-3°

Parma

I cicloamatori: "Sempre più rischi sulle strade"

I cicloamatori: "Sempre più rischi sulle strade"
Ricevi gratis le news
29

di Caterina Zanirato

La sicurezza dei ciclisti? E’ to­talmente in mano agli automo­bilisti. La strage di Lamezia Ter­me, che ha visto la morte sul col­po di 7 ciclisti a causa di un sor­passo, è solo l’ultimo di tanti casi drammatici. E che purtroppo so­no in continuo aumento, dato che in crescita è il traffico sulle strade, che rimangono sempre le stesse. Di conseguenza, cresce anche la paura dei cicloamatori parmigiani: la forza di gambe che ogni giorno riescono a pe­dalare anche per 100 o 150 chi­lometri non è nulla contro quella di un suv che sfreccia in una stra­da di campagna.

«Siamo consapevoli dei rischi che corriamo e che purtroppo au­mentano con gli anni - spiega Claudio Folli, presidente del cir­colo Filippelli Vecchia Parma ­. Anche nel nostro gruppo, che conta circa 90 iscritti, ci sono stati molti incidenti, a volte anche mortali. I più tragici sono stati quelli in cui hanno perso la vita Lorenzo Susca e Ivano Taciti. Il primo, appena 29enne, è stato tamponato da un auto pirata a San Polo ed è andato a sbattere contro l'unica colonna che c'era lungo la strada. Il secondo, 49en­ne, è stato urtato da un’auto a Langhirano, è caduto proprio nel momento in cui dall’altro lato ne stava transitando un’altra. A vol­te è colpa degli automobilisti in­disciplinati. Altre volte è proprio la sfortuna: basta una caduta, una scivolata. E un’auto in arrivo..

L'articolo completo e altre interviste sono sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nandone

    10 Dicembre @ 16.42

    Condoglianze alle famiglie delle vittime della strada. Buon senso e civilta' sono la ricetta, ma purtroppo sono ingredienti duri da reperire. Per motivi di lavoro e per svago sono alternativamente da una parte e dall'altra del tavolo della "controversia" e devo dire che in auto chiudo il 2010 con 50.000 km e pochissime infrazioni al codice, unica macchia nel curriculum un divieto di sosta sanzionato, in bicicletta chiudo l'anno con circa 3500 km e devo dire che si' sono in linea con tutti gli amanti delle due ruote e ammetto che sono molto piu' indisciplinato in bici che in auto, capita di fare dei contromano in citta' e via dicendo penso che almeno una ventina di verbali me li abbiano abbuonato i vigili urbani. Pensandoci bene se avessi una targa attaccata alla bici sarei molto piu' disciplinato Cmq ragazzi buon senso da entrambe le parti e civilta' Come sempre aria fritta

    Rispondi

  • Andrea Violi

    08 Dicembre @ 18.50

    Secondo me non bisogna dividersi in fazioni (automobilisti contro ciclisti e così via) perché bisognerebbe che usasse la bici, quando può, anche chi di solito va in auto. Io ho la patente e devo andare al lavoro in auto (faccio 30 km ad ogni viaggio) ma quando posso amo usare la bici e se ho tempo vado anche a piedi. Il problema non è chi è più furbo, se uno al volante o uno al manubrio. Il problema non è il mezzo che si usa, ma il modo con cui lo si usa: auto bici camion si possono usare in modo intelligente oppure in modo poco intelligente. Esempi di comportamenti poco illuminati: le bici che imboccano strade contromano, i conducenti delle auto che si lanciano in sorpassi azzardati, gente che usa il cellulare alla guida di auto e di biciclette, così è distratta e fa disastri... Insomma, pensiamo tutti a come migliorare le cose, anziché scannarci fra noi e dividerci come al solito in "partiti", cioè in gruppi uno contro l'altro.

    Rispondi

  • caspao

    08 Dicembre @ 18.47

    premessa: vi sono automobilisti indisciplinati e ciclisti indisciplinati se tutti facessero la loro parte vi sarebbe qualche incidente in meno. Purtroppo rimane la fatalità, rimane la distrazione, rimane l'automobilista che tampona un ciclista perchè si accorge troppo tardi che non riesce a sorpassarlo e la strada è stretta ed arriva un'altra auto (ad esempio in via montanara verso Gaione). PURTROPPO la coesistenza di mezzi cosi diversi in cui uno dei due è palesemente più vulnerabile fa si che il problema non ha soluzione. Se non piste separate ma non è certo facile affinacare ad ogni strada extraurbana una ciclibale. Diverso il discorso in città li basta la prudenza da parte di tutti. Io non pratico lo sport della bicicletta perchè non metto la mia vita nelle mani di chi mi raggiunge alle spalle!! Non c'è soluzione al problema!

    Rispondi

  • daniele

    08 Dicembre @ 18.27

    io guido un camion e vado in bici, devo dire che spesso sono in difficoltà non solo con le bici ma con scooter e auto la scorsa settimana una donna in auto con su un bebè mi ha affiancato in una rotonda nei pressi dell'enia str baganzola!!!! secondo voi? voleva avere ragione... spesso i ciclisti sono sovra pensiero oppure chiacchierano e sono distratti gli automobilisti sono sempre di fretta ed è inevitabile il disastro appunto per questo ho mollato la bici da strada e ora uso la mountain bike, col culo che ho verro impallinato da un cacciatore!!! BISOGNA ESSERE PRUDENTI TUTTI

    Rispondi

  • Condominio Rustici

    08 Dicembre @ 18.20

    In questi ultimi vent'anni si è fatto molto per la sicurezza stradale: asfalti drenanti, illuminazioni, segnalazioni, piste riservate, auto e moto tecnologiche. E la bicicletta? E' ancora quella di Bartali, del "gruppo" che corre su strade extraurbane, ora troppo frequentate per essere sicure. Tutti gli sport, dalla briscola alla caccia, si sono adeguati a nuove norme su salute e sicurezza. Se non ci sono più le condizioni per il giretto domenicale amatoriale, consiglio di girare in pista!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento