrati nell'euro ci avevano raccontato che era una cosa necessaria per risanare il debito pubblico ma il debito pubblico non è calato, anzi è continuato ad aumentare. Forse l'euro sarà servito a livello statale ad ottenere qualche finanziamento in piu', ed a coprire gli sperperi e i tanti errori della classe dirigente che tra l'altro non perde mai occasione per criticare le nuove generazioni (vero Padoa Schioppa?, tra l'altro la ringrazio per averci fatto entrare in Europa, adesso magari potro' fare il povero a Berlino o a Dublino e chissà dove, ancora grazie ) Fatto sta che i sacrifici per entrare nell'euro sono stati TUTTI scaricati sulla gente e i prezzi sono andati completamente fuori controllo. Maledetto euro ci stai rovinando. Io sinceramente spiragli per il futuro non ne vedo. Buona fortuna a tutti.

    Rispondi

  • Damn

    24 Ottobre @ 09.02

    Ma che strano! A sentire certi telegiornali sembra che la crisi sia già finita da tempo! In TV non si parla di altro che di ripresa! Mah, è evidente che queste notizie sono diffuse dai comunisti (sarcasmo).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS