11°

22°

Parma

Coppe, diario di un «bombarolo» Una vita esplosiva in 9 racconti

Coppe, diario di un «bombarolo» Una vita esplosiva in 9 racconti
Ricevi gratis le news
0
Roberto Longoni
Uno spartito di scoppi, un effetto domino di crolli: mattoni, pietre e putrelle che cadono in un nuvolone grigio-bianco che sale. Poi il silenzio, l'adrenalina che cala solo quando la polvere s'è diradata e si capisce se la dinamite ha fatto il suo dovere al centimetro. Infine, tolte di mezzo le macerie, al posto di un pericolo, di un incubo di cemento o di un ponte traballante appare la pagina bianca di uno spazio recuperato.  In 25 anni d'attività, Danilo Coppe  di queste pagine ne ha messe insieme un bel po'. Gliene è bastata una minima parte, per farne un libro, «Dynamite Stories» (Fermo editore, Parma), nel quale racconta la sua vita  di «bombarolo» il cui decalogo parte con un «non uccidere, non ucciderti, non fare danni». «Il mestiere più bello del mondo». Mestiere che «dà la carica» e - per prima - fa saltare in aria la noia. Perché non si tratta solo di calcolare quanto esplosivo serve, per ottenere il crollo chirurgico (e a volte è questione di centimetri), ma di stabilire dove piazzarlo. E di arrivarci. Per questo Coppe, classe 1963, ha il brevetto di rocciatore, speleologo, fuoristradista (nel 1991 ha vinto il Camel Trophy speciale Italia) e sommozzatore. Per certi versi, ha anche il brevetto di «eterno ragazzo», che ha scelto la strada dopo essersi fatto rapire dai documentari di «Avventura», da film come «Vite vendute» o «Hellfighter» e dai supereroi dei fumetti della Marvel.  Tra l'uno e l'altro dei seicento scoppi guidati, ha trovato il tempo per essere presidente dell'Istituto ricerche esplosivistiche, direttore, su incarico della Commissione europea, del Progetto di ricerca sulle difese da attacchi terroristici con esplosivi, docente per l'Agenzia industrie Difesa e presso vari comandi dei vigili del fuoco. L'Università di Nanchino gli ha conferito l'onorificenza per la ricerca sull'uso degli esplosivi contro gli incendi nei boschi. Un volume dinamitardo e dinamico (e forse l'elegante cassetta di legno che lo racchiude serve proprio a «tenerlo fermo»), il suo. Lo si capisce subito, senza leggere il titolo.  In copertina, il primo degli otto ecomostri del Villaggio Coppola eretti sul litorale domiziano crolla al suolo, se si inclina il libro: effetto della stampa lenticolare nella quale una seconda immagine si sovrappone alla prima. Un giochino che rende semplice ciò che semplice non è, nonostante Coppe ricordi: «Non esiste problema che non possa essere risolto con un'adeguata carica esplosiva». Anche se i «problemi» sono alti 45 metri e mettono insieme centomila metri cubi di solidi muri e soffitti pericolanti e sono in mezzo a una città, affacciati a una strada sopraelevata di grande traffico. Genova, 12 maggio 1992: il 28enne Coppe conquista gli onori della cronaca con l'abbattimento dell'ex albergo degli emigranti, poi caserma dei vigili del fuoco e infine ingombrante rovina liberty. «La bestia immensa» lo definisce lui. Da tirar giù con oltre mille cariche, dopo aver sfrattato centinaia di gatti e  superato le resistenze di associazioni ambientalistiche che avevano avvistato fiori sul tetto, di studiosi dell'emigrazione in cerca di testimonianze postume e di strani personaggi pronti a giurare che lì abitasse lo spirito di Che Guevara.  Da abbattere, ci sono assurdità e ostacoli di ordinaria burocrazia. Come per il Savoia Excelsior di Rimini. Mesi di attesa per certificati e permessi, con l'obbligo di  rispondere anche a domande tipo: «Ritiene Ella che le vibrazioni indotte dell'esplosione possano causare onde anomale sulla vicina spiaggia?» A volte, è l'uomo. A volte sono gli animali a mettersi di mezzo. Come i siluri che gli «assaggiano» le gambe protette dalla muta da sub, mentre l'esplosivista si immerge nel Po per minare i piloni di un vecchio ponte tra Porto Tolle e Taglio di Po, in provincia di Rovigo. A volte è la religione. Come in Marocco, quando chiamato per abbattere un masso enorme che incombe su una diga,  si sente dire: «Coppe, che Allah lo protegga, è pur sempre un infedele». Ci vuole un decreto ad hoc, per permettere un'eccezione alla legge che vieta agli «infedeli» di maneggiare esplosivo sul suolo islamico. Uno pensa di averle provate tutte, dopo questa. Non è così. In agguato c'è sempre la «sorpresa totale: professionale, umana, fisica», per un'operazione  con i vigili del fuoco («sempre un privilegio e un onore lavorare con loro»). Succede a L'Aquila, per l'abbattimento di un edificio lesionato dal sisma, sospeso su una strada di grande scorrimento. Anche se ha gli uffici nella tendopoli, la burocrazia oppone solide e solite resistenze. Poi ci si mette il cielo, con tempeste elettriche e «una rabbiosa grandinata dalla quale vengo letteralmente smerigliato», ci si mette la terra, con l'ennesima scossa («il tetto oscilla sotto i nostri piedi»). Infine, poco prima dell'imbrunire, lo scoppio. Missione compiuta. Il primo intervento con esplosivi permesso a civili dal dopoguerra in zone terremotate. «Si è dimostrato che funziona. Se le autorità vorranno, sarà possibile risparmiare decine di milioni di euro per la ricostruzione». Coppe, come compenso, ritiene «doveroso chiedere solo il rimborso delle spese vive. Non ho voluto speculare sulla tragedia dell'Abruzzo, come stanno facendo in molti». «Bombarolo», ma di  cuore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto