-1°

Parma

Vicofertile, la nuova palestra intitolata all'atleta Carlo Alberto Moisè

Vicofertile, la nuova palestra intitolata all'atleta Carlo Alberto Moisè
Ricevi gratis le news
0

La nuova palestra di Vicofertile, realizzata all'interno del complesso scolastico "Padre Lino Maupas", è stata intitolata a Carlo Alberto Moisè, uno dei maggiori atleti della storia sportiva locale del secondo dopoguerra. Alla memoria di questo pallavolista, appassionato anche di atletica leggera, viene intitolata una struttura all'avanguardia, realizzata utilizzando materiali selezionati per creare un ambiente di gioco confortevole per i più piccoli, ma anche studiato per consentire agli atleti di esprimere al meglio le proprie potenzialità.

La palestra - La palestra ha una superficie di 730 metri quadrati, con le pareti e il soffitto rivestiti di materiale fonoassorbente per ridurre al minimo il riverbero acustico, mentre il pavimento è in legno. Le dimensioni della struttura consentono l’installazione, se necessario, di una piccola tribuna spettatori a tre livelli di seduta. Nel nuovo fabbricato trova inoltre posto un ambulatorio medico al piano terra e quattro spogliatoi per consentire una rapida successione delle squadre in campo durante i tornei. La palestra può ospitare manifestazioni di basket, pallavolo e calcio a cinque

La biografia
- Carlo Alberto Moisè è stato uno dei più importanti campioni della storia sportiva ducale del secondo dopoguerra, distinguendosi ad alti livelli sia nella pallavolo, sia in varie discipline di atletica leggera.
Era nato a Massa Carrara il 1° giugno 1937, ma l’atmosfera parmigiana lo formò fin dalla giovanissima età. A Parma frequentò le scuole elementari alla “Fra’ Salimbene”, dove la sua grande passione sportiva trovò i primi fondamentali stimoli. Grazie agli insegnamenti di un altro protagonista della scena sportiva parmigiana dell’epoca, Ilario Toniolo (che fu arbitro internazionale di volley), Moisè ebbe modo di muovere i primi passi nell’affascinate mondo della pallavolo.
Un altro grande maestro dello sport parmigiano, il professor Renzo Del Chicca, incontrato da Moisè nel prosieguo della sua carriera scolastica, intravide nelle potenzialità atletiche del giovane la possibilità di formare un futuro campione.
L’esordio ai massimi livelli pallavolistici giunse per Moisè molto presto: a soli quindici anni indossò la casacca di serie A della squadra dei “Ferrovieri”, e due anni dopo fece il suo esordio in nazionale, in un incontro disputato a Reggio Emilia contro la Jugoslavia. Nel frattempo, nel giovane Carlo Alberto maturò anche un forte interesse per l’atletica, che lo portò a distinguersi nelle specialità del salto in alto, del lancio del disco e del peso. Il fatto di esser riuscito a spaziare con ottimi risultati in discipline così differenti fra loro, che esigono di volta in volta una maggiore attitudine per la potenza pura oppure per il dinamismo atletico più raffinato, la dice lunga sulle poliedriche doti sportive di Moisè.
Nel salto in alto raggiunse il limite personale di 1 metro e 95 centimetri, ma in molti sostenevano che avrebbe potuto superare abbondantemente la barriera dei 2 metri, se avesse dedicato esclusivamente a questa disciplina tutto il proprio impegno di atleta.
Il consuntivo della carriera sportiva di Moisè è un lungo elenco di traguardi prestigiosi: nella pallavolo, partecipazione a due campionati del mondo, a due europei, a due coppe Europa, ai Giochi del Mediterraneo e a due Universiadi; 72 presenze in nazionale A, 16 in quella universitaria e 2 nella juniores; nell’atletica, fu campione emiliano di salto in alto.
Nel 1962 Moisè si laureò in geologia, trascorrendo successivamente anche diversi anni in Africa per impegni dettati dalla sua professione. Sempre per esigenze lavorative si trasferì in seguito a Mestre dove morì prematuramente il 19 novembre 1991.

“Carlo Alberto Moisè è stato un gigante dello sport a Parma, e quindi è doveroso ricordarlo. Voi ragazzi ogni tanto leggete la targa di intitolazione davanti alla palestra, e chiedete ai vostri allenatori di raccontarvi la storia dello sport”, spiega l'assessore allo Sport, Roberto Ghiretti. “Praticare sport significa imparare a stare insieme agli altri”, aggiunge l'assessore. “Lo sport trasmette valori importanti per il vivere civile, come il rispetto delle regole e lo spirito di squadra, utile a contrastare un individualismo sfrenato. Quando si creano strutture importanti come questa palestra è doveroso intitolarle a persone che hanno tenuto alto il nome della nostra città”, afferma Fabio Fecci, assessore alla Toponomastica. “Ringrazio l'Amministrazione comunale per questa intitolazione che rende omaggio alla mia famiglia”, dice Alessandro Moisè, nipote di Carlo Alberto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5