22°

Parma

La memoria della città si sposta in via Spezia

La memoria della città si sposta in via Spezia
Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa

La realizzazione della nuova Cittadella degli Archivi, in via La Spezia, inizia a prendere forma. Il primo passo verso la creazione di un polo tecnologicamente all’avanguardia per la consultazione del patrimonio archivistico della città, conservato fino a poche settimane fa all’interno dell’Ospedale Vecchio, è già iniziato con la costruzione dei tre edifici che conserveranno l’intera documentazione dell’Archivio comunale. Nei prossimi mesi nell’area degli ex magazzini comunali troveranno spazio anche le strutture dedicate alle “carte” dell’Archivio di Stato.
 
La sala consultazione e gli uffici per il prestito
Il primo stralcio della Cittadella degli Archivi, inaugurato oggi, è composto dai tre edifici destinati ad accogliere la nuova sede dell’Archivio comunale. Gli utenti potranno accedere dalla palazzina uffici, al cui interno si trovano appunto i locali destinati all’amministrazione e alla gestione dell’archivio, l’area operativa dove avviene l’identificazione, lo stoccaggio e l’estrazione dei documenti che saranno inseriti nel sistema robotizzato, oltre ad una sala di studio  aperta al pubblico per la consultazione e lo studio dei documenti  – dotata di una ventina di posti a sedere – e ad una sala attigua riservata ai tecnici dove saranno consultabili le licenze edilizie e gli strumenti urbanisti. La palazzina, che ha una superficie complessiva di circa 300 metri quadrati, è dotata di servizi igienici sia per il pubblico che per i dipendenti, attrezzati per accogliere i disabili. La sala studio, al momento già operativa, è stata allestita dal personale dell’Archivio comunale, in modo da ridurre i costi del trasferimento dall’Ospedale Vecchio e velocizzare le operazioni. A tal proposito va ricordato che il servizio di consultazione, durante le operazioni di trasferimento della documentazione, è stato chiuso al pubblico solo per tre giorni, mentre ora è pienamente operativo. Il volume di documentazione messo a disposizione dei cittadini e degli studiosi nel corso del 2010 ammonta a 24.500 unità archivistiche.
Dall’ingresso di questa palazzina, l’utente potrà accedere anche ai locali dell’Archivio di Stato, mentre le sale di consultazione dei due archivi sono dotate di un collegamento diretto per rendere più agevole lo scambio di materiale archivistico.
 
Un archivio “lungo” 40 chilometri
L’intero patrimonio documentale dell’Archivio comunale sarà conservato in due edifici. Il primo, diviso su due piani per una superficie complessiva di 880 metri quadrati, è stato realizzato ex novo con tecnologie antisismiche, ed è dotato di 5 chilometri lineari di scaffalature tradizionali (cioè non automatizzate). Al piano terra è stato posizionato un archivio di tipo compattabile, mentre al primo piano sono stati montati scaffali tradizionali. I due piani sono messi in comunicazione da una scala e da un montacarichi per il trasporto dei documenti. La struttura è posizionata di fianco, lato sud, alla palazzina uffici, ed è accessibile soltanto dal personale dell’Archivio.
Il secondo edificio ha una superficie di 1750 metri quadrati e, a differenza del precedente, è stato dotato di un impianto completamente automatizzato per lo stoccaggio e l’estrazione dei contenitori, che sono stati disposti su un sistema di scaffalature lungo 35 chilometro lineari. Per ragioni di sicurezza, la struttura è accessibile solo dai tecnici addetti alla manutenzione dell’impianto automatizzato. Questo edificio, già esistente, è stato oggetto di un’operazione di riqualificazione e restauro, che ha permesso la rimozione della copertura in eternit.
 
 
Il sistema di archiviazione
L’archiviazione avverrà secondo canoni tradizionali sia secondo un sistema robotizzato. I documenti destinati all’archivio meccanizzato sono conservati all’interno di contenitori di plastica che, prima della collocazione definitiva, vengono identificati con un apposito “codice” di riconoscimento in grado di legare il contenuto alla scatola. Tutti i codici vengono memorizzati in una banca dati gestita dal personale dell’Archivio e l’estrazione dei documenti è guidata da un pannello di controllo installato nell’area operativa. Un robot esegue la ricerca, e una volta individuato il contenitore lo depone su un nastro convogliatore che lo porta direttamente all’archivista. Il sistema automatizzato, elaborato dalla società Archivi Robotica di Prato, consente la piena tracciabilità di qualsiasi documento in prestito, riportando il giorno di uscita e il nome della persona che lo ha richiesto.
 
Gli Archivi di Stato
Nell’area di via La Spezia nei prossimi mesi verranno inaugurati anche i tre edifici destinati al patrimonio documentale conservato nell’Archivio di Stato. Il primo edificio ultimato sarà quello posizionato di fianco agli uffici dell’Archivio Storico Comunale, e sarà grande 800 metri quadrati per un totale di 13 chilometri di scaffali. Entro i primi mesi del 2012 dovrebbe essere ultimato l’edificio lungo via La Spezia (mille metri quadrati di superficie per circa 20 chilometri di scaffalature), mentre nel 2013 sarà terminato anche l’ultimo locale, con una superficie di circa 1000 metri quadrati. 
 
DICHIARAZIONI:
 
“Si tratta di un primo tassello di un complesso destinato a diventare la Cittadella degli Archivi - ha spiegato il sindaco Pietro Vignali -. Oggi inauguriamo due edifici, strutture tecnologicamente avanzate, che ospitano l’Archivio comunale, poi procederemo con la realizzazione dell’Archivio storico di Stato, al momento collocato presso l’Ospedale Vecchio. Tutto questo ci consentirà da una parte di realizzare la Cittadella degli Archivi, dall’altra con il trasloco dell’Archivio di Stato l’avvio dei lavori nell’Ospedale Vecchio, intervento cruciale del progetto di riqualificazione dell’Oltretorrente”.
 
“E’ un intervento realizzato egregiamente, con grande dedizione, portato avanti dal personale dell’Archivio del Comune che ha prodotto in tre giorni tutto il trasferimento di questi documenti. E’ il primo stralcio di un progetto molto più ampio che vedrà l’arrivo qui anche dell’Archivio di Stato”, ha aggiunto l’assessore ai Lavori pubblici, Giorgio Aiello.
 
Per l’assessore al Patrimonio, Giuseppe Pellacini “la città si arricchisce di una nuova e importante struttura, realizzata in tempi rapidi e senza disservizi. Il fatto di avere a disposizione un impianto automatizzato consentirà di offrire all’utenza un servizio ancora migliore nell’accesso ai documenti che sono patrimonio della nostra città”.
 
  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»