11°

17°

Parma

Il giudice: «No al sequestro del romanzo di Camilleri»

Il giudice: «No al sequestro del romanzo di Camilleri»
Ricevi gratis le news
0

di Georgia Azzali

Festeggia,  Montalbano,  a Natale. Ma potrà brindare anche «Il nipote del Negus».  Nella  strenna ci saranno tutti, figli più o  meno noti di Andrea Camilleri, compreso il suo ultimo romanzo «storico». Il giudice del tribunale civile di Parma, Massimiliano Razzano, ha infatti respinto la richiesta di Domenico Cacopardo di sospendere la pubblicazione de «Il nipote del Negus» e di ritirarne tutte le copie invendute. Nessuna condanna alle spese, però, che  saranno compensate tra le parti.
L'ordinanza di rigetto del ricorso è già stata depositata, ma  la copia non  è ancora stata notificata a Giovanni Franchi, il  difensore dello scrittore, origini siciliane ma da anni residente a Parma.    Impossibile, dunque, entrare nel merito delle motivazioni, anche se si può ipotizzare che il giudice abbia ritenuto mancassero i  presupposti, o forse solo uno, del «fumus boni iuris» e del «periculum in mora» per presentare il ricorso ex articolo 700, ossia in via d'urgenza.  Tradotto, il magistrato  potrebbe  aver ritenuto  che Cacopardo non avesse il diritto di chiedere la sospensione della pubblicazione del libro di Camilleri  o che, comunque, non fosse necessario agire con un provvedimento d'urgenza prima di una causa che entri nel merito del caso.
Ma cosa aveva spinto lo scrittore siciliano  a portare in tribunale il creatore del commissario Montalbano? Tutta «colpa»  di un quasi anonimo, di quell'Aristide Cacopardo,  controllore di biglietti sulla linea  ferroviaria  Palermo-Vigata, uno dei personaggi di fantasia inseriti da Camilleri nel romanzo. Il problema è che il ferroviere ha una grande passione, o meglio un'imperdonabile velleità: «... è fissato - scrive Camilleri a pagina 88 del libro  - d'essere un grande scrittore e consuma il suo stipendio pubblicando romanzi a sue spese». Il controllore di biglietti prestato alla letteratura ha un nome diverso dal «vero» Cacopardo, autore di nove romanzi dal '99 ad oggi, ma  il bersaglio di Camilleri sarebbe comunque stato  lo scrittore. 
«Anche secondo la giurisprudenza non è necessario che il nome altrui venga usurpato nella sua interezza per ottenere l'inibitoria - aveva sottolineato Franchi nel ricorso -. In questo caso il cognome è stato integralmente usurpato e anche se il nome è differente, il riferimento è chiaro. Quale scrittore - precisava ancora l'avvocato - non viene danneggiato dal fatto che un altro, e forse ancora più famoso, scriva di lui che paga per veder pubblicati i propri romanzi? Ma vi è anche una manifesta violazione di altri diritti, come l'onore e la reputazione, non potendosi certo criticare così indirettamente uno scrittore e dire di lui che è fissato d'essere bravo». 
Ma per il giudice non c'era ragione di mettere al bando il libro di Camilleri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

9commenti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" della Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va