10°

22°

Parma

La difesa di Antonella Conserva: "E' inopportuno che il pm Musti si esprima"

Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa

Comunichiamo protesta per l'intervento e il contenuto delle dichiarazioni della d.ssa Lucia Musti nell'intervista apparsa questa mattina sul quotidiano La Gazzetta di Parma, laddove si legge "La vera mente pensante è lei, Antonella Conser­va". Il pm Lucia Musti lo disse tre anni e mezzo fa, durante la requisito­ria-fiume tenuta con il collega Silverio Piro e lo ripete all'indo­mani della sentenza della Cassa­zione. Confermato l'ergastolo per Mario Alessi; tutto da rifare, almeno in teoria, per la sua ex convivente. «Ma siamo di fronte a un vizio di forma, non a una dichiarazione di non colpevolez­za - sottolinea il magistrato -. E così, mentre per quanto riguar­da Alessi posso esprimere la massima soddisfazione, per la Conserva dico che sono serena e fiduciosa. Bisognerà attendere: ci sarà un nuovo processo in Ap­pello e poi, probabilmente, in Cassazione, ma sono convinta che la conclusione sarà la stessa, perché credo assolutamente nel­la bontà del lavoro svolto dagli inquirenti del caso Tommy».
Del resto, per il pm bolognese, che ci voglia più tempo perché la legge possa chiudere i conti con An­tonella Conserva è quasi un'ul­teriore prova dei suoi convinci­menti. «Sono le persone che pensano prima di agire o di par­lare, a dare più problemi. E' più difficile mettere loro con le spal­le al muro»... ed altro.
La d.ssa Musti, già Pm nel processo di primo grado presso la Corte d'assise di Parma, non è parte privata ma è parte pubblica, è un funzionario dello Stato, viene pagata per coordinare le indagini e farle bene, e deve attenersi alle regole deontologiche e di opportunità: è inopportuno che si esprima su un procedimento laddove non ha più alcuna titolarità e dove ha attuato un operato che noi della Difesa dell'imputata Antonella Conserva abbiamo sempre contestato nelle giuste sedi. Occorre aggiungere che la d.ssa Musti e i suoi colleghi inquirenti hanno dato IMMERITATO CREDITO al rapitore Salvatore Raimondi, lo hanno ritenuto non presente sulla scena del delitto mentre il piccolo Tommaso veniva trucidato, lo hanno ritenuto attendibile e credibile: invece, perfino i Giudici di primo grado e dell'appello, nel condannare Antonella Conserva, hanno ritenuto Raimondi colpevole quanto Alessi dell'omicidio del bambino e ciò è dovuto SOLO a noi della Difesa della Conserva. Raimondi con le sue menzogne ha fuorviato le indagini, e nelle sue menzogne sono caduti sia gli inquirenti, sia gli avvocati della parte civile. Ed anche per tali motivi di errore palese la d.ssa Musti doveva evitare di esprimersi.
La d.ssa Musti, inoltre, ha parlato senza conoscere i motivi posti a fondamento del ricorso per cassazione, nel quale sono stati evidenziati vizi della sentenza impugnata tutt'altro che formali, riguardando aspetti connessi alla manifesta carenza, illogicità e contraddittorietà della motivazione redatta dalla Corte bolognese, che oltre tutto ha violato i criteri di valutazione delle prove previsti dalla legge. Ed appare evidente a chiunque che tutto ciò attiene alla sostanza, anziché alla forma. Non si comprende perché mail la d.ssa Musti, addirittura, si esprima sulla Cassazione e sull'Appello, laddove ben poco sa.
Invitiamo quindi tutti gli inquirenti che hanno partecipato alle indagini preliminari ed ai processi relativi Antonella CONSERVA di astenersi dal commentare l'accaduto solo per difendere a spada tratta il loro operato e i loro errori, in quanto essi investigano e devono investigare in nome e per conto del popolo italiano, e non per perorare una tesi che poi vanno a strombazzare sugli schermi e sulle pagine dei media.
Infine, quanto alla proclamata conferma delle proprie pregresse teorie accusatorie, così come rappresentate nella requisitoria conclusiva del processo di primo grado, basti considerare che taluni madornali errori di impostazione dell'accusa sono già stati evidenziati nelle due sentenze di merito emesse a Parma e a Bologna. Solo alcuni esempi: è caduto il raimondesco riferimento al ruolo di carceriera della Conserva, vero e proprio tormentone accusatorio della prima ora reiterato sino alla requisitoria; è non solo ben possibile, ma addirittura estremamente probabile - sulla base dei rilievi tecnici peritali - che la Conserva si trovasse nei pressi della propria abitazione in Coenzo ancora alle ore 20,17, mentre la d.ssa Musti, pur consapevole dell'esito della prova, continuò imperterrita a sostenere che la donna si trovasse nei pressi della scena del crimine, addirittura definendo ''pietra miliare'' della propria ricostruzione colpevolista quel dato fallace e già oggettivamente smentito.

Dott. Carmelo Lavorino, Coordinatore del Collegio Difensivo (di Antonella Conserva, ndr)
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato, i tifosi: "Tattica da rivedere"

Nel mirino soprattutto lo staff tecnico (da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al sondaggio)

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»