Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

Autobus

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
18

L'associazione temporanea d'impresa formata da Busitalia Sita Nord e da Autoguidovie è riuscita ad ottenere da parte di Smtp l'assegnazione definitiva della gara per la gestione del trasporto pubblico locale, per un periodo di 9 anni. La notizia è stata resa nota dalla stessa Smtp, attraverso la pubblicazione, sul proprio sito internet, della determina dirigenziale che assegna a Busitalia (società del gruppo Ferrovie dello Stato) la gestione del trasporto pubblico in tutto il territorio parmense.
Nei mesi scorsi, i vertici di Tep avevano manifestato l'intenzione di presentare ricorso al Tar contro il vincitore della gara, sottolineando anomalie nell'offerta presentata da Busitalia. L'accusa mossa alla società delle Ferrovie è di proporre uno sconto troppo elevato e di promettere cospicui investimenti in mezzi e tecnologie. Nel caso in cui Tep decidesse di rivolgersi alla giustizia amministrativa, avrà 30 giorni di tempo per farlo, a partire da oggi. Intanto, l'azienda locale di trasporti ha presentato una richiesta di accesso agli atti, per verificare tutta la documentazione presentata dai vincitori. P.Dall.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nicola Martini

    29 Aprile @ 15.20

    La Tep è un asset fondamentale per il nostro territorio, il fatto che finisca con il perdere l'affidamento del servizio è un fatto grave, che a mio modesto parere denota mancanze di non poco conto nelle capacità della classe dirigente che ci governa. Alcuni potranno pure considerare positivo questo avvicendamento ma dal punto di vista di chi scrive tutto ciò conferma come sia stata male amministrata Parma in questi anni. La Tep, attraverso il Comune e la Provincia che ne sono soci, è dei parmigiani e dei parmensi, cosa ben diversa da Busitalia nella cui compagine aziendale i nostri Enti territoriali non figurano. Tep è stata risanata nel tempo con i nostri sforzi e le nostre risorse e produceva utili che rimanevano nel territorio, che potevano essere reinvestiti in azienda ed utilizzati per migliorare un servizio (di certo perfettibile). Con Busitalia le politiche inerenti la mobilità dovranno probabilmente essere discusse a Roma anziché a Parma ed i dividendi, come è comprensibile che sia, non andranno a vantaggio delle comunità di Parma e Provincia ma del gestore del servizio. Essere proprietari della propria azienda di trasporto permette un maggior margine di manovra nel gestire politiche delicate come quelle relative al Tpl, cosa che diviene più difficile nel confrontarsi con una società gestita in modo privatistico che non ha legami col territorio. Sempre a modesto avviso di chi scrive la vicenda Tep poteva avere un epilogo diverso se solo la proprietà avesse subdorato il rischio ben percepibile di aver a che fare con colossi del settore in fase di gara, cercando non solo di effettuare alleanze con altre aziende ma sopratutto non distribuendo milioni di dividendi, come hanno "denunciato" sulla stampa cittadina alcuni Consiglieri comunali, in prossimità del bando di affidamento indebolendo così le risorse utilizzabili per effettuare un'offerta effettivamente competitiva. Da ultimo, resto convinto che la gara fosse evitabile date le specifiche caratteristiche dell'azienda (es. proprietà pubblica con operatività sul territorio degli Enti proprietari), svolgendo il c.d. affidamento in house providing del servizio, come previsto dal Regolamento UE 1370/07, ex Art. 5, c. 2 (v. link). Le caratteristiche principali per percorrere detto sentiero a mio parere v'erano tutte, pertanto si poteva mantenere la gestione del Tpl a Parma, in attesa di rafforzare l'azienda. http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2007:315:0001:0013:IT:PDF

    Rispondi

    • Filippo

      29 Aprile @ 16.48

      Martini, io mi auguro non solo che Scarpa vinca le elezioni, ma anche che le venga chiesto di ricoprire l'assessorato ai trasporti e mobilità. E se lei non volesse, le venisse imposto...

      Rispondi

      • Nicola Martini

        29 Aprile @ 19.58

        Sig. Bertozzi sono lusingato, la ringrazio molto. Le confesso che mi ha strappato una risata in merito all'imposizione in caso di rifiuto. Buona serata. Cordialmente.

        Rispondi

        • Filippo

          30 Aprile @ 12.19

          Era una battuta, ma non troppo lontana da quel che penso realmente: in Italia abbiamo un disperato bisogno di persone competenti, nei ruoli adeguati. Il problema attuale è che i populisti urlano ai quattro venti la loro (presunta) onestà, dimenticando che l'incompetenza fa maggiori danni della corruzione (e questa non è una mia opinione, ma risultato di una ricerca della "Rivista di politica economica", una delle più autorevoli in Europa).

          Rispondi

        • Nicola Martini

          30 Aprile @ 20.14

          Concordo con lei. In questo nostro (sfortunato) Paese c'è bisogno di gente competente. Nelle realtà normali l'onestà di fatto è un prerequisito. Un incompetente, per quanto possa essere onesto, rischia di produrre danni enormi. Per il resto da noi c'è bisogno anche di stroncare la corruzione ed inserire appunto soggetti competenti. Poi, aggiungo io, che certe battaglie demagogiche rischiano di produrre situazioni aberranti. Una cosa che non sono mai riuscito a digerire in questi anni è il concetto del massimo 2 mandati, quasi che l'esperienza sia dannosa. Tutto ciò, oltretutto travisa in toto meccanismi e strumenti che in poche realtà sono utilizzati esclusivamente per le cariche c.d. apicali. Il ricambio all'interno del sistema (concetto sacrosanto, per carità) non si crea con regole assurde che nella migliore delle ipotesi creano una classe dirigente di dilettanti allo sbaraglio, i quali rischiano di essere maggiormente "manovrabili" a causa della poca esperienza. Buona serata.

          Rispondi

  • Uccio

    29 Aprile @ 14.28

    Michelotto è certo che comune e provincia dovranno vigilare sui nuovi gestori dei trasporti nel parmense (non solo nel comune governato da Pizzarotti)...ma è anche vero che questi hanno vinto una gara regolare senza aste truccate o visione anticipata delle buste favoriti dal politico corrotto di turno. È ora che ti svegli dal tuo letargo; con Pizzarotti sono finiti i concorsi e le gare truccate come succedeva e succede dove governano ancora i tuoi adepti dei vecchi partiti...qualsiasi essi siano. Nel caso, i nuovi gestori avessero fatto offerte troppo al ribasso non congrue con il servizio, toccherà alla magistratura prendere provvedimenti in merito.

    Rispondi

    • Filippo

      01 Maggio @ 06.48

      "Con Pizzarotti sono finiti i concorsi e le gare truccate"... proprio così: con lui sono stati indetti e poi annullati senza spiegazione (teatro regio), oppure prorogati senza bando pubblico, a trattativa privata (servizio gestione rifiuti ed illuminazione pubblica)! Siete veramente dei fenomeni a voler credere ostinatamente alla vostra realtà virtuale...

      Rispondi

  • Michele

    29 Aprile @ 11.53

    mandra_sala@libero.it

    #baclan... mi dispiace per te ma la TEP è controllata dal comune di Parma. Ne è proprietaria di oltre il 50%. L'altra quota è della provincia di Parma. pizza rotti è il sindaco uscente e andante, non ha fatto nulla. Ha messo lì Rubinibil siluper dirigente NOMINATO..... quali risultati ? baclan. ... beata ignoranza !!!!

    Rispondi

  • Michele

    29 Aprile @ 09.55

    mandra_sala@libero.it

    @BETTI il servizio era scadente per colpa di questa giunta: RUBINI il super dirigente superpagato che non su e ridotto lo stipendio come indicato da M5S.... Rubini doveva portare una strategia di crescita, di ottimizzazione delle linee (TRAGITTI) e sei servizi. Cosa ha fatto ? Nulla. Tutto uguale... con esigenze e città che cambiano. Occorre togliere sovrapposizioni, definire una o due circolari. ... abbiamo strade con 6...7 linee di bus !!!! Incapacità. Fallimento TOTALE si, ma della giunta pizzarotti. Non della TEP.

    Rispondi

  • Enzo

    29 Aprile @ 09.49

    "L'accusa mossa alla società delle Ferrovie è di proporre uno sconto troppo elevato e di promettere cospicui investimenti in mezzi e tecnologie". Frase che si commenta da sola. Grazie Tep, non sentiremo la vostra mancanza. Ci accontenteremo di una società che costa meno di voi e investe di più di voi.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

3commenti

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande