22°

Parma

Gerra: «Basta punire i drogati: curiamoli»

Gerra: «Basta punire i drogati: curiamoli»
Ricevi gratis le news
0

 Monica Tiezzi

Dal suo ufficio viennese dirige quello che definisce il «volto umano» della lotta alla droga: quello che non si occupa di  repressione  e anticrimine, ma «mette al centro i tossicodipendenti», spiega. Gilberto Gerra, medico e docente universitario con un passato da direttore del Sert di Parma e dell'Osservatorio nazionale droga della Presidenza del Consiglio,  è dal 2007 a capo del settore Prevenzione droga e salute del programma    contro   droga e   crimine (UNODC)  dell'Onu,  diretto dal russo Yuri Fedotov. Tre i settori di cui si occupa il suo ufficio viennese - dove lavorano venti persone - e  i 25 referenti sparsi per il mondo, principalmente in Asia, Africa e America Latina: prevenzione e trattamento delle tossicodipendenze; sopravvivenza sostenibile e sviluppo alternativo (che include aiuti per la riconversione dei coltivatori di droga e anche dei piccoli spacciatori); unità anti-Aids.
Professor Gerra, quanti sono i tossicodipendenti nel mondo?
«Le banche dati sulle tossicodipendenze sono state istituite di recente  nel mondo occidentale, ma in gran parte del pianeta  ci si basa ancora su valutazioni  senza validità scientifica.  Si stimano   25 milioni di persone che fanno uso ‘continuativo e problematico’ di droghe, ma la forchetta di errore oscilla fra  15 e   38 milioni». 
 Come sta cambiando il mercato della droga?
 «I trafficanti hanno fatto un'abile operazione di marketing che ha aperto nuovi mercati: dal 2000 osserviamo  l'esplosione dell'eroina negli Usa e  della coca in Europa. Prima, anche per  contiguità con i luoghi di produzione, gli Usa erano invasi dalla coca del Sudamerica e il Vecchio Continente dall'eroina proveniente da Balcani, Asia centrale e Russia. Altra novità: si sono imposte le anfetamine,  stimolanti,  in Asia, tradizionalmente legata all'oppio, che è invece  un  depressore. Ma le anfetamine hanno anche un buon mercato in Europa e in Giappone, mente l'America Latina da produttrice sta diventando  anche consumatrice di coca». 
Che ne pensa dell'antiproibizionismo?
«Che per ora è destinato a rimanere un movimento e che le proposte di legalizzazione delle droghe trovano un ostacolo nella Convenzione internazionale contro le droghe, i cui allegati hanno stabilito  le sostanze illecite. La Convenzione è stata  ribadita anche di recente e   firmata da 188 dei 192 Paesi membri delle Nazioni Unite. Del resto, gli esperimenti in questa direzione finora   sono stati deludenti: l'Olanda sta facendo un passo indietro sui coffee shop che vendono cannabis, ponendo restrizioni  e riducendone il numero, l'ex premier britannico Gordon Brown è tornato sulla decisione di Blair  di declassificare la cannabis, reintroducendola nella classe A delle droghe, e il Canada sta ripensando la sperimentazione delle ‘injection room’ sotto la supervisione di medici».
Quali sono le linee guida del suo lavoro?
«Se il  problema della tossicodipendenza  viene affrontato solo con la repressione, puoi anche   far sparire dalla faccia della terra   ogni  droga,  e la gente cercherà altro, qualsiasi cosa. In Brasile i ragazzini troppo poveri per comprare una dose si iniettano ‘porcaria’, un miscuglio di benzina verde e Roipnol. Dietro il fenomeno droga, così come lo conosciamo dagli anni Sessanta, c'è un  malessere profondo.  Occorre trattare il tossicodipendente come si fa per qualsiasi altro malato. ‘Niente di meno’,  è  il nostro motto. Mentre l'Oms (Organizzazione mondiale della sanità, altro organismo Onu n.d.r) fino a pochi anni fa ha avuto  come priorità la cura di alcolisti e tabagisti».
Le cose sono cambiate?
«Ci stiamo provando. Abbiamo messo in piedi  programmi congiunti con l'Oms, che fino a qualche anno fa non cooperava  con l'UNODC. Bisogna cambiare la mentalità di molti Stati membri che considerano i tossicodipendenti persone da recuperare forzatamente attraverso la punizione. Noi sosteniamo, come aveva fatto Basaglia per i malati psichici, che il consumatore non può essere trattato senza il suo consenso, se non per periodi limitati e se è a  rischio la vita sua o di chi gli vive accanto. Lo sa che in alcuni paesi asiatici i drogati sono rinchiusi in campi lavoro al servizio, gratuito,  di varie aziende? Sempre in Asia,  i  tossicodipendenti  in astinenza vengono rinchiusi  in  gabbiette  di bambù,   senza alcun aiuto farmacologico, mentre  in un centro islamico chi cerca  di disintossicarsi viene immerso in una vasca con ghiaccio,  che acuisce il dolore.  Per non dire  di chi celebra il 26 giugno, giornata nazionale contro la droga, con esecuzioni di massa sulle pubbliche piazze di piccoli spacciatori, che sono anche consumatori». 
Insomma bisogna   passare dalla coercizione alla cura.
«Esattamente. La nostra ambizione è arrivare a dettare principi  di trattamento della tossicodipendenza  e  aiutare gli Stati membri  ad intraprendere politiche sanitarie  di prevenzione, cura e anche riduzione del danno -  che può essere una fase del recupero -  e di protezione sociale per bambini, adolescenti e famiglie. Cito ad esempio il programma Treatnet, attivo in 27 Paesi asiatici, africani mediorientali e dell'America Latina. O il programma di prevenzione mirato alle famiglie - due milioni  di dollari per  la fase pilota -  che adotta con successo strategie innovative, come incentivi, doni e cene gratuite    per agganciare famiglie a rischio che altrimenti non si sarebbero mai avvicinate. O la prevenzione sui luoghi di lavoro, che  coinvolge aziende, assicurazioni e sindacati  facendo capire loro che si tratta di un investimento che renderà l'azienda più produttiva, e non uno spreco di denaro».
A proposito di denaro, quanti fondi avete a disposizione?
«Il 20% del nostro finanziamento annuale viene dalle contribuzioni obbligatorie degli Stati membri e ci viene girato  dalla sede centrale Onu di New York. Il restante 80%   da contribuzioni volontarie degli Stati membri in base alla persuasività dei vari progetti. Nel 2010 abbiamo ottenuto 13 milioni per prevenzione, cura e terapia;  cinque milioni per sopravvivenza sostenibile e sviluppo alternativo;  e 30 milioni per il programma contro l'Aids. E mi piace sottolineare che i fondi volontari  sono decuplicati negli ultimi anni».   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

1commento

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

43commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

SOCIETA'

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro