Parma

Pappine e misture contro l'influenza

Pappine e misture contro l'influenza
Ricevi gratis le news
3

Lorenzo Sartorio

L'influenza c'è sempre stata. Un tempo era chiamata «fardòr», ora le si affibbiano nomi in codice da extraterrestre e la si cerca di isolare appena spunta come si fa con le erbe infestanti dei campi. La bastarda, che può provenire dalle più sperdute plaghe del globo, affinchè non provochi ulteriori danni, è fronteggiata dal vaccino: una sorta di punturina di speranza che dovrebbe attutire gli attacchi di tossi, raffreddori e febbroni da cavallo. Il panorama farmacologico moderno, infatti, è colmo di prodigiosi rimedi per la salute, ma un tempo le cose andavano in modo assai diverso.
Vediamo un po'  di percorrere a ritroso  il «fai da te sanitario» di ieri. Innanzitutto i nostri nonni, quando si ammalavano, il medico lo chiamavano al capezzale solo per motivi gravi e gravissimi, in quanto la gente si arrangiava per proprio conto, a volte rischiando la pelle, assumendo pozioni, misture e altre diavolerie frutto delle antiche tradizioni popolari unitamente a quelle segnature che per taluni disturbi quali: storte, vermi, «fuoco di S. Antonio», a detta degli ormai pochi sopravvissuti,  risultavano davvero efficaci.
Quando i  bambini si ammalavano  di influenza o buscavano  un sonoro raffreddore in quanto le case non erano  riscaldate, oppure  giocavano prevalentemente all’aria aperta, in strada, nella corte o sotto il portico ruzzolando nella neve,   i rimedi erano spartani: letto, latte bollente con miele, brodo caldo e le terribili «pappine» (impjàstor) e per concludere, chissà perché, sempre e comunque la purga che consisteva solitamente in una robusta dose di olio di ricino.
Il «rezdór»,  quando tosse e raffreddore facevano sul serio, difficilmente varcava le porte  della farmacia per acquistare le medicine. Era molto più facile che con l’amico farmacista facesse bisboccia all’osteria ma,  di farmaci, nemmeno l’ombra.  Quando gli occhi gli colavano e un autentico «cassone»  di catarro era trattenuto dentro lo stomaco il «rezdór» usava farsi fare dalla «rezdora» un «brulè» con vino gagliardo, chiodi di garofano, cannella e zucchero. Oppure, prima di andare a letto, ingeriva  una tazzona di latte bollente dove versava un bicchierino di cognac o grappa il tutto edulcorato con il miele.
Comunque sia,  anche in cucina, per quelle giornate di raffreddamenti,  si portava in tavola  roba calda: zuppe, brodini vari macchiati di vino rosso  prima di iniziare il pranzo e  l'immancabile «panadella» per cena,  ossia  pane secco imbibito in brodo con una spolverata di parmigiano e un cucchiaio d’olio. Ovviamente le ultime cucchiaiate di questa «pappetta» erano anch’esse accompagnate  da vino rosso. Ma anche le «medicone» venivano in aiuto con i loro empirici saperi alle epidemie influenzali  attraverso  i rimedi che offriva madre natura e cioè quei «miracolosi» infusi  di   erbe che potevano, in qualche modo, sostituire  i moderni antibiotici.
Quali erano allora le «piante  dell’influenza»? Come detto sopra, con i semi di lino,  si preparavano  le famose «pappine» o «cataplasmi». Mescolando i semi di lino con l’acqua scaldata sul fuoco del camino si dava origine ad una massa omogenea che non doveva prevedere grumi perché,  questi ultimi, avrebbero portato rogna. La lava incandescente ricavata  veniva raccolta su un panno ripiegato in quattro parti e quindi messa  sul torace, sulla gola e sugli arti di quei poveri disgraziati che venivano sottoposti  ad una simile tortura.
Un’altra pianta che le «donne dei segni» consigliavano come antipiretico era l'«elicriso»  («vióla d’òra»). Addirittura  le cronache affermano  che questa erba,  unitamente ad aglio e timo, fu utilizzata durante l’epidemia di «spagnola» che colpi alla fine  del secondo  decennio del  Novecento anche il Parmense. Decotti di  foglie  di  «polmonaria» («erba da rosp») venivano utilizzati nelle malattie  dell’apparato respiratorio. Infine il «timo» era considerato «l’antibiotico dei poveri» e quindi adatto per combattere  raffreddori,  tossi e febbri. Macerato in olio si ricavava un unguento che alleviava i dolori articolari e i reumatismi. Anche la bacche di «ginepro» («znévor»), essiccate e amalgamate con il miele,  si tramutavano in pillole per combattere la bronchite.
Forse per sdrammatizzare la paura  di malattie e epidemie  e per esorcizzare  il timore  del male  i nostri nonni avevano coniato un detto che poteva rappresentare la panacea di tutti i mali: «Col sudór di cantonér, la cosiénsa di molinär, il läghermi di prét a gh' venna fòra 'n unguént ch’al guarissa tutt' al malattii».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciola

    25 Gennaio @ 09.46

    Menzione d'onore al latte caldo+miele+cognac (o simili)!! :D Quello si che sburla!!!

    Rispondi

  • lorenzo

    24 Gennaio @ 19.00

    Un consiglio x tutti: nei periodi invernali fatevi fare uno zabaglione come faceva mia nonna prima di mandarmi a scuola, ricetta svelatami solo nell'età adulta, trattasi di: 12 rossi d'uovo, 100 grammi di zucchero, 1 bicchierino di marsala. Mescolare il tutto energicamente x a lcuni minuti e servire. Forsi l'è par col sabjòn lì che andeva a scola mes imbariegh! W lo zabajone della nonna!!!

    Rispondi

    • patrizia

      25 Gennaio @ 06.30

      erano "medicine " ingenue, che forse non portavano alla guarigione, ma sicuramente non erano nocive. e per di più non costavano nulla...a differenza di oggi. che.se entri in una erboristeria per comprare qualche rimedio naturale, lo paghi un sacco di soldi...

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto