12°

23°

Parma

Lavoratori dello spettacolo in sciopero: presidio davanti al Regio

Lavoratori dello spettacolo in sciopero: presidio davanti al Regio
Ricevi gratis le news
5

"La cultura è un bene comune e primario come l'acqua: i teatri, le biblioteche, i musei e i cinema sono come tanti acquedotti". Le parole di Claudio Abbado riecheggiano nell'altoparlante. Frasi firmate dal direttore d'orchestra che sono accompagnate da musica e da cartelli dei lavoratori dello spettacolo che oggi hanno scioperato contro i tagli alla cultura.
Una cinquantina di persone si sono date appuntamento davanti al Teatro Regio per dare voce alle loro ragioni.  Sarte, ballerini, scenografi, maschere, direttori d'orchestra: ognuno questa mattina ha portato la sua storia e le sue idee appoggiando virtualmente l'elenco proposto da Abbado alla trasmissione di Raitre "Vieni via con me".  Alcuni hanno distribuito volantini, altri hanno mostrato cartelli ("Sono una sarta teatrale del Teatro Regio e sono senza contratto"). 
Lo sciopero nazionale è stato indetto da Slg-Cgil, Fist-Cisl e Uilcom - Uil a cui hanno aderito anche associazioni come Anica e Agis. I sindacati chiedono "l'approvazione delle leggi quadro di sistema dello spettacolo dal vivo e cineaudiovisivo, la conferma del rifinanziamento per il prossimo triennio degli incentivi fiscali alle imprese del settore cinematografico e chiedono di riportare il Fondo unico dello spettacolo al livello del 2008, vale a dire a circa 450 milioni di euro. La situazione è infatti molto grave, quest'anno gli stanziamenti per il Fus potrebbero scendere a 262 milioni di euro, contro i 408 del 2010, e questo porterebbe ad una crisi non più controllabile nel settore".


MOTTA (PD): "BASTA TAGLI ALLA CULTURA
" - «Le motivazioni dei lavoratori del mondo dello spettacolo che oggi hanno deciso di mobilitarsi contro le politiche del governo, non possono che trovare la mia condivisione e il mio sostegno». Così la parlamentare parmigiana Carmen Motta (Pd) in una nota stampa. «Il Partito Democratico è da tempo impegnato nel sostenere i 250.000 lavoratori che hanno deciso di fermare la propria attività artistica per protestare contro i pesanti tagli imposti dal governo con la manovra finanziaria: le misure previste dal governo Berlusconi, riducono infatti al minimo storico il Fondo Unico per lo Spettacolo (-36.6%), colpendo in modo indiscriminato un settore produttivo che, nell’ultimo biennio, ha già perso 150.000 giornate lavorative, a scapito soprattutto dell’occupazione giovanile e femminile». «La Costituzione, all’art. 9, assume la cultura come valore fondamentale ed impegna la Repubblica a promuoverne lo sviluppo; malgrado ciò, a differenza degli altri governi europei che pur in tempi di crisi stanno investendo risorse per sostenerla, il governo italiano nega i dovuti finanziamenti e assesta un colpo mortale alle produzioni artistiche, palesando un disegno politico di privatizzazione della cultura. Il mondo della cultura è ancora in attesa dei contratti collettivi nazionali di lavoro, dell’approvazione delle leggi quadro di sistema, della legge sulla tutela sociale dei lavoratori, del rifinanziamento degli incentivi fiscali già esistenti per il prossimo triennio, chiede la non delocalizzazione delle produzioni ed il ripristino di 450 milioni di euro sul FUS. Parma è ricca di enti ed istituzioni artistiche di assoluta eccellenza nazionale ed internazionale: proprio per questo le ripercussioni dei tagli del governo incideranno negativamente sullo sviluppo futuro della nostra comunità. In questo senso le rivendicazioni dei lavoratori dello spettacolo sono rivendicazioni di tutti e vanno sostenute e condivise con la massima determinazione».
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luigi Boschi

    23 Novembre @ 00.15

    Se i tagli alla cultura devono essere fatti, non possono essere effettuati perseguendo le masse artistiche e i tecnici, cui deve essere richiesta qualità (non ulteriori sacrifici economici), ma eliminando le super remunerazioni e i benefit di tutti i dirigenti e sovrintendenti a cui deve essere richiesta competenza. I fannulloni di Brunetta sono proprio i suoi dirigenti che hanno messo a sacco la cultura italiana, creato buchi spaventosi, ricevuto consulenze e pluri incarichi. LB http://www.luigiboschi.it/?q=node/37461

    Rispondi

  • Giorgio Ossimprandi

    22 Novembre @ 22.23

    La cultura,dovrebbe finanziarsi col ricavato di ciò che nella "cultura" si è seminato!

    Rispondi

  • sabcarrera

    22 Novembre @ 12.42

    Scommetto che acnhe Abbado si arabbia se l'draulico non viene subito a riparargli una perdita d'acqua. Un senso di proporzione nell'arte è essenziale. Ci sono dei settori dello spettacolo che fanno cassa, perché non si dimostrano solidali con altri che non trovano spazio. Il cittadino ha già molto da fare non chiediamogli anche di mantenere questi.

    Rispondi

  • Sergio

    22 Novembre @ 11.44

    Un grande abbraccio a tutti i lavoratori del Teatro Regio. A quelli che non guadagnano 1000 Euro al giorno (piu' casa piu' auto), a quelli che hanno un diploma in uno strumento, a chi fa vivere il teatro. Agli altri, assunti da chi so io, non serve un abbraccio.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»