10°

22°

Parma

Pappine e misture contro l'influenza

Pappine e misture contro l'influenza
Ricevi gratis le news
3

Lorenzo Sartorio

L'influenza c'è sempre stata. Un tempo era chiamata «fardòr», ora le si affibbiano nomi in codice da extraterrestre e la si cerca di isolare appena spunta come si fa con le erbe infestanti dei campi. La bastarda, che può provenire dalle più sperdute plaghe del globo, affinchè non provochi ulteriori danni, è fronteggiata dal vaccino: una sorta di punturina di speranza che dovrebbe attutire gli attacchi di tossi, raffreddori e febbroni da cavallo. Il panorama farmacologico moderno, infatti, è colmo di prodigiosi rimedi per la salute, ma un tempo le cose andavano in modo assai diverso.
Vediamo un po'  di percorrere a ritroso  il «fai da te sanitario» di ieri. Innanzitutto i nostri nonni, quando si ammalavano, il medico lo chiamavano al capezzale solo per motivi gravi e gravissimi, in quanto la gente si arrangiava per proprio conto, a volte rischiando la pelle, assumendo pozioni, misture e altre diavolerie frutto delle antiche tradizioni popolari unitamente a quelle segnature che per taluni disturbi quali: storte, vermi, «fuoco di S. Antonio», a detta degli ormai pochi sopravvissuti,  risultavano davvero efficaci.
Quando i  bambini si ammalavano  di influenza o buscavano  un sonoro raffreddore in quanto le case non erano  riscaldate, oppure  giocavano prevalentemente all’aria aperta, in strada, nella corte o sotto il portico ruzzolando nella neve,   i rimedi erano spartani: letto, latte bollente con miele, brodo caldo e le terribili «pappine» (impjàstor) e per concludere, chissà perché, sempre e comunque la purga che consisteva solitamente in una robusta dose di olio di ricino.
Il «rezdór»,  quando tosse e raffreddore facevano sul serio, difficilmente varcava le porte  della farmacia per acquistare le medicine. Era molto più facile che con l’amico farmacista facesse bisboccia all’osteria ma,  di farmaci, nemmeno l’ombra.  Quando gli occhi gli colavano e un autentico «cassone»  di catarro era trattenuto dentro lo stomaco il «rezdór» usava farsi fare dalla «rezdora» un «brulè» con vino gagliardo, chiodi di garofano, cannella e zucchero. Oppure, prima di andare a letto, ingeriva  una tazzona di latte bollente dove versava un bicchierino di cognac o grappa il tutto edulcorato con il miele.
Comunque sia,  anche in cucina, per quelle giornate di raffreddamenti,  si portava in tavola  roba calda: zuppe, brodini vari macchiati di vino rosso  prima di iniziare il pranzo e  l'immancabile «panadella» per cena,  ossia  pane secco imbibito in brodo con una spolverata di parmigiano e un cucchiaio d’olio. Ovviamente le ultime cucchiaiate di questa «pappetta» erano anch’esse accompagnate  da vino rosso. Ma anche le «medicone» venivano in aiuto con i loro empirici saperi alle epidemie influenzali  attraverso  i rimedi che offriva madre natura e cioè quei «miracolosi» infusi  di   erbe che potevano, in qualche modo, sostituire  i moderni antibiotici.
Quali erano allora le «piante  dell’influenza»? Come detto sopra, con i semi di lino,  si preparavano  le famose «pappine» o «cataplasmi». Mescolando i semi di lino con l’acqua scaldata sul fuoco del camino si dava origine ad una massa omogenea che non doveva prevedere grumi perché,  questi ultimi, avrebbero portato rogna. La lava incandescente ricavata  veniva raccolta su un panno ripiegato in quattro parti e quindi messa  sul torace, sulla gola e sugli arti di quei poveri disgraziati che venivano sottoposti  ad una simile tortura.
Un’altra pianta che le «donne dei segni» consigliavano come antipiretico era l'«elicriso»  («vióla d’òra»). Addirittura  le cronache affermano  che questa erba,  unitamente ad aglio e timo, fu utilizzata durante l’epidemia di «spagnola» che colpi alla fine  del secondo  decennio del  Novecento anche il Parmense. Decotti di  foglie  di  «polmonaria» («erba da rosp») venivano utilizzati nelle malattie  dell’apparato respiratorio. Infine il «timo» era considerato «l’antibiotico dei poveri» e quindi adatto per combattere  raffreddori,  tossi e febbri. Macerato in olio si ricavava un unguento che alleviava i dolori articolari e i reumatismi. Anche la bacche di «ginepro» («znévor»), essiccate e amalgamate con il miele,  si tramutavano in pillole per combattere la bronchite.
Forse per sdrammatizzare la paura  di malattie e epidemie  e per esorcizzare  il timore  del male  i nostri nonni avevano coniato un detto che poteva rappresentare la panacea di tutti i mali: «Col sudór di cantonér, la cosiénsa di molinär, il läghermi di prét a gh' venna fòra 'n unguént ch’al guarissa tutt' al malattii».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciola

    25 Gennaio @ 09.46

    Menzione d'onore al latte caldo+miele+cognac (o simili)!! :D Quello si che sburla!!!

    Rispondi

  • lorenzo

    24 Gennaio @ 19.00

    Un consiglio x tutti: nei periodi invernali fatevi fare uno zabaglione come faceva mia nonna prima di mandarmi a scuola, ricetta svelatami solo nell'età adulta, trattasi di: 12 rossi d'uovo, 100 grammi di zucchero, 1 bicchierino di marsala. Mescolare il tutto energicamente x a lcuni minuti e servire. Forsi l'è par col sabjòn lì che andeva a scola mes imbariegh! W lo zabajone della nonna!!!

    Rispondi

    • patrizia

      25 Gennaio @ 06.30

      erano "medicine " ingenue, che forse non portavano alla guarigione, ma sicuramente non erano nocive. e per di più non costavano nulla...a differenza di oggi. che.se entri in una erboristeria per comprare qualche rimedio naturale, lo paghi un sacco di soldi...

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Furto in vialla a Langhirano

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

4commenti

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

7commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel