12°

Parma

Differenziata: la provincia di Parma prima in Regione

Differenziata: la provincia di Parma prima in Regione
Ricevi gratis le news
6

Parma al primo posto in regione per raccolta differenziata, con una percentuale del 54,3%, mentre il dato complessivo regionale risulta invece per la prima volta in calo rispetto all'anno rptecedente. Ecco il testo del comunicato stampa della Regione Emilia Romagna:

 Nel 2009 la produzione di rifiuti urbani in Emilia-Romagna si è, per la prima volta nell’ultimo decennio, ridotta rispetto all’anno precedente, con una diminuzione dello 0,9% in termini assoluti e dell’1,8% in termini di produzione pro-capite. E’ diminuito del 10% anche il ricorso alla discarica che nel 2009 ha interessato solo il 46%  del totale dei rifiuti indifferenziati, continuando un trend discendente iniziato nel 1996 quando tale percentuale era al  77%.

Continua poi ad aumentare (+2%) la raccolta differenziata che ha raggiunto il 47,4% dei rifiuti urbani, pari a 323 kg pro-capite. Un dato questo che pone l’Emilia-Romagna nettamente al disopra del dato medio nazionale di 165 kg per abitante e che è prossimo all’obiettivo del 50% previsto dalla normativa nazionale. E’ quanto emerge dal Rapporto 2010 sui rifiuti elaborato da Arpa in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna. che è stato presentato a Bologna dall’assessore regionale all’ambiente Sabrina Freda.

“Sono dati positivi che ci invitano a proseguire su questa strada. Prevenzione, ovvero riduzione della produzione di rifiuti, raccolta differenziata e recupero di materiale  - ha detto Freda - sono gli obiettivi fondamentali che perseguiamo, in linea con quanto previsto anche dall’Europa, che ci chiede di fare del conferimento in discarica una soluzione sempre più residuale e di ridurre progressivamente anche l’incenerimento, sia pur con recupero di energia. La direttiva 98 del 2008  in particolare stabilisce come obiettivo il 50% di recupero sul totale dei rifiuti raccolti. Noi lavoriamo per raggiungerlo.“

Proprio per migliorare sempre più raccolta differenziata e recupero Freda ha firmato il rinnovo della convenzione tra Regione e Conai, avviata nel 2007. In Emilia-Romagna infatti il 53% del totale dei rifiuti differenziati raccolti è costituita da rifiuti da imballaggio (alluminio, carta , legno, plastica e vetro) e di questi una parte significativa rientra nella gestione del sistema consortile Conai/Consorzi di filiera, al quale aderiscono in regione 134.500 imprese. 

Pierluigi Gorani del Conai e Vito Belladonna direttore tecnico di Arpa Emilia-Romagna hanno sottolineato l’importanza di lavorare non solo sulle quantità di raccolta differenziata, ma anche sulla qualità dei materiale raccolti per migliorare poi le percentuali di effettivo recupero. Belladonna ha ricordato che l’Emilia-Romagna è una regione completamente autosufficiente nella gestione dei propri rifiuti e ha fornito alcuni dati sull’attività di controllo che Arpa svolge su tutto il territorio: nel 2009 sono stati 700 le ispezioni in aziende, 450 i campioni sugli impianti di gestione dei rifiuti, 110 i campionamenti sulle emissioni degli inceneritori, 200 quelli sulle acque sotterranee.

 

I dati per provincia, le percentuali di recupero
Secondo il Rapporto nel 2009 la produzione complessiva di rifiuti urbani in Emilia-Romagna è stata di poco inferiore ai 3 milioni di tonnellate pari a circa 682 kg per abitante. Nel 2008 il corrispondente dato medio regionale era di 695 kg pro capite. Questo dato risente della scelta che la Regione ha fatto di “assimilare” ai rifiuti urbani anche parte dei rifiuti legati alle attività commerciali e artigianali, che vengono in questo modo sottoposti ai controlli e alle regole della gestione pubblica.

La provincia che produce meno rifiuti in Emilia-Romagna è quella di Bologna con 571 kg pro capite, quelle che producono di più le province costiere di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena (rispettivamente 837, 793 e 781 kg pro capite), a causa della forte incidenza delle presenze turistiche nel periodo estivo.

Anche la raccolta differenziata presenta un andamento differenziato sul territorio, con punte del 65% in alcuni Comuni e quantitativi fermi al 35% in altri. Mediamente i risultati migliori vengono raggiunti nei comuni di piccole-medie dimensioni, anche grazie alla possibilità di sperimentare pratiche innovative come il “porta a porta”.

Una considerazione questa che può contribuire a spiegare il dato della provincia di Bologna del 39%. I territori provinciali che “differenziano” di più sono quelli di Parma e Reggio Emilia (54,3 e 54%).

Dei circa 1 milione 400 mila tonnellate di rifiuti urbani che sono raccolti in modo differenziato la percentuale che viene avviata a recupero è intorno al 78%. Considerando le diverse frazioni merceologiche, al primo posto vi è il legno con l’89%, seguito da carta-cartone con l’84%, plastica con il 75%, vetro con il 64%, metalli 51%. La quasi totalità del verde e dell’organico raccolti in modo differenziato viene avviata a recupero.

La parte di rifiuti che non è raccolta in modo differenziato (circa 1 milione 600 mila tonnellate) viene avviata per il 46% in discarica, per il 42% ai termovalorizzatori, per il 9% a impianti di biostabilizzazione, per il 2% è trasformata in combustibile da rifiuti e per l’1% in materiale di recupero.

Osservando l’andamento nel tempo del ricorso a discarica o ad inceneritore, si nota come il primo stia progressivamente diminuendo ( da quasi il 70% del 2001 al 46% del 2009), mentre il secondo stia aumentando ( da poco più del 20% del 2001 al 42% del 2009), i linea con quanto previsto dalle direttive europee.

IL COMMENTO DI CASTELLANI -  “Essere i primi in una regione avanzata come l’Emilia Romagna ci riempie di orgoglio”. Queste le parole dell’assessore provinciale all’Ambiente Giancarlo Castellani a commento del primo posto della provincia di Parma sulla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

“ Il risultato è il frutto dell’impegno dei comuni del territorio e dei cittadini, in questo coordinati e stimolati dall’azione della Provincia che con l’approvazione del piano provinciale gestione rifiuti del 2005 ha stabilito le linee e le azioni per affrontare questa complessa tematica in modo moderno e efficiente – continua Castellani -  Il traguardo del 65% previsto per il 2012 è dunque alla nostra portata anche perché abbiamo alcuni comuni che hanno già raggiunto e superato quel livello. Per lo sviluppo del sistema porta a porta la Provincia ha contribuito con risorse proprie anche sul piano economico a riprova di un impegno coerente e determinato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Armella

    11 Dicembre @ 10.35

    Come alcuni hanno già scritto, anche a me il numero di contenitori sembra esagerato. Il porta a porta funziona bene, ma una volta che il cittadino è abituato a riciclare non ce n'è più bisogno. Riciclare è un po' come un vizio, quando inizi non smetti più. In ogni caso, non mi sento di criticare il comune per la scelta del porta a porta e di conseguenza della tassa sui rifiuti, perché probabilmente era l'unico modo per iniziare una raccolta differenziata su grande scala. Però, gradualmente e magari solo nelle zone più virtuose, si potrebbe iniziare a togliere il porta a porta, tornando ai cassonetti grandi.

    Rispondi

  • manuel

    11 Dicembre @ 09.05

    Il porta a porta è fondamentale per aumentare la % di raccolta differenziata. Per quanto riguarda il decoro urbano sono anche io in accordo con polastor, non dimenticando che spesso il problema è dovuto agli abitanti della zona stessa, che preferiscono lasciare il bidone in strada piuttosto che tenerselo in casa. Di questo se ne dovrebbe fare carico il comune in concerto con l'ente preposto alla gestione dei rifiuti. Oramai dobbiamo pensare ad applicare una tariffa puntuale sulla quantità di rifiuto che si produce non differenziato e sulla quantità di svuotamenti settimanali per abitazione. Ma per fare questo serve un progetto valido e il termovalorizzatore non darà una mano in questo senso....

    Rispondi

  • francesco brundo

    11 Dicembre @ 03.14

    con quello che ci fanno pagare la tassa sui rifiuti, gle li diamo anche separati, poi gli daremo anche la pensione ! che ipocriti ! 2 persone 300 euro di tassa rigiuti, ma pagateci voi !

    Rispondi

  • franco ceccarini

    11 Dicembre @ 00.57

    Un risultato importante quello della raccolta differenziata dei rifiuti attuata dalla maggior parte dei comuni con il sostegno della provincia,potrebbe essere un risultato migliore se non ci fosse un capoluogo frenatore ,che pur essendo il comune che produce la maggior parte dei rifiuti ,rimane al palo ,da anni la raccolta differenziata e mal gestita e il porta a porta non viene attuato dappertutto.

    Rispondi

  • brucia brucia

    10 Dicembre @ 21.41

    Inceneritore avanti a tutta forzaaaaaaa

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS