10°

22°

l'omelia-appello

San Leonardo, don Mauro: "Non scappate da qui. Restate ed educate"

San Leonardo, don Mauro: "Non scappate da qui. Restate ed educate"
Ricevi gratis le news
15

La prima domenica dopo la tragedia. Che è una e tante insieme. La prima domenica dopo lo sgomento di fronte all'uccisione di Patience e Magdalene, dopo l'arresto del figlio e fratello Solomon, dopo che in tanti hanno percorso via San Leonardo con fiori, candele e domande inevase, per fermarsi davanti al civico 21. 

Partiva dalla chiesa, quel corteo improvvisato, doloroso e affettuoso. La chiesa dove questa mattina, durante la messa domenicale, il parroco don Mauro Pongolini ha donato ai suoi fedeli e al suo quartiere un'omelia forte, intensa e concreta. Che parla ai vecchi e ai nuovi parmigiani, a chi vorrebbe andarsene, a chi cerca colpe e colpevoli, a chi ha il compito di educare. Parla di oggi e di domani, della storia speciale del quartiere e di come San Leonardo - proprio nelle parole del parroco - può diventare "un anticipo di futuro".

Sceglie la parabola del seminatore, don Mauro. Di chi può - "con ritmo, con metodo, con perseveranza", permettere a ogni terreno di dare frutto. Qualcuno cadrà, altri no. E saranno prezioso raccolto. Ma resta comunque quella, la strada del lavoro: "con ritmo, con metodo, con perseveranza".

"Ho nel cuore ammirazione per la dignità con cui la famiglia Nyantakyi sta vivendo l’immane tragedia accaduta il 12 luglio scorso: le loro parole di fiducia stanno seminando buon seme", dice il parroco. E poi pensa a quella parte di raccolto che cade. 
"Manifestazioni di solidarietà ci hanno giustamente interpellato in questo urgente momento. Tanti sono accorsi. Ma neppure questa è la risposta che può durare: “…una parte – di buon seme! – cadde sui sassi e vennero gli uccelli del cielo” e lo divorarono. Quante giustificate distrazioni già da domani ci faranno ricadere nei nostri sacrosanti impegni privati o, peggio, nelle solite sentenze sbrigative e taglienti verso il quartiere, verso lo straniero, verso la polizia e i politici.
Non c’è regola e non c’è manifestazione pubblica che possano sostituire l’educazione paziente del cuore.
Per troppo tempo abbiamo snobbato scuola, educatori e insegnanti!
Per troppo tempo abbiamo ridotto la religione a un fatto coreografico da bambini!
Per troppo tempo lo sport, specie il calcio, si è ridotto a spazio di esibizione e vivaio di illusioni!
Per troppo tempo abbiamo giudicato spinelli e sbronze spacconate inevitabili dell’adolescenza!
Per troppo tempo abbiamo abbandonato la politica come educazione ai contenuti e alle buone prassi per farne l’arena dove pretendere, urlando e offendendo, la salvaguardia dei nostri privilegi!
E a fare le spese di tutto ciò sono i più deboli, i meno attrezzati caratterialmente". Parole chiare, parole dure, parole necessarie.
Si rivolge ai suoi fedeli: "Non basta dirsi cristiani, occorre dar frutto. A tutti voi, fratelli e sorelle del mio quartiere vorrei dire: credeteci! Non scappate. Se vi allontanate, se cercate “luoghi tranquilli”, siete dei rinunciatari.
Restate ed educate! Non illudete i vostri figli: la vita è bella perché è dono e libertà da dipendenze compulsive; la vita è sempre nuova perché frutto di fatica e cura; la vita è creativa perché richiede passione e tenacia; la vita ha un futuro sempre perché è fatta di amore e fedeltà".

Si rivolge ai “nuovi italiani”, "da qualunque parte provengano. Se poi sono cristiani come me, mi sento ancor più in confidenza nel dire quello che ora dirò loro, perché sono miei fratelli e sorelle.
Venite con fiducia. Venite con fiducia perché tra cristiani ci vogliamo bene. Ma venite portando voi stessi: la vostra umanità. Venite per portarci il Vangelo così come Gesù lo ha seminato nei vostri cuori e per viverLo assieme con noi così come è stato seminato nei nostri cuori, nelle case e nelle strade che assieme abitiamo.
Non venite per copiare le nostre cattive abitudini; non venite per sognare un’esistenza facile e deresponsabilizzante; non venite per essere arrivisti, leggeri, affascinati dalle grandi autovetture, dalle tecnologie all’avanguardia che vedete o immaginate di vedere in chi invidiate. Se fate così, vi auto-colonizzate, vi auto-umiliate, mettete da parte le vostre tradizioni più nobili per assumere le nostre consuetudini meno nobili".

Ha fiducia nel San Leonardo, don Mauro, e nella buona terra che qualcuno forse non sa più vedere, ma c'è: 
"Possiamo essere l’anticipo del futuro; quello che stiamo osservando: un mondo pieno di porte che si aprono e portano da un paese all’altro, da una cultura all’altra, da una religione all’altra… E’ un processo inarrestabile.
Da almeno cento anni il nostro quartiere è una “terra di mezzo” dove gli antichi contadini hanno imparato a fare posto agli operai; gli operai che in cinque minuti si recavano al turno di lavoro, agli impiegati che ogni mattina hanno bisogno dell’automobile; ed ora: dove le antiche etnie parmigiane o regionali italiane colloquiano con i nuovi accenti provenienti dai diversi continenti. E l'’animo popolare e l’apertura cordiale degli abitanti del nostro quartiere è proverbiale in tutta la città di Parma.
Costruiamo, allora il nostro futuro. Anzitutto (e qui sta il bello della solidarietà umana di questi giorni) riconosciamoci come uomini e donne; e poi riconosciamoci anche come uomini e donne libere dalla paura".

Eccole, tante delle parole che c'era bisogno di trovare. Per tracciare il cammino di una comunità che ha bisogno di ritrovarsi e immaginare un futuro di speranza e dignità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    17 Luglio @ 21.33

    mandra_sala@libero.it

    ECCO la soluzione: una persona come Don Mauro alla guida della città. Anzi alla guida di una nazione. ... Don Mauro, le sue parole mi hanno commosso, fantastico.

    Rispondi

    • giorgiop

      18 Luglio @ 14.27

      giorgiop

      Ironia fuori luogo, inutile rimarcarlo, su un argomento difficile. Don Mauro ha diritto di esprimere le proprie opinioni, che possano essere o no condivisibili, come tanti altri che popolano questi blog, anche se non sempre ne sono degni. Don Mauro è un prete e come tale esprime un'idea di fratellanza che non sempre è praticabile, condivisibile, accettabile. Personalmente dissento del tutto con quello che dice perchè un conto è predicare bene un altro è rendersi conto della realtà. Io ho abitato a S.Leonardo dal 1961 al 2015, non poca roba, e quando me ne sono andato ho lasciato un pezzo di cuore; ma quello che ho lasciato era una cosa diversa da quella che mi ha accolto e la ripida discesa del wellfare ha coinciso con la dissennata distribuzione degli immigrati e delle loro abitudini di vita. Purtroppo.

      Rispondi

    • leoprimo

      17 Luglio @ 23.36

      poverino mostri col sarcasmo la tua pochezza!!!!!!!!!!!!

      Rispondi

  • the mari

    16 Luglio @ 22.33

    Parole bellissime don, orgoglioso di essere cresciuto al san Leo. Le immagini di tutta la gente che si è unita al dolore di quella famiglia incendiano il cuore. Una lezione di vita per tutti.

    Rispondi

    • the mari

      17 Luglio @ 07.57

      Pero' avrei anche da aggiungere che se la gente del San Leo deve "restare per educare" non deve farlo da sola come è stato finora. Non va bene che in centro e nei Palazzi ci si beva Parma alla movida mentre il disagio lo si scarichi nelle periferie alle cure dei missionari caritatevoli. Io sono orgoglioso che la popolazione di questo quartiere abbia dato segnali di altissima civiltà e umanità invece di cedere alle facili pulsioni intransigenti xenofobe e razziste ma.... bon si mo c...n no ah.....

      Rispondi

      • filippo

        17 Luglio @ 19.26

        infatti, anche io sono orgoglioso che loro siano felici di avere gli spacciatori sotto casa , del resto il motto del PARTITO è che questi ci pagano le pensioni...contenti loro, contenti tutti, specie chi non ha queste risorse sotto casa

        Rispondi

  • Bastet

    16 Luglio @ 21.48

    .... che poi se avessi figlie adolescenti sarei già scappata da un quartiere dove ad ogni angolo vedi preziose risorse tutto il giorno, spesso e volentieri ribaltate dall'alcool e risorse delinquenti che lavorano in bici! Me ne voglio andare io che ho un figlio maschio ed è ancora piccino! Sapere che mia figlia alle 20 rincasasse da sola in certi quartieri....anche no!

    Rispondi

  • Bastet

    16 Luglio @ 21.44

    C'è poco da educare don.... se i ciclo pusher facessero figli...cosa salterebbe fuori? Che educazione potrebbero mai avere se non quella di delinquenti e criminali? Il don ignora forse che in alcune zone non puoi tirare fuori il cell. La pianta si raddrizza quanto è piccola dopo è troppo tardi! E dalla gramigna non nasce un roseto! E da un pero non nasce una mela!

    Rispondi

  • Flux21

    16 Luglio @ 20.04

    A parte i deliri ignoranti di un commento su scuse dei cristiani... tra l'altro come se i cristiani fossero un unica entità... Don Mauro dovrebbe essere il primo a educare e a convertire i suoi parrocchiani, soprattutto i nuovi..., annunciando il Vangelo... mentre la Chiesa, attualmente, si sta comportando come qualsiasi ONG e ci sono associazioni a Parma, come quella dell'ineffabile Don Cocconi (con Parrocchia in via Farini...) che ricevono centinaia di migliaia di euro per i clandestini che ospita in quartieri sfortunati e che peggiorano sempre di più!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Crozza torna in Rai. Per Fazio

Fazio e Crozza sul palco di Sanremo 2013

televisione

Crozza torna in Rai. Per Fazio

1commento

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

MUNICIPIO

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

15commenti

COLLECCHIO

Una discarica nel guado del Baganza, scatta la protesta

Municipale

Incidente stradale, ieri sera, in Località "Il Moro"

Tordenaso

Addio a Bortolameotti, uomo dal cuore grande

2commenti

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

TABLEAUX VIVANTS

Se bimbi e fotografi (over 60») fanno robe da circo

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

Scuole

Studenti a rischio a Corcagnano

2commenti

"Robe da Circo"

Bimbi e fotografi ne combinano di "tutti i colori" Video

gazzareporter

In piazza Garibaldi è arrivato Capitan Acciaio Gallery

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

«L'emergenza sicurezza è frutto della mancata certezza delle pene e delle espulsioni difficili» dice Pizzarotti a pochi giorni dall'udienza con papa Francesco.

53commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

1commento

BASKET

Fulgor, si presenta l'orgoglio di Fidenza

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Germania

Elezioni: vince la Merkel, estrema destra in Parlamento

FURTI

Colpi in tutta Italia, presi "maghi" chiave bulgara. Il deposito a Reggio Emilia

4commenti

SPORT

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

Sport USA

NFL, altro successo per i Falcons

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

1commento

siracusa

Tenuta come schiava in casa, arrestato marito marocchino

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery