Parma

Abbandono di rifiuti: multe fino a 6 mila euro

Abbandono di rifiuti: multe fino a 6 mila euro
Ricevi gratis le news
16

Francesco Bandini

Sono circa 250 ogni anno i par­migiani che vengono multati per abbandono di rifiuti. E se finora gli «incivili» della spazzatura hanno dovuto pagare relativa­mente poco, dal 25 dicembre le sanzioni aumenteranno note­volmente. Per effetto del decreto legislativo 205/2010, le multe per i trasgressori andranno da un minimo di 300 a un massimo di 3 mila euro, che raddoppiano nel caso in cui i rifiuti siano pe­ricolosi, quindi fino a 6 mila euro (prima si andava da 25 a 150 e da 105 a 620 per quelli pericolosi).

La nuova norma recepisce la direttiva europea 2008/98/Ce e sarà immediatamente operativa in tutt'Italia, quindi anche nella nostra città. Che da tempo, come ricorda l'assessore all'Ambiente Cristina Sassi, è impegnata sul fronte della lotta all'abbandono dei rifiuti. In seno alla polizia municipale, infatti, esiste un nu­cleo di vigilanza ambientale, composto da tre agenti che fra i propri compiti hanno anche quello di intervenire in caso di abbandono di rifiuti, in partico­lare per individuare e sanziona­re gli autori e far rimuovere la spazzatura abbandonata...

L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MAX

    21 Dicembre @ 15.43

    uuuuuuuuu che esagerazione!!!! certo al multa ci vuole ma sino a quella cifra? e poi chi o che cosa stabilisce la cifra? viene stabilita a discapito di come la vede e pensa il vigile che ti multa? a seconda di quali presunti parametri il vigile stabilirebbe la quantita di denaro nella multa???? perchè allora ci vuole anche una bella tabella che tutti quanti dovremmo avere in visione per essere consci di quale multa prenderemmo se, ad esempio, lasciamo a fianco del bidone un sacchetto o un mobile o un elettrodomestico o un'auto o un rimorchio o una bettoniera o una scavatrice o goldrake!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • federico

    21 Dicembre @ 15.40

    bravo Maurizio!!!! non hai capito nulla del provvedimento. A dire il vero non lo capisco nemmeno io: cioè il butto una lavatrice giù dalla panoramica Riano Cozzano come segnala Giorgio e per far si che la norma funzioni mi devo filmare col videofonino e mettere tutto su iutiub. Ma come si fa a "pluccarli" quelli che lasciano il rudo in giro ??? Norma assolutamante inutile.

    Rispondi

  • Luca

    21 Dicembre @ 14.36

    scusate ma stiamo scherzando? Punti di raccolta, fila? Ma sapete che a parma non c'è solo la crocetta? VIA TOSCANA, MOLETOLO... Quanti ne volete di più? Costano parecchio nel loro mantenimento, altre città neanche li hanno... La fila? per pagare al mediaworld il super LCD LED da 60" la fila la si fa volentieri, per preservare l'ambiente no? Io mi dico: meno male che c'è la fila, almeno vuol dire che la gente le usa! E per la multa, agli italiani purtroppo se non tocchi il portafoglio non ti danno retta. Siamo un popolo di falliti, perchè abbiamo la testa da falliti... E l'Italia va male perchè la classe politica è lo specchio del popolo, sia esso di destra o di sinistra... Tutti caproni uguali ed opportunisti...

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    21 Dicembre @ 12.18

    La Barilla è, finora, l’unica azienda che indica sui contenitori dei suoi prodotti dove debbano essere smaltiti: vivissimi e sinceri complimenti. Ma perché è l’unica? Se tutti facessero così le cose andrebbero meglio. E poi perché ogni comune fa a modo suo? Lo stesso rifiuto ha destinazioni diverse a seconda del comune. Se questi sono i vantaggi del tanto decantato federalismo stiamo proprio freschi: avremo migliaia di piccole repubbliche con le loro farneticazioni autonomiste e deliri normativi. Ringraziamo la Lega del regalo che ci sta dando. E poi perché nessuno, ma proprio nessuno, interviene sulla produzione dei rifiuti, sulla montagna di roba inutile che siamo costretti a portare in casa per il solo fatto di acquistare qualcosa, dal rotocalco, al salame: carte, incarti, vaschette, involucri: un tempo non c’erano ed i rifiuti erano mille volte di meno. Oggi poi non si ripara più nulla e via a sostituire ed a creare nuovi rifiuti: anche questo dettaglio è stato dimenticato dagli ineffabili amministratori che però sono abilissimi a puntare il dito contro i cittadini, cioè quelli che loro dovrebbero tutelare emanando norme comprensibili a tutti, uguali per tutti (da Bolzano a Lampedusa, per dare criteri univoci) e soprattutto semplici da applicare. Tanto risolvono tutto con un buon salasso di euro perché siamo tutti ricconi! E la crisi? Quella c’è quando devono dare i servizi pagati con le tasse, tra le più alte del mondo e tutte concentrate nei redditi minori. Ricordarsi di tutto questo alle prossime elezioni sarebbe una buona idea.

    Rispondi

  • Franco

    21 Dicembre @ 11.46

    Io non riesco a capire ... ok a molta gente manca la coscienza ecologica ma questa cosa della multa mi pare proprio una vessazione ed è esagerata. Prima di multare le persone con queste cifre assurde e ingiustificabili occorre moltiplicare i punti di raccolta dei rifiuti ingombranti in modo che una persona per liberarsi di qualche oggetto non debba passare un pomeriggio alla crocetta con personale oltermodo indisponente. A mio avviso per far fare un balzo avanti alla raccolta differenziata occorre obbligare i produttori a mettere in circolazione imballi biodegradabili e di facile disassemblaggio ... ma per fare questo occorre legiferare ... costruttori e politici vanno a braccetto, quindi prima di vedere un bel salto ecologico in avanti passerà ancora del tempo. E intanto si rifanno su di noi con queste vessazioni.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat